Il corpo delle donne e le sfumature: spogliati e sii sottomessa

 

Non so se anche a voi è capitato, ma facebook ha graziosamente deciso di tempestare la mia bacheca con annunci ammiccanti sulla prossima uscita del film tratto dall’ormai celeberrimo romanzo “50 sfumature di grigio” di E. L. James (pseudonimo di Erika Leonard). Non so perché abbiano scelto me, immagino di rientrare per fascia di età nel target (anche se temo di posizionarmi più fra le cougar che tra le milf), ma fatto sta che mi suggeriscono la visione di piccanti trailer e l’acquisto anticipato di biglietti.

In un primo momento ho ridacchiato, poi ho deciso che bastava, bloccando i siti propositori: contate pure su di me, ragazzi. Il tarlo fastidioso però era ormai insediato e ha fatto il suo lavoro. Insomma, mi son chiesta, possibile che una serie di romanzi “porno-soft” susciti così tanto prurito e scalpore nel ventunesimo secolo solo perché scritti da una donna, nonostante la liberazione sessuale e l’evoluzione dei costumi? Ho preso così a sfogliare nuovamente alcuni dei libri di genere letti -ahimè- sin troppo tempo fa, e che dividerei in due categorie ben precise: ante anni ‘70 e post anni ‘70.

Il delta di Venere, Anaïs Nin - ritratto dell'autrice

Il delta di Venere, Anaïs Nin – ritratto dell’autrice

Qualunque discussione sul libro erotico al femminile dovrebbe prender inizio da Il Delta di Venere, commissionato ad Anaïs Nin negli anni ‘40 per uso privato e con precise indicazioni sull’argomento: sesso, tanto, nudo e crudo. Benché l’autrice stessa affermi che “il sesso deve essere innaffiato di lacrime, di risate, di parole, di promesse, di scenate, di gelosia, di tutte le spezie della paura, di viaggi all’estero…”, la raccolta, per quanto mirabilmente scritta, a rileggerla sembra scivolare nell’accademico e nella ripetitività: macchine da sesso perennemente tumide e umide, i protagonisti cercano l’appagamento in ogni modo possibile, senza tabù o remore di sorta. Nonostante lo scandalo suscitato all’epoca, di rado i racconti suscitano ancora eccitazione o interesse erotico.

Ben altro impatto ha la storia di Emmanuelle, uscita clandestinamente nel 1959: sul crinale dell’autobiografia si raccontano le avventure erotiche di una giovane, bellissima donna molto libera nonostante il forte legame con il marito. A rivederla con occhi più smagati, la disinibita protagonista sembra piuttosto seguire scrupolosamente indicazioni e desideri altrui, in perenne adorazione del pene e alla ricerca di un piacere dai tratti maschili; impressione confermata da diverse fonti che affermano essere il marito della Arsan, il diplomatico Louis-Jacques Rollet-Andriane, il vero autore del libro. Exit Emmanuelle, quindi.

Ma il vero scandalo fu suscitato dalla pubblicazione di Histoire d’O di Pauline Réage (pseudonimo che nasconde anche qui una coppia e non già un’autrice). O. accetta di diventare proprietà del suo amante e subisce ogni sua decisione senza mai ribellarsi: bambola di gomma perfetta sulla quale scivola qualunque tortura, senza lasciare segni di frustate o cicatrici, O. abdica alla propria volontà e prova piacere solo nel piacere del proprio padrone (questo vi ricorda qualche sfumatura, per caso?). Nonostante l’erotismo spinto e a tratti efficace, la donna è solo un insieme di anfratti da utilizzare all’infinito e cedere a piacimento, il suo godimento non è contemplato nell’atto e il sospetto che il tutto sia pilotato da una mano (diciamo così) maschile ritorna pressante.

Il segnale del vero passaggio è in Paura di volare di Erica Jong (1973), in cui la protagonista finalmente (!) fa sesso per il puro piacere di farlo, alla ricerca di un godimento che le è stato negato nel matrimonio e del quale sente di non dover più fare a meno. Isadora Wing tenta di sfuggire ai retaggi di un’educazione moralista che divide le donne in sottomesse o puttane, inseguendo il suo graal nella “scopata senza cerniera”, cioè il sesso fine a se stesso, come quello fino ad allora riservato ai maschi. Ricco di dettagli e complesso, Paura di volare dà un’immagine dell’eros femminile all’epoca del tutto nuova, e per questo è stato molto apprezzato dalle femministe e definito pornografia dal resto del mondo.

Paura di Volare, Erica Jong - 1973

Paura di Volare, Erica Jong – 1973

Nello stesso modo in Italia è stato accolto Porci con le ali, di Lidia Ravera e Marco Lombardo Radice, dove due liceali affrontano con apparente disinibizione le loro (diverse) fantasie erotiche in un periodo (1976) in cui l’ideologia e non più la morale regolava i rapporti tra i sessi.

Negli anni ‘80 la liberazione sessuale è ormai completa: Le età di Lulù, di Almudena Grandes, racconta senza tentennamenti le scoperte erotiche di una ragazzina che fa della trasgressione la propria regola di vita. Lulù non si lascia manipolare dagli uomini e usa il proprio corpo senza inibizioni né sensi di colpa: qui non c’è nessuna “cerniera” a trattenerla e Lulù sa ben approfittare di questa libertà per conoscere il piacere. Sulla stessa falsariga il nostrano Cento colpi di spazzola prima di andare a dormire di Melissa P. o Dietro le porte di Alina Reyes, viaggio nelle più ardite fantasie sessuali maschili o femminili a seconda del lato del libro che si apre, fantasie variegate e opposte che si incontrano al centro del libro.

Ma ripercorrendo questi cambiamenti, mi resta forte l’impressione che pian piano, avendo esplorato ogni possibile devianza, la letteratura erotica stia ritornando verso un’immagine femminile che credevo ormai archiviata, un nuovo tappeto di carne plastificata il cui piacere è contemplato nella sottomissione e nel completo abbandono alla volontà altrui.

A quarant’anni dall’abolizione della paura di “volare”, non sono convinta che questa evoluzione verso il “porno-soft” rifletta un cambiamento positivo. Il piacere può anche passare per una corda, ma la consapevolezza del corpo femminile ha bisogno di vie diverse, soprattutto in una società dove la violenza sulle donne non ha bisogno di vestirsi di velluto per riemergere dalle cronache ogni giorno.

 

Advertisements

Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: