Anche i poeti piangono- Paul Eluard e gli occhi di Gala

 

Anche i poeti soffrono per amore, ma quando accade -diversamente dai comuni mortali- distillano versi: dopo la rottura con Héléna -la musa Gala- che lo abbandona per seguire Dalì, Paul conosce la solitudine, la tristezza senza fine, la depressione.

Tormentato dal ricordo della curva dei suoi occhi dal colore ineffabile e puro, trova conforto nella purissima poesia. E grazie alla poesia ritroverà la sete di vita e il desiderio del volo, volo intriso di luce e infinito.

La traduzione è mia (che Erato mi aiuti).

I loro occhi sempre puri

Giorni di lentezza, giorni di pioggia,
giorni di specchi rotti e di aghi smarriti,
giorni di palpebre chiuse all’orizzonte dei mari,
di ore tutte uguali, giorni di prigionia,
il mio spirito che brillava ancora sulle foglie
e sui fiori, il mio spirito nudo come l’amore,
l’aurora che dimentica gli fa abbassare il capo
e contemplare il suo corpo obbediente e vano.

Eppure ho visto gli occhi più belli al mondo,
divinità d’argento che tenevano zaffiri tra le mani,
vere divinità, uccelli nella terra
e nell’acqua, io li ho visti.
Le loro ali sono le mie, nulla esiste
fuori dal loro volo che scuote la mia miseria,
il loro volo di stella e di luce,
il loro volo di terra, il loro volo di pietra,
Sui flutti delle loro ali,
il mio pensiero sostenuto dalla vita e dalla morte.

 

 

­Leurs yeux toujours purs

Jours de lenteur, jours de pluie
Jours de miroirs brisés et d’aiguilles perdues,
Jours de paupières closes à l’horizon des mers,
D’heures toutes semblables, jours de captivité,
Mon esprit qui brillait encore sur les feuilles
Et les fleurs, mon esprit est nu comme l’amour,
L’aurore qu’il oublie lui fait baisser la tête
Et contempler son corps obéissant et vain.

Pourtant j’ai vu les plus beaux yeux du monde,
Dieux d’argent qui tenaient des saphirs dans leurs mains,
De véritables dieux, des oiseaux dans la terre
Et dans l’eau, je les ai vus.

Leurs ailes sont les miennes, rien n’existe
Que leur vol qui secoue ma misère,
Leur vol d’étoile et de lumière
Leur vol de terre, leur vol de pierre

Sur les flots de leurs ailes
Ma pensée soutenue par la vie et la mort.
 

Paul Eluard, Capitale de la Douleur

Annunci

Tag:, , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: