Cristo a Roma

Quanno che ‘n giorno Cristo
decise de torna’ a Roma
nun se fece fa’ er visto:
se rassettò la chioma
(pe’ pare’ più ordinato)
lasciò l’aureola su,
e bello rinfrescato
se disse “So’ Gesù,
er fijo de mi’ Padre:
che probblemi ce stanno?”

“Fermete – fece la Madre-
nun anda’ a fa’ più danno,
ché già l’Urbe, porella,
sta in un periodo tristo.
Pe’ dilla tutta, quella
me sta ai piedi de Cristo.”
Gesù, chiamato in causa,
guardò le estremità.
“Madre, càlmete, pausa!
che me stai a racconta’?
Qua sotto nun c’è gnente,
proprio gnente de male,
Roma c’ha ‘n bell’ambiente,
papà c’ha ‘a succursale…”

“Figlio, amoroso giglio,
c’hai la testa de coccio,
lo mio era un consiglio,
ma se pensi che scoccio,
scenni e fatte ‘n giretto.
E nun me venire a di’
che nun te l’avevo detto!”
Così parlò, e svanì.

Quanno se terminò
la cazziata materna,
Cristo lesto riannò
nella Città sua Eterna,
e pe’ ffa’ l’amicone
andò subbitamente
ndo stava la stazzione
e ‘n zacco de bella ggente.
Ma giuntosi alla piazza
de nome Indipendenza
vide òmini in corazza
su gente che era senza,
e mettendosi in mezzo
pe’ ferma’ i manganelli
“Fermète, brutto pezzo…!”
je strillarono quelli.
E siccome che invece,
dato ch’era Gesù,
cominciò a dire “Pace…”
nun ce videro più:
“M’ha colpito la faccia!
marocchino de m…,
te spezzo le du’ braccia!”
“Fratelli, non si perda…”
la calma, volea dire.
Ma l’òmo c’aa corazza
nun lo stette a sentire
e imbracciata la mazza
je la menò sur naso.

Restò senza far voce,
nun je pareva er caso:
“Sempre la stessa croce!”
penzò in mezzo alla ggente
che già teneva poco
e mò teneva niente.
“Padre mio, qui ti invoco,
guarda sti sfortunati,
scappati da ‘na guerra,
accolti e rifuggiati,
in cerca de ‘na terra.
Io sono il tuo figliolo,
ma guarda st’ingiustizzia;
penzavo d’esse solo
e invece è ‘na milizzia
de ggente in gran tormento,
senza patria e futuro.
E questo trattamento
me pare troppo duro:
ce so’ donne e creature,
e st’òmini in corazza
sopra alle pelli scure
menano forte, ammazza!
C’avea raggione mamma…”

Mentre così diceva
vide na pòra donna
strutta, che se piagneva.
Aveva perzo tutto,
era stanca e bagnata:
a Cristo parette brutto
e fece ‘na penzata.
A ‘na guardia, uno tosto,
armato ed aggressivo,
fece fare un bel gesto
davanti a ‘n obbiettivo.
Poi, cor còre placato,
penzanno “Tutt’apposto”,
attese il risultato
del miracolo d’agosto.

E di tutto quel duolo,
di tutto quel casotto,
il mondo vide solo
La carezza del poliziotto.

Annunci

Tag:, , , ,

Categorie: d'Inediti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: