Appuntamento mancato

La paura dura più dell’amore

è cenere di gramigna

è cenere fredda.

È brina di primo mattino 

che mi morde le scarpe 

e deposita uova di vipera 

a rovinare il letame e le erbe.

F. De André

 

Carina, sì. Questa è carina: gambe lunghe, jeans fascianti il giusto, sguardo diretto. Molto carina, ma non come lei. Io le guardo tutte, le ragazze che incontro, anzi guardo anche le donne non più giovani: le immagino con me, immagino la loro voce al telefono, le caviglie sottili mentre corrono, i loro sguardi veloci. Assegno loro un carattere, delle parole precise, invento case nelle quali non entrerò mai, costruisco per loro una vita. Mi rimane il rimpianto indefinito di non sapere quanto vicino sono andato alla realtà. Ma scompare presto, perché adesso ho lei: forse non è la più bella, non l’ho scelta per questo, ma è esattamente tutto ciò che ho sempre desiderato.

Ogni volta che sento la sua voce al telefono, o anche quando parlo io solo e lei tace, il cuore si sposta dal petto fino alle tempie e batte come se cercasse una strada per sbucare; ogni messaggio che le scrivo nasconde tra le parole, anche le più banali, il desiderio che provo.

Spero che lo senta, che lo sappia. A volte non mi trattengo, e appena chiudo il telefono, la richiamo, anche se so che questo la fa arrabbiare molto.

L’ho incontrata in maniera buffa, il suo motorino si era fermato per strada, io l’ho aiutata. L’ho guardata negli occhi e ho capito subito che era il mio tipo: sono riuscito ad ottenere il suo numero di cellulare con una scusa, poi da cosa nasce cosa, sapete come succede. Mi è entrata nella testa, scivolata sotto la pelle, giù, giù, fino alla punta delle dita; la voglia di toccarla mi divora ogni giorno lo stomaco.

Ora sono nel bar sotto casa sua, con un cappuccino che fuma davanti a me e la aspetto: il martedì ha lezione alle dieci, sta per scendere dalle scale. Per ingannare il tempo e placare l’ansia guardo passare le altre ragazze, è vero, ma non mi sento in colpa, perché adesso ho lei e non cerco di meglio. Avrà addosso il giaccone nero, una borsa carica di libri sulla spalla sinistra, e il battito nel collo e nei polsi accelera incontrollato mentre il momento si avvicina. Il cameriere mi si avvicina all’improvviso, chiede se voglio altro. Ma non voglio nient’altro, io voglio lei, lei e questo tipo mi si piazza davanti proprio ora. Lo spingo quasi, non mi serve niente, il momento è sbagliato, tutto in un attimo diventa sbagliato.

Lei scende e mi passa davanti senza guardarmi: io mi alzo in fretta, il cappuccino ormai freddo si rovescia quando urto il tavolo, ma è tardi: inquadro solo la sua schiena diritta, il giaccone, la borsa. Ha i capelli sciolti sulle spalle e i pantaloni scuri che mi piacciono tanto e questo non fa che rendermi furioso. Afferro il cellulare che uso per lei sola e con le dita che tremano digito un messaggio prima che volti l’angolo della strada: lei si ferma, tira fuori il telefono dalla tasca e legge. Un fiotto di piacere bollente mi inchioda mentre la vedo sobbalzare e guardarsi rapida attorno, cercandomi: faccio un passo indietro, anche se sono certo che non può vedermi. Probabilmente neanche ricorda come sono fatto.

Mentre scappa singhiozzando, sul display del mio telefono lampeggiano ancora le parole che le ho scritto:

MI SEI SFUGGITA PER POCO, TROIA, MA TI PRENDO, TI PRENDO.

VEDRAI CHE TI PRENDO.

Annunci

Tag:, , , ,

Categorie: d'Inediti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

One Comment su “Appuntamento mancato”

  1. 12 gennaio 2015 a 13:07 #

    Tutti quanti hanno paura di avere uno stalker sopratutto perchè se si arrabbia tu muori . Per colpa degli Stalker un sacco di donne hanno paura di uscire di casa e di fare tutto .

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: