Tag Archives: d’Inediti

16 marzo 1978

È una giornata ventosa di marzo, questo lo ricorda. Ricorda che c’è traffico, ricorda la macchina, una 128 verde. Ricorda, a sprazzi, le vetrine, la luce. Ricorda che tutto il mondo sembra venirle addosso correndo. È una giornata di marzo, questo lo ricorda ogni anno, sempre nello stesso giorno. Ricorda i mesi precedenti, l’ospedale, mesi […]

Continue Reading

Lettera a Azimzhan Askarov da Domenico Dara

Il dipartimento di stato degli Stati Uniti d’America ha conferito allo scrittore kirghizo Azimzhan Askarov il suo premio per la difesa dei diritti umani (Human Rights Defenders Award). Lo scrittore è stato condannato nel 2010  all’ergastolo e alla confisca dei propri beni per aver organizzato manifestazioni di protesta contro la brutalità della polizia nel proprio Paese. Domenico […]

Continue Reading

Alla porta

“Sam, io vado! La cena è pronta, devi solo far mangiare i bambini.” La babysitter si affacciò sulla porta della camera da letto padronale, talmente silenziosa che Rossella si ritrovò suo malgrado a sobbalzare. Quella ragazza sembrava un topo, piccoli occhi neri luccicanti, capelli incolori, e magra, magrissima: se non fosse stato perché i bambini […]

Continue Reading

Blues night, strange fruits.

  Dalla bocca gialla schizza sul selciato umido un fiotto di note scoordinate che rimbalzano tra i bidoni della spazzatura prima di esser travolte dallo scoppiettio di un motorino. Sam, appoggiata al muro, tira una lunga boccata, fissando il cielo che tra i palazzi neri non riesce nemmeno a fare capolino. La aspettano ancora un paio d’ore […]

Continue Reading

Biglietto per l’inferno

SAI DOVE È TUA MOGLIE? Mi sono ritrovato il biglietto in tasca, e prima di aprirlo l’ho tenuto in mano alcuni secondi, per essere sicuro di non averlo mai visto prima. E quando l’ho aperto, guardando ballare le lettere sbilenche, mi sono chiesto per prima cosa come avessero fatto a scriverlo così male. Non ho pensato […]

Continue Reading

La speranza è l’ultima a morire (Happiness is a warm gun)

  Quando uscì dallo studio barcollava: la segretaria era già pronta ad alzarsi per aiutarla, ma Stella la fulminò con un occhiata e quella pensò bene di restare dov’era. Afferrò il cappotto alla cieca ed uscì tentando con fatica di procedere in linea retta, le spalle diritte. Lungo le scale urtò qualcuno e lo sentì masticare insulti, ma non si […]

Continue Reading

L’ora del tè

  Mi ha portato il tè. Mi odia, ma il tè lo prepara sempre in orario. La tazza di Meissen dalla forma perfetta, rose rosse e un filo dorato sul bordo, come piace a me. Il cucchiaino posato sul lato destro del piatto, come le ripeto sempre.  All’inizio metteva il cucchiaino sul “suo” lato destro […]

Continue Reading

Invettiva

        O voi sentinelle di tanta giustizia, o voi che formate una santa milizia per cui la famiglia è un regno protetto che solo in bisesso è giusto e perfetto e dite che il mondo s’en va alla deriva: per voi solamente è quest’invettiva. Son anni e son giorni, da quando ho memoria, che […]

Continue Reading
you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare