Poesia de Natale (ovvero Lo scambio de l’auguri)

– Che se dice, Giggì

come vanno le cose ?

– E come vanno, così…

nun so’ fiori né rose

e questo già lo sai,

ma aggiungo, si permetti,

che so’ sortanto guai,

come la metti metti.

– Eh mo’, guai solamente !

Me pare un poco tanto :

io vedo che la ggente

non dico sta n’incanto

ma manco se butta giù

– A bello, ma ‘ndò vivi ?

Vedi troppa tivvù :

te dicheno dei divi

che fanno li milioni,

e così ce se scorda

dei poveri fresconi

che tirano la corda

p’arrivare alla cena

si hanno magnato a pranzo.

La tivvù solo è piena

de piatti da romanzo,

che gli sceffe stellati

nzegnano a preparà.

Ma quanti penzionati

che nun ponno arriva’

diggiuni ar ventisette,

a corto de quatrini

magnano scatolette

e scarti, poverini ?

E ancora, c’hanno ‘n tetto!

che sinnò stai pe’ strada

e t’addormi su ‘n letto

de cartoni, ma abbada

che nun vie’ n’assassino

che pe’ scaldatte ‘n poco

-dice- co ‘n accendino

ce prova a datte fòco.

-Ah Giggì, ma stai male !

Nun penzi, amico mio.

Che fra poco è Natale ?

Gli auguri, santoddìo,

la viggilia, i parenti,

nun te scardano er còre ?

Semo tutti contenti

er giorno der Signore,

semo tutti più bboni.

– Più bboni pe’ ddù ore

e pe’ l resto cojoni.

Nun basta er Sarvatore

a mijorà er macello

ch’avemo tutt’attorno:

artro che Bambinello,

artro che santo giorno,

qua ce vo’ l’omo ragno

che metta ‘n po’ de strizza,

e botte ar monno indegno

finacché nun s’addrizza.

– Be’, mo’ s’è fatto tardi,

me ne torno a casetta,

me metto i panni cardi

che qua tira n’arietta !

Auguri, Giggì bello,

pe’ questa notte santa

e che l’anno novello

porti fortuna e tanta.

– A te e famija auguri,

pure che n’zerve a ‘n cazzo,

v’auguro, amici cari,

felicità e sollazzo.

Si nun so’ fiori o rose,

l’auguri male n’fanno :

a tutti care cose

e felice nuovo anno.

Annunci

Tag:, , ,

Categorie: d'Inediti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: