Uccidete Pulcinella, di Massimo Torre

Napoli, covo di malfattori e alcova di mille bellezze; gente onesta che vive gomito a gomito con infami e profittatori. Città-mito incomprensibile e splendida, composito mosaico dove la rabbia si mischia e trova sfogo nel dileggio, e lo sberleffo risponde alla sopraffazione. E chi può rappresentare questo improbabile connubio meglio di Pulcinella, la maschera cinquecentesca dell’antieroe per eccellenza? Personaggio dimesso, ma ingegnoso e vincente contro le angherie dei (pre)potenti, Pulcinella usa il dileggio come arma di fronte ai soprusi, e resiste come può alla malasorte: pronto a prendere mazzate, ma a restituirle di santa ragione.

Eccolo, eccolo colui che può salvare Napoli! e già ha iniziato, ripulendo il quartiere Sanità dalla violenta dominazione degli Sparaco. Gli abitanti respirano, le attività commerciali, prima strangolate dalla morsa dell’usura e delle estorsioni della Compagneria, riaprono nella “zona decamorrizzata”. Tutto merito –nascosto- di Puccio D’Aniello, il tuttajo con cui parlammo tempo fa in questa intervista, che è diventato il supereroe e il protettore che la città intera aspettava da sempre.

Ma, com’è ovvio, non tutti sono contenti di questo andamento positivo: il figlio di Clemente Sparaco, Ciro, dopo aver cambiato i connotati all’estero, ha tutte le peggiori intenzioni di riprendersi il quartiere, di uccidere Pulcinella (che l’ha sottoposto a un’onta immensa davanti a tutti, grazie ad una bella carota dove non batte sole), e soprattutto di prendersi quella impunita di Rosa Bellella, che di Pulcinella è innamorata persa.

Si unisce alla Compagneria e ai suoi fetidi disegni la camorra intera, decisa a liberarsi di quello che rappresenta un grosso sasso nei suoi sanguinosi ingranaggi; ma anche i potenti –il Club di quelli che non si sporcano le mani in prima persona ma che dalle attività criminali traggono gran sostentamento- vogliono riportare ordine e sottomissione nel popolo. Da questa  nasceranno violenze e ricatti infiniti, punizioni feroci a chi ha alzato la testa, torture e rapimenti, e tutto tende ad un solo scopo: far sì che Pulcinella si consegni e farlo fuori come lezione esemplare per tutti coloro che intendessero seguirlo.

In questo secondo volume di Massimo Torre, Uccidete Pulcinella, l’atletico hacker che veste i panni modesti di Puccio D’Aniello se la vede davvero brutta, e con lui tutti quelli che lo sostengono; ma non ho intenzione di aggiungere altro sulla trama. Leggete questa storia napoletana ma universale. Soffrirete e rabbrividirete, guardando dentro  cuori umani ghiacciati dalla ferocia. Sorriderete, poi, sollevati , seguendo gli spernacchiamenti e i volteggi di Pulcinella, supereroe senza superpoteri.

E di tanto in tanto avvertirete un alito di speranza, odor di pulito che spazza il marciume, e pure un refolo d’amore. Ché quello sfacciato, l’amore, se ne frega e fiorisce nei posti e nei cuori più inaspettati.

Francesca Schipa  

Uccidete Pulcinella, Massimo Torre - E/Originals, ed. E/O, 2015 - euro 14,50, pagg. 202

Uccidete Pulcinella, Massimo Torre – E/Originals, ed. E/O, 2015 – euro 14,50, pagg. 202

 

 

Annunci

Tag:, , , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: