Tutto da solo

Lo scricchiolio del parquet bastò a svegliare Mario, 11 anni, che per la prima volta era rimasto in casa da solo. Poche ore, certo: i suoi avevano una cena con i colleghi e avrebbero solo fatto un po’ più tardi. Sei grande, ormai, aveva sorriso la tata, infilandogli il pigiama di flanella. Grande abbastanza da restare qualche ora tutto solo in casa, ma non abbastanza da evitare la tortura di quel pigiama da bambino piccolo. Attraverso le palpebre semichiuse, aveva osservato la tata infilarsi il cappotto e uscire in punta di piedi. Aspettò alcuni minuti, accese la luce e prese da sotto il letto il manga che gli avevano prestato a scuola: l’eroina era armata fino ai denti, ma molto poco vestita. Combattendo svelava parti del corpo che facevano passare per la testa di Mario strani pensieri. Era caduto nel sonno senza accorgersene, mentre immaginava la sua compagna di banco agghindata come la guerriera giapponese.

Poi lo scricchiolio. Capì subito che non si trattava dei suoi, guardando la sveglia sul comodino: erano usciti da un paio d’ore soltanto. Scivolò lento nel corridoio e vide un uomo grasso trafficare nel salone.

A Mario mancò l’aria; ebbe voglia di tornare sotto le coperte e piangere. Ma poi pensò alla tata che gli diceva sei grande e alla ragazza del fumetto, per questo si infilò nel ripostiglio, cercando un’arma: a parte scatole di scarpe e la cesta del bucato, l’unica cosa che trovò fu il ferro da stiro. Ma funzionò, era pesante e Mario lo prese a due mani. Beccò l’uomo alle spalle, era chino e aveva qualcosa in mano, di certo aveva arraffato l’argenteria.

Bastardo. La parola gli si formò sulle labbra come un urlo, prima ancora che nella testa. Anche l’uomo urlò, crollando al suolo. Mario aveva colpito con la forza della paura e dalla ferita il sangue usciva a fiotti. Gli ripeté quella brutta parola mentre l’uomo grasso, la faccia schiacciata sul legno, non sembrava più in grado di muoversi. Ho fatto tutto da solo, pensò trionfante. Ma poi, tremando e preso dal panico, si affacciò alla finestra per vedere se ci fosse qualcuno che potesse aiutarlo. Nessuno.

Davanti alla porta di casa, nel buio, quattro renne legate a una slitta dorata brucavano tranquille.

Annunci

Tag:, , ,

Categorie: d'Inediti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: