Peccato mortale, di Carlo Lucarelli

Pochi giorni fa, ascoltando Liliana Segre, un’amica e io siamo state raggelate da un pensiero: e quando i testimoni non ci saranno più? Quando a raccontare di leggi razziali, deportazioni, lager e occupazione non ci saranno più quei pochi che ancora portano un tatuaggio sbiadito sul polso o le cicatrici fisiche e morali di un periodo osceno di terrore e morte, allora chi ci crederà? Chi ne parlerà ancora, mentre le voci mai sopite di chi a quel periodo inneggia diventeranno più forti e più credibili?

Leggendo Peccato mortale di Carlo Lucarelli, mi si è formata -forse con eccessiva fiducia- la convinzione che questo compito e quest’onere spetterà ai libri, alla capacità della letteratura di prendere gli eventi storici e tramutarli in cosa viva, in un vaccino inoculabile in chi non ha vissuto i giorni amari del periodo fascista, per fare un esempio.

Lucarelli risale in quest’ultimo romanzo la carriera del commissario De Luca fino ad arrivare alla fonte del suo “peccato mortale”, la scelta che condizionerà in seguito la sua vita, rendendolo ricattabile. Una decisione che apparentemente non è una vera scelta, quanto un lasciarsi trasportare da quello che brucia dentro il commissario, che lo ossessiona: la ricerca della verità, di un colpevole. E quando, pur di trovarlo, dovrà entrare a far parte della temutissima polizia politica, De Luca non esiterà. Nella sua testa non risuonano quasi mai il dubbio, l’incertezza, ma la domanda che -urlata, martellante- soffoca qualunque altro suono, persino le note ballabili dell’amore di Lorenza: Chi è stato? Chi è stato?

Chi è stato a tagliare la testa a due corpi, chi è stato a far trovare la testa di uno, il corpo dell’altro, chi continua a uccidere per nascondere traffici illeciti, chi deruba persone che non possono reagire? Chi sta giocando con lo stesso De Luca ?

La madre di Lorenza, la lucida Poetessa, tenta invano di portare il commissario verso una riflessione: che senso ha accanirsi a cercare il colpevole di due omicidi, per quanto efferati, quando il Paese intero è vittima di un’emorragia quotidiana di vite? 

Ma, come un drogato ha bisogno della sua dose, De Luca ha necessità di sapere. E attraversa, cieco, con questa scimmia sulla spalla, un periodo di confusione enorme e capovolgimenti politici epocali: quei quarantacinque giorni tra la caduta di Mussolini e l’armistizio che aprì la strada alla Repubblica di Salò, all’occupazione nazista, ai bombardamenti alleati. Non vede che la sua ricerca di verità lo avvicina al lato più pericoloso e deleterio del fascismo, non vede che Lorenza si allontana, non vuole vedere la sopraffazione e la morte di ebrei, apolidi, comunisti. E quando un farmacista ebreo, ingiustamente privato della sua attività, gli chiede Mi restituiranno la farmacia, ora – quando farmacia significa dignità, libertà e vita- De Luca si trincera e si giustifica con Non so, sono solo un poliziotto.

A voler guardare bene, la vera colpa di De Luca – ci suggerisce il suo autore- non è la sua collaborazione con l’OVRA. Il peccato mortale è essere rimasto indifferente, aver chiuso gli occhi davanti alle leggi razziali, alle liste di nomi di ebrei, non aver voluto vedere che tra coloro che saranno torturati, spariranno, moriranno, ci sono persone con cui ha condiviso le risate, un bagno al fiume o un caffè, la vita quotidiana. Esseri umani bollati come inferiori, non degni di vivere, nomi trascritti in un registro da passare ai boia.

E questo mi riporta ai tempi che Liliana Segre ha vissuto, ma anche ad alcuni discorsi che sentiamo oggi, ad alcuni gesti politici applauditi da molti. E mi riporta a un passaggio di testimone che gli scrittori possono raccogliere -Lucarelli lo fa e io gliene sono profondamente grata- per far diventare il ricordo storia, e la storia narrazione e difesa.

Da chi, da cosa, lo sappiamo bene.

Peccato mortale, Carlo Lucarelli – €17,50, pagg. 247 -Einaudi Stile libero Big, 2018

                                                  Francesca Schipa

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

2 commenti su “Peccato mortale, di Carlo Lucarelli”

  1. Pierangelo
    1 ottobre 2018 a 11:19 #

    Ho appena cominciato a leggere la serie del commissario De Luca: ho finito “Carta bianca” e sto leggendo ora “L’estate torbida”. Le atmosfere sono molto più caratterizzate sul periodo fascista di quanto non faccia De Giovanni, ad esempio, col suo commissario Ricciardi. Restituiscono, almeno finora questa è la mia impressione, una chiara idea del clima di confusione ma ancora di arroganza che il regime e le sue espressioni tentavano di imporre in un momento in cui la disfatta era alle porte. Sapere che la serie è andata avanti, al di là dell’ “esercizio universitario” del primo romanzo è una bella notizia, per me neofita della serie: De Luca mi ha già conquistato e Carlo Lucarelli è una sentenza.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: