Il corpo si indebolisce, le parole mai -Il bazar dei brutti sogni di Stephen King

Come ben sa chi mi conosce, amo i racconti (forma letteraria così poco apprezzata e letta in Italia) almeno quanto amo Stephen King. Così, quando in marzo è stato pubblicato Il bazar dei brutti sogni The Bazaar of Bad Dreams ovviamente ero in brodo di giuggiole. Ma questa volta ho voluto, a mio rischio e pericolo, assaggiare la scrittura kinghiana al naturale, diciamo così, leggendo la raccolta in versione originale. Buona parte dei venti racconti contenuti sono già stati pubblicati in precedenza, ma io non ne conoscevo nessuno; e qui parlerò ovviamente solo di alcuni che mi hanno colpito.

Inizierei affermando che, a mio personalissimo parere, zio Steve sente l’età: e non perché la scrittura sia “stanca”, anzi. Lui stesso afferma

The body weakens, but the words never do.

E le sue parole di sicuro non sono invecchiate. Intendo invece l’aleggiare di una certa propensione alla riflessione, un atteggiamento pensoso sulla vita e sulla morte (e sulla vita dopo la morte) che, lungi dal rendere la sua scrittura più debole, ne aumenta il valore empatico.

Di certo le vecchie atmosfere rivivono in alcuni dei suoi racconti, soprattutto quando si narra di poteri soprannaturali, come quello svelato dal vecchio giudice in La dunaThe Dune al proprio curatore testamentario, narrazione pacata che si chiude su un’unica frase dal ghigno malvagio; o dal giornalista che può pubblicare online necrologi perfidi e fittizi che si rivelano letali in Io seppellisco i vivi – Obits. Un tocco di Asimov in chiave Amazon si legge in UR, dove un insegnante e aspirante scrittore riceve l’e-reader che tutti noi vorremmo avere (o forse no), portale verso milioni di opere pubblicate in altri mondi dove gli scrittori hanno vissuto altre vite (pare che questo racconto contenga numerosi riferimenti alla serie de La Torre Nera, che però non ho ancora letto).

L’agonia del dolore prende (orribile) vita nelle fattezze di un demone (Il piccolo dio verde del doloreThe Little Green God of Agony) e punisce un’infermiera troppo razionale e distante dall’insopportabile paziente, mentre ne Il bambino cattivoBad Little Kid un rosso malpelo che perseguita un uomo, guastandone la vita fino a renderlo un assassino, punisce l’incredulo avvocato che lo difende.

In Miglio 81Mile 81 torna il tema dell’automobile-killer già esaminato nella terribile Christine, e torna anche il King che riesce a ritrarre bambini come nessun altro: come in It, l’innocenza salva se stessa, ma fatevelo bastare per tutto il libro, non si ripeterà.

Come accade ne Il miglio verde, in Una morteA Death il mattatore si interroga sulla pena di morte, sempre mischiando le carte: il condannato è innocente? Colpevole? Innocente? Gli uomini che lo condannano sono nel giusto o stanno per commettere un omicidio insensato? La risposta finale non riesce a dare sollievo, come non ne dà la pena capitale stessa.

La mera stupidità che porta alla rovina in Fuochi d’artificio ubriachiDrunken Fireworks (racconto tra i pochi non all’altezza, ma che dipinge con efficacia l’ambiente sordido in cui spesso King ambienta le proprie storie), diventa stupida cattiveria in MoraleMorality, dove la richiesta di commettere un piccolo crimine in cambio di soldi porta al disgregamento di chi vende la propria integrità: qui però l’autore traccia il deterioramento morale con mano magistrale.

Breve e intenso, Tuono estivoSummer Thunder, che conclude in bellezza la raccolta, è il meraviglioso, struggente canto del cigno di un mondo in agonia: se pensate, come ho fatto io leggendolo, che gli echi di The Stand siano troppo evidenti, beh…andate avanti, fidatevi.

Ci sono racconti, in questa antologia, che non mi hanno convinta (per carità, scritti come al solito egregiamente, ma senza “denti”): tra questi il già citato Drunken Fireworks o Blocco BillyBlockade Billy (troppo baseball, e io sono più che ignorante in materia). E non sono neanche persuasa della necessità delle prefazioni ad ogni singolo racconto: a volte scatta il desiderio di interromperlo dicendo “Sì, vabbe’, ma il racconto quando arriva?”. Questo nonostante io ami sentirlo chiacchierare sul come e dove e perché sono nate alcune sue storie; il troppo, come si sa, stroppia persino King.

Ma alla fine, come sempre, l’incantesimo funziona: zio Steve prende per mano il lettore e lo trascina al buio, nel cuore di un incubo, fino a fargli sentire l’aspro sapore ferroso della paura, fino a fargli annusare il sangue ancora caldo; poi lo accompagna gentilmente verso l’uscita del tunnel degli orrori. E quando la tensione sta per calare ed il lettore è disarmato, la porta si schiude sulla comprensione: da soli, il vero incubo ha inizio.

Annunci

Tag:, , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

2 commenti su “Il corpo si indebolisce, le parole mai -Il bazar dei brutti sogni di Stephen King”

  1. 2 maggio 2016 a 18:58 #

    Non l’ho ancora letto ma mi aspetto tanto, sia dalle recensioni che dal fatto che comunque è Stephen King! 😉

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: