Carne viva, di Merritt Tierce

Ho aspettato a lungo prima di parlare di questo romanzo, e questo perché Carne viva –benché sia abbastanza breve e si legga velocemente- ha prodotto su di me un impatto molto forte, e ha richiesto una lunga decantazione per lasciare che i pensieri che mi turbinavano nella testa durante la lettura si depositassero.

Non molto tempo fa ho scritto di un altro romanzo –L’estate che ammazzarono Efisia Caddozzu  – la cui protagonista, pur nelle differenze profondissime, ha un tratto comune con Marie, la protagonista di Carne Viva: non è un personaggio che vuol piacere. Anzi. E l’autrice, Merritt Tierce, non facilita le cose, proponendoci una storia che non è nemmeno una vera storia con una trama ben definita, ma un susseguirsi di episodi che sembrano foto in bianco e nero ad elevatissimo contrasto.

12079796_10153371024122912_1443280709990034139_o

Tagliente,chirurgico, Carne viva non è una lettura piacevole: come potrebbe esserlo la vivisezione di un’anima? Ma è uno sguardo onesto, senza false ritrosie, su una donna, giovanissima ancora, ribelle a un ruolo di moglie e madre che le pesa, e questo nonostante ami visceralmente la figlia, e anche il suo ex-marito. Cercando di guadagnarsi vita e rispetto nel duro mestiere di cameriera in un ristorante, Marie non ci chiede nulla, se non di guardarla esistere, sbagliare, perseverare a denti stretti sotto la luce cruda della sua vita; non chiede mai pietà o comprensione, sbaglia sulla sua pelle e sulla pelle –letteralmente- paga i suoi errori.

Fa male ma è una bella sensazione. Cioè mi dà una sensazione di sollievo. Il dolore è reale e sincronizza tutto il dolore che ho nel resto di me stessa ma non riesco a organizzare. Lo concentra nel collo e gli spiega che cos’è: Tu sei il dolore, questo è l’effetto che fai.

Merritt Tierce crea a colpi di coltello il ritratto di una donna che non vuole compiacere nessuno, men che mai i lettori, portandoci ad essere spettatori recalcitranti e affascinati di episodi aspri, sgradevoli, “sporchi”. Un ritratto che l’autrice non può e non vuole far rientrare in un modello –letterario o di vita reale- precostituito, ma diventare modello a se stante, ancora in fieri, un pezzetto alla volta. E non tutti i pezzi sono giusti.

La prosa della Tierce è solida, ricca di sostanza, di uno spessore eccezionale. Ha la ruvidità della corteccia, la scelta delle parole scabre ha un peso specifico nella narrazione e sul cuore del lettore. La chiarezza dello sguardo e l’assenza di falsi pudori, la durezza e la sfrontatezza del linguaggio mi ricordano -in chiave attuale- la Erica Jong di Paura di volare. Come quello negli anni ’70, anche Carne viva non è un romanzo “facile”, e soprattutto per un occhio femminile è una sfida gettare uno sguardo su Marie, sui suoi difetti e le sofferenze, il suo autolesionismo e i tentativi di scavare in se stessa per comprendersi e –forse- accettarsi, senza sentirsi ferite nel profondo. Come donne. Anche se la nostra vita è diversa, più lineare e nei canoni, anche senza conoscere quella realtà, quel lavoro, quei dolori, i tagli nella carne viva di Marie bruciano nella nostra. Profondi e lucidi di sangue.

Se hai qualcosa che ti fa star male, un rimorso o un dolore, mangiatelo, bevitelo, pippatelo, scopatelo, usalo, ciuccialo, ammazzalo.

Francesca Schipa

Carne viva, Merritt Tierce, Edizioni Sur 2015, trad. Martina Testa, 220 pagg. euro 16,50

Carne viva, Merritt Tierce, Edizioni Sur 2015, trad. Martina Testa, 220 pagg. euro 16,50

Annunci

Tag:, , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: