The Whole Family- La grande famiglia dei traduttori

 

 

 

 

Se “un romanzo scritto da dodici autori è come un cocktail party” (per citare Anatole Broyard nella recensione a The Whole Family sul NY Times), cosa può diventare  lo stesso romanzo tradotto da dodici traduttori diversi? Si potrebbe pensare ad un convivio molto rumoroso, vista la folla degli invitati.

E in effetti, la “grande famiglia” creata tra il 1907 e il 1908 per Harper’s Bazaar (rivista femminile di grande successo) sotto la vivace guida di Elizabeth Jordan trova il suo doppio in un gruppo nato dal laboratorio del Master in Traduzione Letteraria dell’Università di Siena, sotto la guida della docente di letteratura inglese Giovanna Mochi.

thewhole1

Prima pagina del primo capitolo apparso su Harper’s Bazaar, dicembre 1907

 

Ma procedo con ordine, abbozzando l’origine diThe Whole Family (spiegata invece con dovizia di particolari nella prefazione a cura della stessa Mochi). Il progetto nasce dall’idea di William Dean Howells, figura intellettuale di spicco e padre del realismo americano: dodici voci, dodici autori che avrebbero “impersonato” altrettanti membri di una famiglia tradizionale -i Talbert– con racconti da pubblicare a cadenza mensile sulla rivista di cui Elizabeth Jordan è redattrice.

Howells riteneva che questo romanzo potesse rappresentare una sfida editoriale forse ancor più che narrativa, poiché implicava il coinvolgimento di numerosi autori su un soggetto, tutto sommato, banale e per questo di grande maneggevolezza. Il romanzo collettivo doveva tracciare il ritratto realistico di una famiglia americana media, di cultura media, in circostanze “medie”: il comodo pretesto del fidanzamento di Peggy Talbert e Harry Goward avrebbe lasciato ampio spazio di manovra agli autori nel trattamento dei personaggi.

thewhole

Copertina della prima edizione Harper & Brothers, 1909

Forse troppo ampio, tant’è vero che l’ordine –sia tradizionale che di apparizione-  che Howells si proponeva di rispettare va subito a farsi benedire: i manoscritti saranno pubblicati in ordine di arrivo in redazione e già il secondo, ad opera di Mary Wilkins Freeman, porterà un salutare scompiglio nell’idea della solida famiglia patriarcale del New England auspicata da Howells. Tale scompiglio si rifletterà inevitabilmente, ove già non bastassero le diverse estrazioni e i diversi stili degli scrittori all’opera, anche nella trama, nelle luci e nelle ombre del romanzo collettivo che dipinge una famiglia disfunzionale e, forse per questo, anche più viva e attuale.

Tra queste voci discrepanti, petulanti e talora dispettosamente contraddittorie, la storia prende la forma di una sorta di dialogo corale, un talk-show in cui ogni personaggio si precipitasse a sfogarsi con il lettore dando la sua personale visione e versione del fatto. Nonostante l’affollamento caotico, il romanzo si legge con facilità e scorrevolezza e con un certo piacere: nella comprensione della società dell’epoca e degli autori (alla maggior parte di noi, l’unica voce nota –e quanto nota!-è quella di Henry James, a suo agio come un cammello al polo) sono di grande aiuto la ricca introduzione, brevi biografie e note.

Ma quello che mi preme mettere in rilevo (da traduttrice saltuaria io stessa) è il lavoro di gruppo sulla traduzione.  Nel mondo dell’editoria, il traduttore è una figura quasi invisibile: una “spesa” in più nel circuito di produzione di un libro, un operaio senza nome e, tranne rarissime eccezioni, senza voce. L’idea di assegnare un traduttore ad ogni personaggio, oltre ad essere un lavoro che ricalca “a specchio”  quello della creazione di The Whole Family, afferma il diritto del traduttore ad essere voce, scrittore nel momento in cui trasla in altra lingua. Una dignità letteraria (se non economica) che solo ultimamente e a piccolissimi passi, i traduttori si vedono riconosciuta.

Qui di seguito, quindi, i nomi di personaggi, autori e relativi traduttori de La grande famiglia:

“Il Padre”, William Dean Howells , trad. Roberto Serrai;

La grande famiglia - UN romanzo di 12 autori - AA. VV., Marsilio Ed., 2014 - 341 pagg., 18 euro

La grande famiglia – Un romanzo di 12 autori – AA. VV., Marsilio Ed., 2014 – 341 pagg., 18 euro

“la Zia Zitella”, Mary E. Wilkins Freeman, trad. Giuseppe Lucera;

“La Nonna”, Mary Heaton Vorse, trad. Francesca Benocci;

“La Nuora”, Mary Stewart Cutting, trad. Gloria Falcone;

“La Ragazzina”, Elizabeth Jordan, trad. Giuseppina Botta;

“Il Genero”, John Kendrick Bangs, trad. Carla Francellini;

“Il Figlio Sposato”, Henry James, trad. Giovanna Mochi;

“La Figlia sposata”, Elizabeth Stuart Phelps, trad. Rocco Coronato;

“La Madre”, Edith Wyatt, trad. Nadia Marazzi;

“Il Ragazzino”, Mary Raymond Shipman Andrews, trad. Sandra Binazzi;

“Peggy”, Alice Brown, trad. Alessandra Conforti;

“L’Amico di Famiglia“, Henry van Dyke, trad. Lugi Catelli Arlini.

 

 

 

 

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: