Yerul, ça roule! – Incontro con Ian Manook

Se gli si chiede se ha seguito le regole auree del poliziesco, risponde con un sorriso divertito che in letteratura non contano quelli che seguono le regole, ma quelli che le sorpassano. E da quello che racconta della sua vita e da ciò che scrive e da come lo scrive, si capisce che le regole di S.S. Van Dine non le ha mai neanche guardate.

L’incontro con Ian Manook attorno a un tavolo -nella elegante sede della sua casa editrice italiana, Fazi editore- per noi che, letti i polar che hanno come protagonista Yeruldelgger, avevamo mille curiosità è stato appagante; ma il piacevole pizzico in più, il quid che ha reso notevoli quel paio d’ore insieme, è stato incontrare un uomo interessante e interessato, affabile, attento e spontaneo (qualità invero rare negli scrittori, ma su questo sorvoliamo).

Nessuna domanda inevasa, nessuna curiosità in sospeso: rispondendo dalle questioni politche scottanti alle domande più personali, ha delineato una figura di sé e della propria scrittura quanto meno originale e, come dicevamo, fuori dalle regole.

Da subito Manook sottolinea che preferisce arrivare alla scrittura “vergine” da racconti e informazioni altrui: detesta quella che chiama la documentazione “rigurgitata” che fuoriesce quando uno scrittore, saturo di informazioni preventive, non riesce a tenerle fuori da ciò che scrive, aggiungendo dettagli che poco hanno a che vedere con la narrazione e la letteratura. La scrittura di Ian Manook viceversa esce di getto, senza un piano di lavoro e senza un traguardo prefissato, da una o due scene ben chiare fin dall’inizio nell’autore. E soprattutto scaturisce dai suoi ricordi interiorizzati di viaggiatore. L’ex-hippy figlio della diaspora armena ha fatto del viaggio uno dei fondamenti essenziali della vita: le sue narrazioni affondano le radici e germogliano dai ricordi dei luoghi che ha visitato spostandosi in modi anche poco canonici -dall’autostop al lavoro sulle navi- cercando la comprensione senza pregiudizio delle popolazioni incontrate. Per quanto possibile -sottolinea- in quanto tutti siamo razzisti, assorbiamo pregiudizi dall’ambiente in cui viviamo, in maniera inconsapevole e anche contro la nostra volontà. La Mongolia, attraversata per cinque settimane qualche anno fa, sfondo e prima attrice nei romanzi di Yeruldelgger, è una terra che affascina, contraddittoria, selvaggia e domata, intatta e corrotta: su questo accidentato percorso Ian Manook disegna la trilogia che si conclude con La morte nomade.

E contrastante è il suo modo di raccontarla, giocando con il lettore fra tradizione e progresso, fra bianco e nero, luce ed ombra: se il libro si apre sul disinvolto piacere degli amori nomadi, in seguito ne mostra il lato più triste e deleterio; se la yurta -la tenda in feltro delle popolazioni nomadi mongole- nei primi due libri è dettagliatamente descritta come luogo di tradizione e ordine, in questo viene inserita in un ambiente degradato, in una baraccopoli forzata alla periferia di Ulan Bator; se è vero che i cercatori d’oro ninja sono artefici dell’inquinamento e della distruzione del paesaggio del Gobi, sono anche vittime di un sistema economico che schiaccia impietosamente chi è in basso. La ferocia sfrenata e la sete di denaro e potere, coprotagonisti dell’ultimo romanzo, sono l’altra, più squallida faccia della feroce durezza della vita nomade, che non è una scelta romantica, ma semplice necessità di sopravvivenza in un ambiente ostile.

E Yeruldelgger è l’eroe antieroico che ben rappresenta la complessità della Mongolia: impastato di rabbia e aspirazione al misticismo, quest’uomo forte (ma mai davvero descritto nelle pagine della trilogia), questo ex poliziotto che agogna la pace ma sembra calamitare la violenza, diventa nel suo addio l’emblema finale di un Paese dal cuore lacerato.

Addio scritto solo sulle pagine, perché -come accade per le non-sepolture nomadi che cercano la dissoluzione del corpo nella natura affinché di chi scompare resti il puro ricordo- “le anime nomadi non muoiono mai, diventano leggende erranti”.

 

p.s. Ho tentato in tutti i modi di avere quella t-shirt…

Annunci

Tag:, , , , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: