L’ora del tè

 

Mi ha portato il tè.

Mi odia, ma il tè lo prepara sempre in orario.

La tazza di Meissen dalla forma perfetta, rose rosse e un filo dorato sul bordo, come piace a me. Il cucchiaino posato sul lato destro del piatto, come le ripeto sempre.  All’inizio metteva il cucchiaino sul “suo” lato destro e questo mi faceva andare in collera: come puoi pensare di servire il tè in questo barbaro modo? Ma sono paziente: so che viene da un posto dove in effetti “sono” barbari. Comunque, a furia di ripeterglielo, ha imparato. E così tutto il resto: mesi, mesi di continui rimproveri. Non è che solitamente io sia così puntigliosa, ma lo faccio per il suo bene, per fare di lei una cameriera almeno decente.

E invece di essermi grata, mi odia, ne sono certa.

Quando le ho detto di passarmi il tovagliolino, mi ha guardata in modo eloquente, come se pensasse qualcosa di maligno. Mi sono sempre chiesta se pensano, quelli come lei. Voglio dire, è chiaro che siamo tutti esseri umani, ci mancherebbe. Però non c’è dubbio, hanno tutto un altro modo di vivere, laggiù; hanno costumi strani e non sanno neanche cosa significhi la civiltà. Quando lei è arrivata qui, d’altronde, era una poveretta e le ho dato lavoro per pura generosità.

Però adesso sono sicura che mi odia. Non conosco i motivi, ma glielo leggo in ogni suo atteggiamento: è rigida e trema quando mi si avvicina, e tiene gli occhi bassi. Quando li solleva, le scopro sempre uno sguardo dove la stupidità si mischia alla cattiveria in maniera bestiale. Non sa quanto assomiglia al cane del giardiniere, in quei momenti.

Avvicino la tazza alle labbra senza dirle nulla, ma improvvisamente mi attraversa un pensiero. Il liquido dorato è stranamente torbido,  e l’odore è diverso dal solito. Forse è l’Oolong Red Robe che dà questo colore? Ma non voglio chiederle se ha usato un tè diverso: innanzitutto perché non lo confesserebbe mai, sa che nel pomeriggio prendo sempre l’Assam.

Ma soprattutto perché saprebbe che ho capito.

Se c’è qualcosa in questa tazza, qualcosa che non dovrebbe esserci, meglio che non sappia che ho scoperto il suo gioco: vediamo fin dove arriviamo con questa pantomima.  Sul vassoio due fettine di pane nero e i riccioli di burro. Ha uno strano aspetto anche il burro, in verità: la scruto di sottecchi e quando mi accorgo che trema (come se avesse paura, la stupida) il sospetto diventa certezza. Cerca di avvelenarmi, la bastarda. Cosa spera, di farla franca, poi? Ah-ha! Che idiota.

Prendo una fetta di pane ed inizio ad imburrarla, mostrando la calma più olimpica. Lei resta lì e si torce le dita nel grembiule: assassina e vigliacca, non ha neppure il coraggio delle sue azioni. E rovina pure il merletto.

Per nascondere il nervosismo, mi propina tutta una storia assurda su un permesso per andare a trovare il marito, ricoverato da non so quanto tempo per non so quale malattia da miserabili in un penoso ospedale a diversi chilometri da qui: riesce persino a spremersi gli occhi fino a farne uscire le lacrime, la bugiarda. La ammiro quasi per la bravura con cui recita.

Ormai sono certa che ha scelto il burro: ci avrà messo del veleno per topi. O l’anticrittogamico per le rose antiche, che bestia; con quel che mi costa quel prodotto australiano pagherei tre cameriere molto migliori di lei, e lei lo spreca così? Ma me la pagherà, me la pagherà e cara.

Rifletto mentre fingo di ascoltarla, passando il coltello con il burro mortale sul pane innocente, così a lungo che la crema bianca viene assorbita dalla crosticina scura. Le dico sì, alla fine, posando il pane sul piattino, e mi pulisco le dita per sicurezza, dovessi dimenticare di aver toccato quel veleno e metterle in bocca sbadatamente.

Ma prima che vada via, la chiamo perché mi aiuti a sollevarmi dalla poltrona.

Alla fine, il mio tè è decisamente freddo. E io detesto bere il tè freddo, mi disgusta.

Guardo fuori dalla finestra, è quasi buio: non pensavo che fosse passato così tanto tempo; tra poco arriverà mio nipote per il salutino serale. Beh, chiederò a lui di sistemare qui. E poi magari mi darà una mano a cercare un’altra cameriera. Però europea, io questi selvaggi non voglio più averli tra i piedi.

Il coltello del burro è inutilizzabile, e non solo perché è sporco. La lama si è spezzata: ho dovuto colpire più a lungo di quanto pensassi, non la smetteva di urlare. Dovrò buttarlo, maledizione, e non posso neanche farmelo rimborsare da quest’inutile essere.

Chissà se le macchie di sangue si toglieranno dal tappeto cinese.

Annunci

Tag:, , , , ,

Categorie: d'Inediti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

2 commenti su “L’ora del tè”

  1. 1 aprile 2015 a 08:49 #

    Nero che più nero non si può.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: