#LiberidiLeggere , la Campagna nazionale del #LibroSospeso per gli istituti carcerari italiani

Ricordate l’idea del Libro Sospeso? Nata da Michele Gentile (ne parlammo qui più di un anno fa) si è diffusa in tutta Italia, creando una corrente benefica per librai e lettori. Ora il Libro Sospeso diventa anche un modo per portare nuove letture e  idee dietro le sbarre dei penitenziari italiani, le cui biblioteche hanno bisogno di essere rinnovate (o persino create dal nulla).

La raccolta per #LiberidiLeggere, iniziata il 12 ottobre, si terminerà il 30 novembre, e richiede un impegno minimo: i clienti delle librerie aderenti all’iniziativa comprano un libro senza copertina rigida (secondo i regolamenti carcerari) che lasciano “sospeso” in negozio, come un caffè per un amico, solo che quest’amico non lo conoscete ed è detenuto. Una volta raccolto un certo numero di volumi, i libri saranno inviati ai detenuti degli istituti penitenziari.
A Roma l’iniziativa è stata accolta da Fabio De Grossi, il direttore delle biblioteche del carcere di Rebibbia, in tutto una quindicina di piccole strutture che hanno bisogno di rinnovare i cataloghi. Quanto alle librerie che faranno da centri di raccolta, finora hanno aderito alla campagna: la Libreria Fanucci di piazza Madama (che, grazie alla generosità e all’entusiasmo dei clienti, sta già accumulando volumi), la Libri & Bar Pallotta di Piazzale Ponte Milvio  e la Hop&Book in via dell’Amba Aradam, ma se ne stanno aggiungendo anche altre; questo per quel che riguarda Roma. Ma la campagna non si ferma alle librerie romane: #LiberidiLeggere è arrivata in Sardegna dove ci sono diversi istituti penitenziari disponibili, in Campania grazie a Michele Gentile della Ex Libris di Polla, promotore dell’iniziativa per la regione, in Sicilia grazie alla libreria Vicolo Stretto di Catania. In seguito ad una inattesa coincidenza, poi, gli organizzatori sono entrati in contatto con alcune librerie di Bologna e provincia, che da tre anni organizzano la Colletta Libro, un progetto in qualche modo fratello di #LiberidiLeggere, e quindi stanno lavorando per unire le forze.

La lettura può e deve essere uno stimolo ad essere meno prigionieri: prigionieri dell’ignoranza, dei pregiudizi, della reclusione fisica. Può e deve alleviare disagi e sofferenze, aiutare lo scambio di idee e persino facilitare il reinserimento sociale. #LiberidiLeggere è un’iniziativa che può rendere migliore il mondo penitenziario, ma anche quello “fuori”.

Perché leggere è non solo un diritto, ma una forma di libertà.

Per informazioni più dettagliate e chiarimenti, contattare m.timpano79@hotmail.it

Annunci

Tag:, , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

4 commenti su “#LiberidiLeggere , la Campagna nazionale del #LibroSospeso per gli istituti carcerari italiani”

  1. mario
    22 ottobre 2015 a 22:37 #

    E volendo offrire uno o più libri senza andare fisicamente in libreria?

    • 22 ottobre 2015 a 22:41 #

      Basta chiamare una delle librerie che aderiscono, o contattare Massimiliano Timpano alla mail indicata nell’articolo.

Trackback/Pingback

  1. #LiberidiLeggere | satellitelibri - 29 ottobre 2015

    […] avevano già parlato su https://dilettieriletti.wordpress.com/2015/10/21/liberidileggere-la-campagna-nazionale-del-librososp… ma a volte ribadire non fa […]

  2. Il libro sospeso… | Letture Condivise - 20 novembre 2015

    […] Piccolo aggiornamento sulle librerie:  https://dilettieriletti.wordpress.com/2015/10/21/liberidileggere-la-campagna-nazionale-del-librososp… […]

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: