Shakespeare e gli stranieri: il discorso di More ai rivoltosi

Passata la tempesta social sui 400 anni dalla morte di William Shakespeare (data peraltro errata, visto che in Inghilterra si usava ancora il calendario giuliano e quindi la morte del commediografo dovrebbe più correttamente esser datata il 3 maggio), torniamo a parlare di libri. E anche di Shakespeare, perché la notizia non è da poco.

La British Library ha digitalizzato in questi giorni un brano tratto da un’opera attribuibile a diversi autori. The Booke of Sir Thomas Moore fu scritto tra il 1596 e il 1604 dal commediografo Anthony Munday, omaggio alla tragica vita del cancelliere di Enrico VIII. Ciò che rende unica l’opera sono tre pagine attribuite a William Shakespeare, che rappresentano il solo esempio di scrittura dalla mano del sommo poeta inglese.

Si tratta di una sorta di inserto commissionato a parte, una scena singola verso la metà della tragedia, in cui Thomas More, in un discorso tenuto durante l’Evil May Day del 1517, calma gli animi dei rivoltosi che vogliono scacciare da Londra lombardi, genovesi, ugonotti francesi.

Stranieri visti come invasori.

Probabilmente dire che Shakespeare è attuale è commento trito, tuttavia le sue opere trattano sempre del cuore dell’uomo, ed è basandosi su questa empatia poetica (oltre che confrontando vocabolario e idee espresse)  che gli studiosi possono attribuirgli queste tre pagine -di vera, pressante attualità.

Benché provare che le parole di More siano state davvero scritte da Shakespeare non sia evidente, nella loro viva compassione per la situazione degli oppressi e dei diseredati sembrano prefigurare i grandi drammi legati alla razza come Il Mercante di Venezia e l’Otello –scrive Andrew Dickson della British Library.  Chiunque le abbia scritte aveva orecchio per il modo in cui la retorica può governare la folla…ma anche un occhio acuto per la complessa relazione fra maggioranza e minoranze etniche.

E come sempre accade, ed è il cuore dell’immortalità di Shakespeare, i versi parlano e dominano la folla inferocita, ma parlano anche a noi, oggi, quattrocento anni dopo, puntando il dito contro chi vive, dal comodo rifugio di una casa, il dramma dell’emigrazione come un’invasione.

Immaginate allora di vedere gli stranieri derelitti,

coi bambini in spalla, e i poveri bagagli

arrancare verso i porti e le coste in cerca di trasporto,

e che voi vi atteggiate a re dei vostri desideri

– l’autorità messa a tacere dal vostro vociare alterato –

e ve ne possiate stare tutti tronfi nella gorgiera della vostra presunzione.

Che avrete ottenuto? Ve lo dico io: avrete insegnato a tutti

che a prevalere devono essere l’insolenza e la mano pesante.

Vorreste abbattere gli stranieri,

ucciderli, tagliar loro la gola, prendere le loro case

e tenere al guinzaglio la maestà della legge

per incitarla come fosse un mastino. Ahimè, ahimè!

Diciamo adesso che il Re,

misericordioso verso gli aggressori pentiti,

dovesse limitarsi, riguardo alla vostra gravissima trasgressione,

a bandirvi, dov’è che andreste? Che sia in Francia o Fiandra,

in qualsiasi provincia germanica, in Spagna o Portogallo,

anzi, ovunque non rassomigli all’Inghilterra,

orbene, vi trovereste per forza ad essere degli stranieri.

Vi piacerebbe allora trovare una nazione d’indole così barbara

che, in un’esplosione di violenza e di odio,

non vi conceda un posto sulla terra,

affili i suoi detestabili coltelli contro le vostre gole,

vi scacci come cani, quasi non foste figli e opera di Dio,

o che gli elementi non siano tutti appropriati al vostro benessere,

ma appartenessero solo a loro? Che ne pensereste

di essere trattati così? Questo è quel che capita agli stranieri,

e questa è la vostra disumanità da senzadio.

Annunci

Tag:, , , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: