Della bellezza della bruttezza, secondo Umberto Eco

Non ho letto molto di Umberto Eco romanziere: mi innamorai della difficoltà di lettura de Il nome della Rosa, all’epoca (quando si è adolescenti, lettori o no, si pensa di aver davanti tutto il tempo del mondo). Ma poi già il secondo non mi conquistò e lasciai perdere. Invece ho letto, e talvolta studiato, saggi, riflessioni e bustine con grande piacere. Eco ha (il presente è d’obbligo, come presenti sono le opere che continuano a vivere oltre l’autore) il dono, la capacità di esser limpido quando parla accademico, e contorto quando inventa, va’ a sapere come mai. Forse la padronanza della strada gli consente di camminare rilassato, mentre nelle storie che racconta si avvoltola e si perde come un viandante troppo curioso in un bosco troppo scuro. O così a me pare.

Quindi, non parlerò qui di Eco romanziere, né di Adso da Melk o Guglielmo da Baskerville. Vorrei invece consigliare la lettura di qualcosa di brutto. E non solo brutto, ma goffo, meschino, talvolta repellente, satanico persino, e stregonesco, grottesco e indecente, fino ad essere mostruoso. La Storia della Bruttezza si apre su un paradosso: tutti sanno definire, nel corso delle epoche, cosa sia la bellezza, quali ne siano i canoni e in che modo essi siano rappresentati dall’uomo. Sembra invece impossibile definire i canoni della bruttezza, se non per opposizione e contrasto, insomma solo come negazione della bellezza.

Nell’articolo della Encyclopédie Universelle relativo alla Bellezza, Voltaire non perde occasione per portare avanti le sue idee sulla tolleranza e sulla relatività di alcuni concetti:

Chiedete a un rospo cosa sia la Bellezza, il Bello, to kalon! Risponderà che è la femmina della sua specie, con due grandi occhi rotondi e sporgenti dalla testolina, un muso largo e piatto, ventre giallo, dorso marrone. […] il bello è relativo e ciò che è decente in Giappone è indecente a Roma, e ciò che è di moda a Parigi non lo è a Pekino. […].

Se la Bellezza è quindi un concetto relativo e fuggevole, anche la Bruttezza lo è: dipende quindi dagli occhi di chi guarda, dall’epoca in cui vive, dalla sua cultura, dalla sua religione persino. In questa mutevolezza, ciò che può incutere terrore e disgusto, come per esempio un cadavere mummificato, può diventare degno di ammirazione ed oggetto di culto tanto da esser considerato”profumato” e “bellissimo”, da toccare e baciare (si pensi alle reliquie sacre o, più di recente, alla generale infatuazione per il corpo di Padre Pio).

Dracula di Bram Stoker

Dracula di Bram Stoker

Il brutto può essere affascinante e perturbante, come dimostra la persistente fascinazione verso ciò che è soprannaturale o irreale, fantastico, per quanto mostruoso: e a questo fascino dell’orrendo dobbiamo grandi classici della letteratura, da Frankenstein a Dracula, dai racconti di Edgar Allan Poe a La metamorfosi di Kafka, senza contare i “cattivi” (lupi, orchi, streghe) delle fiabe per bambini.

In compenso, la storia ci dimostra tristemente come brutto sia considerato in genere il “diverso”: nel XIX secolo con presunta oggettività, nell’Uomo delinquente Cesare Lombroso tenta di dimostrare come anomalie fisiche e criminalità vadano di pari passo; anche la letteratura non sfugge a tali suggestioni:  brutto è  il povero (De Amicis è senza pietà con la figura di Franti), “mostro” da vilipendere il malato o il deforme; essere contro natura l’omosessuale, “disgraziata specie” la prostituta.

Tale affermazione della coincidenza tra bruttezza/diversità e cattiveria si è affermata sempre più nel XX secolo, ed in special modo per giustificare e propagandare l’antisemitismo, fino ad arrivare al concetto di razza sostenuto da Hitler come da Céline, per cui bruttezza fisica e bruttezza morale coincidono. La stessa reazione che troviamo oggi nei confronti dei musulmani-terroristi: l’equazione brutto=cattivo pare essere sempre valida nei nostri pregiudizi comuni.

Storia della bruttezza è un saggio/viaggio nelle culture di ogni tempo, di lettura non complessa, arricchito da testi e immagini, ma soprattutto è un momento di riflessione sui nostri (pre)giudizi, antichi e odierni, su temi sempre attuali come la bellezza e la bruttezza, sempre più configurabile come diversità da quanto è comunemente accettato nella società in cui viviamo. Riflessione che non fa un soldi di danno, non foss’altro che per evitare di fare la figura degli idioti quando invochiamo ruspe e distruzione su ciò che non comprendiamo.

Grazie, Professore.

Storia della Bruttezza, Umberto Eco, 2004 Bompiani

Storia della Bruttezza, Umberto Eco, 2004 Bompiani

Francesca Schipa

 

 

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: