Archivi delle etichette: Neil Gaiman

Il ritorno del Duca Bianco – un racconto di Neil Gaiman per David Bowie (parte II)

(qui la prima parte del racconto) “Salvare la Regina?” risero. “La tua testa sarà su un vassoio prima che lei possa vederti. Molti sono venuti a salvarla, negli anni. Le loro teste giacciono su vassoi dorati nel suo palazzo. Tu sarai solo la più recente.” C’erano uomini che sembravano angeli caduti e donne che sembravano […]

Continua a leggere

Il ritorno del Duca Bianco – un racconto di Neil Gaiman per David Bowie (parte I)

Trigger  Warning è una raccolta di racconti di Neil Gaiman ancora non tradotta in italiano (ma che dovrebbe esserlo a breve); tra questi ce n’è uno dedicato a David Bowie. L’incontro mai avvenuto -se non in un universo Oltre- tra la stella creativa di Bowie e quella dello scrittore , mi ha talmente colpita, in […]

Continua a leggere

La regina nel bosco, Neil Gaiman

    Nonostante l’apparenza -diciamo così- editoriale, la tradizione delle fiabe nel mondo è da sempre stata appannaggio femminile: gli autori di contes de fées più famosi, Perrault, i fratelli Grimm o Andersen, infatti, altro non sono che “raccoglitori” in primo luogo e poi “trascrittori” di quanto oralmente tramandato dalle donne. Ma poiché il contenuto […]

Continua a leggere

Alla Central Library di Los Angeles: andiamo? Andiamo.

  Un paio di anni fa, mentre traducevo l’intervento di Neil Gaiman a favore della lettura in generale e delle biblioteche in particolare, ho iniziato a fantasticare su un giro del mondo che mi portasse da un Paese a un altro, di biblioteca in biblioteca: ero certa, e lo sono tuttora, che questo “viaggio interbibliotecario” […]

Continua a leggere

Neil Gaiman @neilhimself sugli obblighi nei confronti dei bambini (quarta e ultima parte)

Ritengo che abbiamo delle responsabilità verso il futuro. Responsabilità e obblighi nei confronti dei bambini, degli adulti che i bambini diverranno, del mondo che abiteranno. Tutti noi, come scrittori, lettori, cittadini, abbiamo degli obblighi. Pensavo di elencarne alcuni. Credo che abbiamo l’obbligo di leggere per il puro piacere, in luoghi pubblici e privati. Se leggiamo […]

Continua a leggere

Neil Gaiman @neilhimself su libri “cattivi” e letteratura d’evasione – parte 2

(Qui trovate la prima parte se non l’avete ancora letta) Non penso che esista un libro per bambini “cattivo”. Ogni tanto torna di moda tra alcuni adulti il prendere di mira un insieme di libri per bambini, un genere, magari, o un autore, e dichiarare che sono che sono cattivi, libri che dovremmo impedire ai […]

Continua a leggere

Neil Gaiman @neilhimself sulle biblioteche e sulla lettura: parte 1

È importante che le persone dicano da che parte stanno e perché, e se sono di parte. Una dichiarazione di interessi, per così dire. Così, vi parlerò della lettura. Vi dirò che le biblioteche sono fondamentali.  Suggerirò che leggere narrativa, leggere per il piacere di farlo, è una delle cose più importanti che si possano […]

Continua a leggere
Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare