Book and Bed, dormire cullati dai libri

Avete presenti i “bookworm”, vero? quegli odiosi animaletti che divorano i vecchi libri, le tarme della carta, i malefici pesciolini d’argento insomma…ecco, no. Non parlo di loro. Mi rivolgo qui ad una razza meno dannosa, della quale fanno parte molti tra i miei amici: i topi da biblioteca, i serial reader, quelli che con i libri e in mezzo ai libri ci vivono, quelli che leggono, leggono, leggono, dimenticando che attorno c’è un mondo dedito ad altro, e ridono a voce alta, piangono sull’autobus, incespicano, parlano con gli sconosciuti di quello che stanno leggendo (guardate qui) perché non ne possono fare a meno.

Cari amici pazzoidi, ho una buona notizia: si va a Tokyo!  Come, direte, a Tokyo, io non vedo l’ora di mettermi sulla poltrona a leggere… ma sì, almeno una volta nella vita toccherà andarci.  Mi spiego meglio: quante volte avrete pensato (sospirone e aria sognante) “come mi piacerebbe vivere in una libreria”? Ecco, a Tokyo ha aperto un ostello dedicato ai lettori, con posti letto ricavati fra gli scaffali di una libreria piena di titoli fra i quali scegliere prima di…oh, gaudio: prima di addormentarsi! Book and Bed è il sogno di ogni Firmino e, come vedete dalle foto, è reale; non tre-quattro libri smunti e tristi a prender polvere sulle mensole, ma una vera biblioteca.

Ovviamente non aspettatevi lusso né privacy: ma un lettore sa crearsi la privacy anche in mezzo a un veglione di Capodanno, se ha un libro tra le mani, e comunque si troverebbe circondato da suoi simili.  I letti sono cuccette ricavate tra scaffali di legno ben farciti di classici e novità in inglese e giapponese, e tutto si trova in una zona comune provvista anche di divani. Come specificano nel sito, non è un luogo dove dormire con il massimo del comfort, ma quello si può trovare in qualunque albergo. Noi cerchiamo altro.

“Quello che offriamo è un’esperienza durante la lettura di un libro (o un fumetto)”

Quanta soddisfazione c’è nel momento in cui, con le palpebre pesanti, si scivola dalla lettura al sonno: ecco, qui potremo farlo circondati da altri appassionati e cullati dalla silenziosa presenza di decine di libri. Il tutto senza che nessuno brontoli “Quando spegni la luce, devo dormire!”- un sogno, no?

11371274_1032332990151587_1429184585_n

Book and Bed  si trova al settimo piano di un edificio nel quartiere commerciale di Ikebukuro, e offre dodici posti letto a non residenti, tra i 3.500 e i 4.500 yen (tra i 26 e i 35 euro). I volumi sono scelti dalla libreria Shibuya Publishing & Booksellers che sceglie “libri che arricchiscono la vita di ogni giorno”, ma –tengono a precisare- non sono in vendita. Può accogliere un numero limitato di ospiti anche di giorno, dalle 13 alle 19, con un biglietto di ingresso di 1.500 yen (poco più di 10 euro).

E se il biglietto per il Sol Levante fosse poco abbordabile, se non ci andasse di fare il viaggio, se la poltrona ci chiama, allora possiamo sempre immaginare leggendo; o anche pensare di realizzare una meraviglia del genere qui in Italia, perché no. Sognare costa così poco. Anzi, credo sia persino gratis.

 

                                                            Francesca Schipa

 

(foto reperite sul web)

Annunci

Tag:, , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: