Hell’s Kitchen

Quando Cesare Strippoli, di professione macellaio e rapinatore, noto nell’ambiente come Cesarone Mezzamano, superò la porta restò a bocca aperta: tanto per iniziare, quel posto era enorme. Decine e decine di finestre inondavano il pavimento con la luce chiarissima di un pomeriggio estivo. Cesarone , abituato ai neon della stanzetta di tre metri per due che era stata la sua casa negli ultimi venticinque anni, si sentì mancare. Se non fosse che era già morto, sarebbe stato preoccupante. Difatti, non sapendo nulla di tutta quella storia e convinto di esser ancora dov’era fino a pochi minuti prima, portò una mano al petto. Ma tutto sembrava tranquillo, in quel settore almeno.

Tavoli ovunque, gente seduta con l’aria di avere davanti a sé tutto il tempo (e tutti i soldi) del mondo. Assomigliava sì al refettorio, ma la compagnia sembrava appena migliore. E aleggiava un profumo di polpette al sugo, il suo piatto preferito. Aglio, prezzemolo, pepe… Oltre alla bassa macelleria, Cesarone aveva un gran passione per la cucina, almeno fino all’incidente in cui aveva perso tre dita. Aveva nel contempo perso anche il suo socio, che sfortunatamente non era sopravvissuto alle coltellate; ma questa era roba passata. Invece con la cucina aveva dovuto chiudere per sempre: in cella non poteva tenere neanche i coltelli di plastica, “per sicurezza” dicevano.

Non avendo idea di cosa fare, restò a dondolarsi sui talloni; e proprio quando iniziava a pensare di tornare indietro, senza sapere bene come, un elegantone gli andò incontro con un inchino:

– L’aspettavamo, chef. Da questa parte, prego – indicando una porta a battente.

Cesarone si guardò alle spalle prima di capire che l’ossequioso cameriere ce l’aveva con lui, poi lo seguì in una cucina immensa e lucida, costellata di pentole di rame, getti di vapore e fiamme bluastre; lavapiatti, camerieri, sous-chef scattarono in fila per salutarlo e finalmente comprese: a fine pena gli spettava un lavoro! Quando infilò il grembiule candido, si sentì felice da scoppiare. Avrebbe preparato le migliori polp…

Un suono improvviso, sgradevole, insistente, e nella cucina scoppiò il putiferio: i camerieri svolazzarono qua e là come gabbiani impazziti, i fuochi si spensero di colpo insieme alle luci, poi tutto tacque.

– …

– No, amore, niente di particolare, stavo scrivendo una roba… ma che palle, mi sono impantanato. Ti secca se ci sentiamo dopo?

– …

– Ok, ti richiamo fra poco. Scusa, amore, eh.

Stampo il foglio, poco più di mille battute, lo scorro velocemente. Fa davvero schifo, lo appallottolo, gli do un calcio, mi chino sulla tastiera: ctrl-5. Non faccio in tempo a premere il tasto canc che qualcuno s’attacca al campanello con una certa urgenza. Eccheccazz…! un attimo di tregua!

Sulla porta mi squadra un tizio con una faccia, con una barba…è tutto vestito di bianco, pare un infermiere. L’ho già visto, sono sicuro, ma non ricordo dove.

– Buong…

– Sei lo scrittore, te?

Benché interdetto dall’approccio, mi sento anche un filino lusingato:

– Beh, sì, lo scrittore sarei io -sorrido modesto- lei invece …

Mi mette una manona sul petto e mi spinge in casa. Mi tremano le gambe quando vedo la porta chiusa, e mi rendo conto che è dentro anche lui con me.

– M’aspettavo un posto migliore da un artista, non ‘sto cesso. Veniamo al dunque, bello. Devi continuare.

– Ma…

– Senti: pure il socio mio me voleva molla’, l’infamone, e ha fatto la fine che ha fatto. Pensa se mi faccio mette’ i piedi in testa da un senzapalle come te. Mo’ ti metti e continui.

– Ma…scusi, aspetti un at…

– Muto! muto e scrivi!

Mi urla a denti stretti a due centimetri dal naso: è incazzato nero, e la cosa non mi piace per niente. Altra bella spinta verso la scrivania: la delicatezza non è il suo forte (sì, riesco a pensare cazzate anche in momenti come questi), ma quando raccoglie il foglio appallottolato, lo liscia con un gesto garbato. Cristo, ha la mano sinistra monca, se mi tocca vomito.

Quando va via, quasi muoio dal sollievo. E poi di nuovo il telefono, maledetto.

– Pronto!

– …

– Non ti ho chiamata perché ho… da fare. Un sacco da fare.

– …

– Scusa, bella, eh? …non m’hai capito, devo andare. Ti chiamo poi. Cià.

Scappo alla tastiera, a che punto ero? l’illustre chef Cesarone Mezzamano sta preparando il piatto del giorno, profumatissime polpette al sugo, mille fornelli ardono tutto attorno. I camerieri volteggiano come rondini attraverso la sala fremente d’attesa, e io scrivo, scrivo veloce e senza pensare, appena distratto dal luccicare del coltello da macellaio che infilza un foglio spiegazzato sulla scrivania.

Annunci

Tag:, , , ,

Categorie: d'Inediti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

2 commenti su “Hell’s Kitchen”

  1. sedcetta
    23 ottobre 2015 a 11:40 #

    Ma che spettacolo! E poi… le polpette al sugo. Ha ragione Cesarone, ha proprio ragione.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: