Il sogno

 

 

 

Il sogno lo prese, poco prima che piovesse.

L’uomo non sentì iniziare piano, poi prender forza, il cadere della pioggia: il sogno lo dominava. Le gambe si agitavano frenetiche sotto le lenzuola, come a voler allontanare il corpo da immagini orribili; dietro le palpebre abbassate gli occhi roteavano, si muovevano a scatti. La pioggia a quel punto era torrenziale, e forse lo scrosciare modificò in un modo che solo lui seppe quelle visioni.

Ma il sogno continuava, inesorabile.

Dalle labbra strette sfuggì il gemito di un animale costretto alla fuga, braccato, finito in trappola. Nonostante il freddo della notte, grosse gocce di sudore oleoso si rappresero dove l’attaccatura dei capelli disegnava la fronte alta, ancora priva di rughe. L’uomo era ormai rannicchiato come un feto, le mani strette a pugno sul ventre, le ginocchia sollevate.

Sul torso nudo si abbattevano lunghe ondate di brividi,  e il sogno non sembrava smettere.

Il letto era ormai un mare in tempesta, stazzonato e bianco, quando l’uomo si strappò di dosso il lenzuolo, mettendosi a sedere sul bordo, gli occhi ancora chiusi. Mosse le labbra, come se pregasse, ondeggiando.

Poi, con uno sforzo disumano, tese i muscoli, spingendo avanti la testa; un lungo verso da minotauro ferito sfuggì dalle labbra appiccicate, lo trasfigurò in un essere mostruoso in rotta da un’infame caccia. Le gambe irrigidite lo trascinarono di piombo fino alla porta, gli occhi ancora persi nel sonno, le mani tese nel buio alla ricerca dello stipite.

Quando finalmente si fermò, dovette sostenersi con una mano al muro coperto di mattonelle bianche: un ultimo muggito accompagnò lo scroscio dell’urina che schioccava fumante sulla ceramica.

“Birra di merda… stavo per pisciarmi addosso.”

Annunci

Tag:, , ,

Categorie: d'Inediti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: