11 libri che un aspirante scrittore DEVE leggere – Stati Uniti

Secondo Stephen King, “Se non si ha il tempo per leggere, non si ha il tempo (o gli strumenti) per scrivere. Semplice.”

Ma per l’aspirante scrittore il compito di scegliere cosa leggere può rivelarsi ben più difficile. Con un mondo di narrativa a portata di mano, come decidere quali libri saranno inestimabili nella ricerca verso la condizione di scrittore e quali invece assolutamente da accantonare?

Primo consiglio: bisogna leggere libri che possano trasmetterci qualcosa. Ed ecco arrivare la lista: sia che si cerchi di scrivere il grande romanzo americano o di scioccare il mondo con una storia più hot di 50 sfumature, ci si deve assicurare che le proprie letture insegnino i trucchi del mestiere ad ogni pagina. Queste 11 opere di puro genio letterario lo faranno.

Inizia dalla storia

Prima di metter parole su carta, bisogna avere almeno il germe di un’idea, una storia da raccontare. Anche i momenti più piccoli, più semplici possono esser carichi di significato e decidere in quale direzione guardare significa imparare a condividere la propria storia. Non c’è modo migliore di comprendere quanto ampio sia il raggio delle possibilità narrative che leggendo la prosa semplice e quieta della vincitrice del premio Pulitzer, Alice Munro.

In fuga, Alice Munro

In fuga – Alice Munro

Quando avrete imparato come narrare la storia di un solo sguardo, sarete pronti per affrontare storie più imponenti; a meno che non decidiate –come la Munro- che la vostra passione sia immortalare i frammenti più intimi della vita quotidiana così spesso trascurati dagli standard letterari.

Impara la lingua

Le parole sono i mattoncini delle storie e senza la parola giusta sarete in difficoltà con la vostra storia come un ragazzino cui manchino i Lego per tirar su un castello. Non tutti i castelli devono avere torrette fortificate o bovindi, ma più mattoncini avrete, meglio vi troverete nell’imbastire l’architettura della vostra storia.

Infinite jest - D. F. Wallace

Infinite jest – D. F. Wallace

Quindi iniziate a costruirvi un vocabolario  con un’attenta lettura di Infinite Jest di David Foster Wallace. Anche un appassionato deve leggere questo romanzo con un dizionario accanto e una bella dose di umiltà. Fidatevi, è necessario.

Sii selettivo

La parola giusta non è sempre la più bella o la più altisonante, e prima imparerete a dire ciò che intendete piuttosto che ciò che vi suona bello, prima sarete sulla strada del vero successo.

Festa mobile - E. Hemingway

Festa mobile – E. Hemingway

Nessuno scrittore si è mai consacrato ad una prosa semplice ed onesta quanto Ernest Hemingway, e una rapida immersione in Festa mobile (specialmente se segue a ruota Infinite Jest) vi farà scoprire cosa significa essere davvero selettivi quando dovrete rappresentare la vita com’è o almeno come volete che sia.

Perfeziona il tuo spirito poetico

Il canto del silenzio - Maya Angelou

Il canto del silenzio – Maya Angelou

Una volta acquisito un bagaglio linguistico consono alle intenzioni creative e imparato ad attingere dal caos verbale della mente con perizia e onestà ed elevata la prosa con ritmo, cadenza e suono, sarà il momento di cantare come canta la poesia appassionata di  Maya Angelou, maestra in America del fraseggio ingegnoso, vibrante e succulento che esplode sulla punta della lingua in un fiotto di dolcezza e un pizzico di piccante. Dopotutto, cos’è la vita senza una canzone, e la narrativa senza una poesia?

Resta fedele a te stesso

Ci sono storie al mondo quante anime per raccontarle, quindi non sprecate tempo cercando di appropriarvi di una narrativa che non è vostra.

Ragazzo negro - Richard Wright

Ragazzo negro – Richard Wright

Seguite l’esempio di Richard Wright, e della sua descrizione oscura, brillante e caustica del razzismo nelle istituzioni, e imparate a portare alla luce le passioni mentre il mondo prende forma nel vostro punto di vista personale.

Da’ alla gente ciò che vuole

Edgar Allan Poe

Edgar Allan Poe

Se non resterete fedeli alla vostra voce la storia non suonerà mai vera, ma se non darete alla gente ciò che vuole nessuno vi ascolterà. Quindi, prendete spunto dalle pagine di Edgar Allan Poe, inventore del moderno romanzo di indagine e il solo autore che sia riuscito a trovare un compromesso tra narrativa popolare e prosa artistica con slancio e integrità. Poe è stato il primo a trasformare storie sensazionalistiche in vero genio narrativo, quindi la lezione sarà illuminante dal punto di vista creativo e più divertente di una serata alla tv.

Sii padrone del tuo mondo

Quando partite da una pagina bianca, l’universo che creerete dipenderà solo dalle vostre scelte. Siete gli unici a conoscerne i dettagli e sta a voi costruirlo. Sia che cerchiate il realismo dickensiano o l’angoscia distopica, il segreto per un mondo credibile è l’autenticità, il dettaglio e la totale dedizione alla tua visione, e per tutto questo serve più di ogni altra cosa leggere Margaret Atwood.

Il racconto dell'ancella - Margaret Atwood

Il racconto dell’ancella – Margaret Atwood

Che cerchiate di speculare sul futuro della nostra società o di proporre un’immagine del mondo esattamente com’è,  Il racconto dell’ancella vi introdurrà alla costruzione di un universo letterario onesta e sincera.

Il personaggio è la chiave

Gita al faro - Virginia Woolf

Gita al faro – Virginia Woolf

Un ottimo romanzo è molto più di una trama ben strutturata e di una prosa originale; la vera forza di qualunque grande storia è un personaggio pieno, strutturato e sinceramente amato. Naturalmente, se Breaking Bad ci ha insegnato qualcosa, è che “amato” non vuol dire “buono” né “pieno” significa “gradevole”. Per questo, dare spessore e far evolvere un personaggio complesso può essere difficoltoso e incerto. A meno che, naturalmente, non siate Virginia Woolf. Con Gita al faro, la Woolf fornisce un manuale sullo sviluppo di un personaggio complesso, vivo, pieno di difetti e di forza; per cui, iniziate a prender nota.

Struttura per la sostanza   

Gilead - Marilynne Robinson

Gilead – Marilynne Robinson

Il magnifico romanzo di Marilynne RobinsonGilead – assume la forma di una lettera da padre a figlio; ma, diversamente da molti romanzi epistolari, la storia è elevata e non vincolata dal suo insolito e coinvolgente formato. Quindi, prendete spunto dalla magnifica epopea di una piccola città narrata dalla Robinson e trovate la forma giusta per la vostra narrazione, qualunque possa essere.

Ruba dai migliori

Come Picasso ha detto una volta, “i buoni artisti copiano, i grandi artisti rubano”. Da simboli a metafore, allegorie e aforismi, da personaggi e trame ad ambientazione e stile, nessuno è più saccheggiato del grande Bardo.

William Shakespeare (sempre attuale)

William Shakespeare (in chiave odierna)

Se non avrete letto Shakespeare non andrete da nessuna parte e, se avrete il coraggio di rubare da uno dei più grandi, saprete di essere sulla buona strada.

Dimentica quello che hai letto qui

Citando il Dottor Seuss, “Oggi è il vostro giorno ! La montagna vi aspetta, quindi… mettetevi in cammino!” e, se posso aggiungere, non vi fermate qui a ruminare su ciò che i grandi scrittori del passato hanno già esplorato.

60 stories - Donald Barthelme

60 stories – Donald Barthelme

Sixty Stories –Le sessanta storie- di Donald Barthelme metterà alla prova ogni vostra idea su come una storia dovrebbe e potrebbe essere scritta. E magari vi spingerà a scrivere la storia numero sessantuno.

 

 

 

 

 

(traduzione e adattamento di Francesca Schipa, tratto da 11 books all aspiring writers should read… di Hannah Nelson-Teutsch)

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Categorie: diGressioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Trackback/Pingback

  1. Consigli di lettura per aspiranti scrittori (dopo gli USA, l’Italia) | diLetti e riLetti - 7 ottobre 2015

    […] qualche giorno fa, ho pubblicato la traduzione dell’articolo sugli 11 libri consigliati ad aspiranti scrittori ho giocoforza notato – e non sono stata la sola – che quei consigli riguardano quasi […]

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: