Cassandra al matrimonio, di Dorothy Baker

 

 

Succede, credo, a qualunque lettore di sentirsi “chiamare”. Uno sta spolverando, lavorando al pc, guida nel traffico (una delle mie attività d’elezione), e sente un languorino che dice che non dovrebbe essere lì, ma con “quel” libro in mano. Come se qualcosa – qualcuno- lì, in quelle pagine, stesse aspettando te, proprio te, per andare avanti. E non dipende da una particolare qualità della storia, quanto dalla capacità dell’autore di creare degli invisibili ganci tra il narrato e la realtà che impediscono che quanto letto scivoli via, delle lappole che si attaccano tenaci alla pelliccia cane/lettore che attraversa il campo e non si tolgano più.

Quando per Non sono Sòle è stato proposto come libro di lettura comune “Cassandra al matrimonio” di Dorothy Parker, non ero convinta. Anzi. Sinceramente, la copertina rétro non mi ispirava, e neanche il titolo: temevo l’agguato del polpettone romantico (anche se, proposto da Pino Sabatelli, mi avrebbe meravigliato non poco).

Invece, dopo un inizio cauto, novella Giovanna d’Arco, ho iniziato a sentire le voci. In realtà, la voce era una soltanto, ma quanto insistente. Una lappola, appunto, che non si scollava in nessun modo.

Cassandra e Judith sono sorelle e gemelle, identiche e opposte. Figlie di un professore di filosofia ad un passo dall’alcolismo e di una madre scrittrice morta tre anni prima e comunque sempre assente, le sorelle hanno percorso lo stesso cammino –in evidente simbiosi, accentuata dall’isolamento nel ranch di famiglia e da un’educazione anticonformista, lontana  dal perbenismo della provincia americana tra gli anni 50 e gli anni 60. Cassandra, voce narrante della prima e più importante parte del libro, studia a Berkeley, lontana dalla famiglia e dalla sua inscindibile metà da quasi un anno: questa lontananza non ha fatto che accentuare una nevrosi già radicata (tant’è vero che Cassandra è in cura da tempo), ma l’elemento deflagrante e che dà il via alla narrazione  è il matrimonio annunciato di Judith. Questo evento – temuto, desiderato, sognato, sperato, ignorato via via dai membri della famiglia- per Cassandra è una ferita mortale, un attentato chirurgico al legame siamese che la cuce a Judith.

Come dicevo, il libro si apre con la voce narrante in prima persona di Cassandra: una voce leziosa, all’inizio, infantile, viziata, respingente. Non si riesce a comprendere bene come, ma si ha l’impressione da subito che la ragazza che guida non proprio sobria verso casa non stia dicendo tutta la verità, che stia in qualche modo manipolando il lettore e se stessa per convincerci e giungere al compimento del suo piano: quel matrimonio non s’ha da fare. Nel proseguirsi della narrazione, la voce di Cassandra si spoglierà delle maniere per mostrarsi nuda, smarrita e smagrita, dolorante. Il viaggio che è un lungo parto, il ricongiungimento con l’amata metà nel liquido amniotico della piscina di casa, le doglie laceranti che porteranno alla separazione forzata e forse –forse!-all’accettazione durano nella narrazione due giorni, ma quanto intensi e sconvolgenti. Ed è anche la brevità dell’azione a conferire al libro densità e carattere drammatico.

Ma il vero merito del romanzo della Baker è nell’analisi della personalità sconvolta di Cassandra che si rivela nella sua devastazione poco a poco: la scrittura tagliente come un bisturi esamina i gangli nervosi delle relazioni tra gemelli, delle separazioni necessarie che segnano l’ingresso nella vita adulta. Judith, con il suo equilibrio e la sua comprensibile tensione verso una felicità normale, un amore pacifico, una famiglia serenamente borghese, sembra essere un’appendice, copia sbiadita e inamidata della sorella. E anche i personaggi che ruotano attorno alle sorelle, benché non descritti in maniera approfondita, sono interessanti,  toccanti il dolore e la solitudine del padre inzuppati dall’alcol, commoventi la tenerezza e l’apprensione di una nonna non abbastanza considerata e che tuttavia tenta di impastare i membri di una famiglia bislacca, nonostante nonna e padre suscitino a tratti irritazione.

Lo stile è aiutato dalla splendida traduzione contemporanea di Stefano Tummolin (l’edizione originale è del 1962) e non mostra assolutamente cedimenti o rughe, energico, attuale, fluido; la penna della Baker risulta vitale e acuta, quasi vigorosa.

Tra tanti romanzi -anche contemporanei- spacciati per capolavori ed assolutamente  dimenticabili, Cassandra al matrimonio è una lettura che induce alla riflessione sui rapporti (non necessariamente gemellari) tra membri di un nucleo familiare. Il tutto con una piacevolezza di lettura ed un coinvolgimento molto elevati, le lappole di cui vi parlavo prima, per cui Cassandra vi chiamerà da queste pagine e anche alla fine della lettura non scivolerà via senza lasciarvi segni.

Ogni famiglia infelice è infelice a modo suo” ha scritto Tolstoj: e il romanzo della Baker sembra suggerirci di gettare uno sguardo dentro e attorno a noi per scorgere non solo i difetti, ma anche i segni dell’altrui e nostra possibile infelicità.

          Francesca Schipa

Cassandra al matrimonio, Dorothy Baker, trad. Stefano Tummolin- Fazi editore 2014 - 256 pagg.  16 euro

Cassandra al matrimonio, Dorothy Baker, trad. Stefano Tummolin- Fazi editore 2014 – 256 pagg. 16 euro

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: