Che lettore sei? categorie e frasi tipiche

Ieri sera, mannaggiammé, ho finito il libro che stavo leggendo: semplicemente non ce l’ho fatta a fermarmi e l’ho letto tutto. So che ci sarà un seguito, so che lo leggerò, ma ho la tremenda consapevolezza che non accadrà subito. Ecco, questo è il classico tipo di situazione che spingerebbe un lettore medio (quale io sono) ad andare su facebook e scrivere, annunciare al mondo, disperarsi: il libro è finito, ma io devo sapere il seguito.

Posso dire senza tema di smentita che tra le mie amicizie “social” ci siano moltissimi lettori, alcuni anche “forti” (quei pochi che non leggono vengono pian piano eliminati senza rimpianti o si autoeliminano per disperazione). Per cui mi capita di leggere e rileggere alcune frasi tipiche che ho pensato di suddividere in categorie; alcuni amici si riconosceranno (e con ragione), altri mi diranno che manca questa o quella categoria. A questi ultimi dico: la lista non vuol essere esaustiva, quindi, se avete suggerimenti, procedete pure!

Io mi riconosco in almeno due tipologie, forse tre. Guardate già la prima, ahimè…

Il lettore seriale

Aaaaarggghhh! ho finito il libro e lo scrittore non ha ancora pubblicato il seguito. Piango! Ma non deve, non può abbandonarmi così. (seguono lettere allo scrittore, alla casa editrice, all’editor e alla fan page, sollecitando l’uscita del nuovo volume).

Lettore Annie Wilkes in stato di quiete

Lettore Annie Wilkes in stato di quiete

Versione 2 (detto anche lector impatiens) Devo leggere il seguito al più presto e in libreria non lo trovo. Aiutatemi, sono disperato/a, chi ne ha una copia? Sono

disposto/a a pagare qualunque cifra per averla, non abbandonatemi così.

Versione 3 (più noto come lettore Annie Wilkes) Con questo finisce la serie?!? noooo! Il protagonista è morto, piango, come farò ora? …non può, non deve finire così! Aaaaarggghhh!

Il lettore Attila (detto anche lector Lecter)

Lector Lecter

Raro esemplare di Lector Lecter

Io non capisco quelli che quando leggono non fanno le orecchiette per non sciupare i libri. Io coi libri ci faccio sesso, li rovino, li macchio, li lecco, li spagino, ci prendo appunti (foto compiaciuta sul social di preferenza) Non prestatemeli mai!

Il suo naturale antagonista e nemico giurato è il lettore feticista

Dio, come fanno a ridurre i libri in quel modo? (foto inorridita sul social di preferenza).Quando io finisco di leggerli sembrano nuovi, come fossero intonsi. Li apro, ma mai completamente, li annuso e li leggo con cura, li conservo e li spolvero come fossero reliquie (foto compiaciutissima sul social di preferenza)

Il non lettore, detto anche Alla ricerca del tempo perduto 

Dio, ma come fate a leggere tanto? Io non ho mai tempo, mai, troppe cose da fare e la sera sono stanchissimo! (sottotesto, neanche così implicito: chi legge è notoriamente un fannullone)

Il lettore patriottico-nostalgico detto anche Ancien Régime 

No, io non leggo mai letteratura contemporanea : tutte schifezze. La vera letteratura si è fermata a Proust/Dickens/Manzoni/Tolstoj (variare a seconda della nazionalità del lettore).

Lettore de Charlus

Lettore de Charlus, comunque…

Naturale evoluzione del precedente, ecco il lettore de Charlus

Ah, no: io non scelgo mai i libri dalla classifica dei più venduti. E comunque, solo autori consigliati dai migliori critici. E comunque, mai in edizione economica. E comunque solo stampati su carta pregiata, copertina in brossura, ça va sans dire. E comunque… (allo sfinimento).

Il non-lettore da collezione (meglio noto come lettore Panini)

Ho comprato il libro di Pinco Pallo prima ancora che uscisse. E ho anche la prima edizione de Il giardino dei Pinchi Pallini rarissima, ce l’abbiamo soltanto io e il pronipote del granduca di Pomerania.  E ho tutta la serie di Pinky Palmer in pelle di zigrino numerata a mano dall’autrice col proprio sangue (seguono foto sul social di preferenza). Però, no, ancora non li ho letti. Ma li leggerò, eh…

Varietà atipica del non-lettore è il lettore Bella Addormentata

No, no, ancora non li ho letti. Ma vorrei leggere, giuro. Non è colpa mia se appena tocco un libro mi addormento. (foto del letto disfatto sul social di preferenza)

ego

Lettore ipercritico colto in un momento di raro gaudio

Il lettore ipercritico (detto anche lettore Anton Ego)

Giuro, non sopporto come scrive questo tizio, e dell’uso delle virgole e delle parentetiche vogliamo parlarne? Guarda, qui c’è un errore di stampa. (foto puntigliosa sul social di preferenza) E questa copertina? Il titolo è scritto in un carattere illeggibile. Com’è caduta in basso l’editoria…e mi tocca leggerlo tutto.

Il lettore multitasking

Ho almeno dieci libri sul comodino (foto sul social di preferenza). Ne sto leggendo quattro contemporaneamente. Uno al mattino, quando vado in bagno. Un altro sempre con me quando faccio la fila alla posta. Un altro…(ad libitum)

Sottospecie derivata da un raro incrocio tra il multitasking e il non lettore, il lettore passeggiatore

Ho  sempre una copia delle poesie della Cvetaeva in tasca (foto sul social di preferenza). No, non le leggo, ma non sai quanto s’acchiappa…

Francesca Schipa

Annunci

Tag:, , , , , , , ,

Categorie: diGressioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

5 commenti su “Che lettore sei? categorie e frasi tipiche”

  1. 31 marzo 2015 a 17:09 #

    Io prendo un multitasking, grazie. Doppio con una spruzzata di Attila 🙂

  2. 31 marzo 2015 a 19:42 #

    Muahahha oddio che ridere xD Direi che hai racchiuso tutte le categorie splendidamente!

  3. 19 aprile 2015 a 08:57 #

    Gli Iperborea mai a più di 15 gradi!
    E attenzione a non ammaccare i Sur 🙂

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: