Il rito – This could be Heaven or this could be Hell

 

 

Ho guidato per ore, respirando vento del deserto e un caldo odore dolciastro di fiori guasti. L’autostrada era vuota, nel buio ho visto l’insegna brillare da lontano. Ho lasciato la macchina nel piazzale, guardandomi intorno: un posto come tanti, ma non è che dovessi farci chissà cosa. Per quel che mi riguardava, una notte era persino troppo.

L’entrata era deserta, ma alla porta era legato un campanello che non smetteva di tintinnare. L’ho fermato con la mano, e mi sono maledetto per questo: quando mi sono guardato attorno, lei era immobile sulle scale e mi osservava da non so quanto tempo. Colto alla sprovvista, e non dovevo. Non me l’aspettavo lì, non me l’aspettavo così.

Carne da perdizione chiusa in un castigato abito bianco da decine di bottoncini, tutti allacciati fino al collo. Un pallore latteo appena macchiato di rosa sulle labbra, capelli scuri raccolti. Perfidamente serafica.

Ho chiesto una camera, avevo già pronti i documenti falsi (erano perfetti, inutile dirlo, non avevo paura di essere riconosciuto), ma li ha lasciati sul banco, senza neanche toccarli. Si è girata per cercare la chiave; anche sotto quella clausura di stoffa intuivo la rotondità dei fianchi, e ho avuto l’impressione che mi vedesse spiarla, che sapesse. Mi ha piantato per l’eternità di pochi secondi gli occhi addosso, li sentivo bruciare, trasparenti come fiammelle del gas. Ma ho sostenuto lo sguardo: in fin dei conti, io ero nel giusto e consapevole della mia missione.

Mentre la fissavo, ho tentato di immaginarla scarmigliata, discinta. Posseduta. Ma mi sono controllato, non volevo che lei potesse in qualche modo carpire il motivo che mi aveva portato da lei, come un giovane lupo liberato nell’ovile. Le testimonianze, benché leggermente confuse, erano state presentate a chi di dovere ed io incaricato del rito, nonostante la mia esperienza fosse modesta; era un onore di cui dovevo esser degno.

Mi ha fatto strada, voce e occhi bassi, la nuca sottile nuda (un punto pulsante e corrotto sotto la trasparenza della pelle) attraeva il mio sguardo, mi pareva di veder scorrere in quei sentieri blu di sangue appena sotto l’epidermide il male che la impregnava, batteva, fremeva, quel collo sottile mi narrava, piegato, di celestiali tormenti, di sottomissioni e vittorie senza lotta, di richieste soddisfatte. Avrei voluto segnarmi per scacciare i pensieri lascivi, ma si è fermata puntandomi ancora gli occhi addosso. Poi ha aperto una porta su mura impudicamente svestite di ogni immagine sacra, ed è scivolata via salutandomi, occhi e voce bassi, falsamente timorosa.

Nella stanza è rimasto l’afrore tenue del suo sudore aleggiante con i fantasmi che la visione della pelle nuda aveva evocato; anche dopo aver sbarrato la porta, mi sembrava di vederla lì: ero certo che questo facesse parte del suo potere, segno di un maleficio sottile, lento e impercettibile come un vapore venefico.

La testa infatti mi girava leggermente, ero provato dal lungo digiuno; ho slacciato il colletto e baciato il crocifisso prima di allacciarlo, ma un’ansia densa continuava ad opprimermi il petto. Mentre preparavo l’aspersorio d’argento e la fiala dell’acqua benedetta, ho ripetuto a voce bassa i versetti del libro di Enoch che parlano della nascita di quelle come lei.

…quando i figli degli uomini si furono moltiplicati, allora nacquero figlie eleganti e belle. E quando gli angeli, figli del cielo, le ebbero viste, ne furono presi; e dissero gli uni agli altri: scegliamoci dunque mogli della razza degli uomini e facciamole concepire. E scelsero ognuno una donna, si avvicinarono e si congiunsero; e insegnarono loro la stregoneria, gli incantesimi e le proprietà delle radici e degli alberi.

Come ogni volta che pensavo al contenuto dei libri che dei folli hanno dichiarato apocrifi, ma pieni di verità ed insegnamenti, mi sono chiesto come avessero potuto gli angeli scegliere tra la luce senza principio né fine e la carne deteriorabile delle figlie degli uomini, tra il Bene eterno ed il male contingente, quando tutto si riduce a peccato sensuale, amplesso transitorio e breve godimento. Un incastro di corpi sudati, bramosi, l’ottundimento fugace della ragione fino all’irrefrenabile brivido… ma non potevo pensare a questo, non dovevo. Non dovevo.

La testa mi scoppiava di un fragore galoppante mentre immagini oscene si intrecciavano dietro i miei occhi, una fila di bottoni come un peccaminoso rosario da sgranare tra le dita – non dovevo, non devo pensare a – l’odore ubriacante di fiori e pelle calda e bianca come cera fusa, – non respiro più – la sottile nuca pulsante, nuda, nuda e lei sul letto – il suo profumo nell’aria e io dentro – lei geme sotto i colpi assestati da un essere alato, angelo, demone. Uomo.

Prete.

L’ultima cosa che ricordo è che ho aperto la porta: sembrava aspettare me, immobile vicino alle scale, e rideva. Sapeva di aver vinto, non si può uccidere la Bestia. Non ho pensato alla disfatta, al biasimo dei prelati, non ho pensato ad altro che alla salvezza perduta: sono fuggito senza voltarmi, inseguito da imposte che sbattevano in quell’aria insana, voci sbattenti urlanti, vai, corri, vai…

Respiro a grandi boccate odore caldo di fiori guasti e vento del deserto che raffredda i pensieri, combattendo il desiderio che mi urla di bloccare la macchina e tornare indietro a riprendere quella parte di me – la parte migliore o peggiore, non so – che resterà con lei per sempre.

Getto il crocifisso dal finestrino, freno e mi fermo a cercarlo nella polvere, in ginocchio. Piango e guido. L’autostrada è buia e vuota, l’insegna di quel luogo -forse paradiso, forse inferno- riempie lampeggiando lo specchietto retrovisore.

AINROFILAC  LETOH

Annunci

Tag:, , , ,

Categorie: d'Inediti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: