Adamante, di Maria Silvia Avanzato

 

Da qualche parte, sperduto tra la Bassa e gli Appennini, c’è un piccolo borgo. Sua sola gloria, suo tormento e unico ricordo felice è un cinema, ormai in rovina. Il cinema Adamante è il cuore scuro ma ancora pulsante di Case Adamo, il mantice che soffia sui rancori, i desideri e gli istinti più nascosti di tutti gli abitanti.

Il cinema appartiene, fin da quando il Duce lo inaugurò nel 1936, alla stessa famiglia, i Biasetti, ma ora qualcosa sta per cambiare. E questi cambiamenti coinvolgeranno il paese intero.

È da questo punto che prende il via la narrazione di “Adamante – Ciò che resta del nero”, di Maria Silvia Avanzato, romanzo che si presenta da subito come una Peyton Place in salsa emiliana. Ogni capitolo si apre infatti con un “Si dice” che svela un pettegolezzo, un’ombra, la colpa di uno degli abitanti di Case Adamo; così che tutto il mondo che si agita attorno all’edificio sconnesso si tinge d’ombra, sfogliandosi, spogliandosi dalle apparenze di pacifica normalità, mostrando pian piano le sue miserie.

Si dice che la Madonna del Bosco fosse chiusa per scongiurare il pericolo di crollo. Altri dicono che i peccati non si possano lasciare alla luce del sole.

Tra l’emporio, il bosco e la Casa di Confine, dall’orrido alla cappella votiva e fino alla macelleria dei Guerzoni, rimbalza così una sfilata di personaggi degni di Hyeronimus Bosch, una sarabanda di peccatori non ravveduti, anzi convinti delle loro male azioni. In questo mondo buio segnato da infedeltà, ricatti, violenze, omicidi non esiste pentimento perché non è prevista redenzione. Le vittime sono esse stesse carnefici e forse i carnefici hanno la scusante dell’esser vittime a loro volta. Ma poiché tutti hanno colpa, nessuno ne ha, almeno finché resta chiuso nell’ambiente malato di Case Adamo. Il paese è tana e galera, carcere e via di fuga insieme: qui non si vive, ma da qui non si scappa.

La storia è intrigante e ben costruita: un anello dopo l’altro si srotola la catena che lega i personaggi gli uni agli altri –vivi e morenti e morti- ed è interessante notare che a tenere gli estremi della catena siano ben due “esseri” inanimati, muto l’uno ma dalla bocca enorme e famelica, loquace l’altra, invisibile spia dei vizi altrui.

La scrittura è sovraccarica e rallenta la lettura, a tratti faticosa; tuttavia questa sovrabbondanza collosa di termini, definizioni, aggettivi, paragoni ancora una volta mi ha fatto pensare a Bosch: questa profusione sembra invischiare il lettore e disegnare nei minimi dettagli ogni neo, ogni difetto, ogni cedimento e sottolinearlo. Senza commiserazione, anzi, con un compiaciuto gusto dell’orrido.

“Adamante” insomma è la casa degli specchi di tutta la bruttezza umana: ovunque si posi lo sguardo, nessuna tregua dall’orrore. Che anzi aumenta quando ci si accorge che il riflesso deformato sul vetro cattura il volto di una persona che siamo certi di conoscere. E potremmo persino essere noi stessi.

Francesca Schipa

Adamante, Maria Silvia Avanzato - Ed. della Sera, 2013 - 234 pagg. - 13 euro

Adamante, Maria Silvia Avanzato – Ed. della Sera, 2013 – 234 pagg. – 13 euro

 

 

 

 

Annunci

Tag:, , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: