Il compimento è la pioggia, di Giorgia Lepore

 

 

 

C’è da augurarsi che lei non faccia mai una promessa che debba mantenere.

F. Dürrenmatt, La promessa 

 

Cos’è una promessa ? È un impegno che si assume liberamente, impegno ad agire nel futuro in un modo richiesto, sperato, desiderato da altri. E -domanda ben più difficile- cos’è la giustizia ? La giustizia è, forse, una promessa di chiarezza e di luce. A questo tipo di giustizia anela Gerri Esposito nel nuovo romanzo di Giorgia Lepore, in libreria da oggi, Il compimento è la pioggia.

La narrazione ha inizio e fine nell’arco di un mese, tra la festa di San Nicola e l’Epifania : nella città vecchia, avvolta in un caldo umido, fuori tempo e fuori luogo, avviene un omicidio particolarmente feroce e incomprensibile. Mentre cerca i bandoli di una matassa aggrovigliata da più mani, mentre litiga con Sara Coen che non gli perdona il perenne non esserci, mentre invidia ancora al suo capo Marinetti la moglie Claudia, mentre lotta contro il mal di testa e le atroci sensazioni lasciategli dalla ferita al cranio (vedi Angelo che sei il mio custode), mentre il caldo bruscamente precipita in giorni di neve e gelo, Gerri si lascia sfuggire una promessa folle. Promessa che sembra montare dentro di lui fino ad occupare tutto lo spazio vitale, promessa di cui Gerri si nutre e che respira, in ogni momento e senza darsi tregua, perché quella promessa, fatta ad una bambina che solo di lui sembra fidarsi, lo divora dentro. Per lei desidera afferrare la giustizia, da offrirle come regalo di Natale, ricompensa e perdono per quello che ha subito. Ma, come nel racconto La zampa della scimmia, come ne La Promessa di Dürrenmatt citato in esergo, il desiderio esaudito è una trappola, e la promessa, una volta mantenuta, avrà un sapore di fiele per Gerri.

…sentì montare una rabbia dentro, perché a lui quella consolazione non bastava, perché per Marinetti era sufficiente la giustizia, e invece a lui quella giustizia -forzata, sporca- non gli andava bene.


Il compimento è la pioggia è un lento precipitare, scivolando senza appigli, in un gorgo di incomprensioni e parole non dette: la bocca e i gesti invischiati, nessuno dei personaggi sembra avere il coraggio, la forza o la determinazione di parlare chiaramente, svelando i propri sentimenti all’altro. Così tace l’amore, tacciono compassione e abbracci, restano muti pensieri che avrebbero bisogno di voce e storie che andrebbero raccontate. E come sempre, Gerri tace i propri dolorosi ricordi.

pensò che forse era per quello che non poteva stare con nessuna donna. Davanti a quella finestra si stava da soli.

Dei tre romanzi in cui Gerri Esposito è protagonista, quest’ultimo -tanto atteso- è il più bello per la densità della scrittura, ma anche il più difficile da leggere per il continuo scavare nell’animo dei personaggi di Gerri e del suo alter ego bambino, Jennifer. Mentre l’animo degli adulti è un labirinto di curve cieche, l’animo dei bambini è fatto di linee rette e decise, con spigoli taglienti: Jennifer diventa il coltello con cui Gerri fruga nel suo stesso essere, aprendo chirurgicamente ferite da cui colano lacrime e solitudine. Solitudine da lasciare senza riparo, lacrime lunghe di pioggia promessa.

Annunci

Tag:, , , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: