Il genio e Agatha

O gioia! Ho trovato da un rigattiere una lampada antica e strofinandola è venuto fuori un genio. Insomma, conoscete la storia, ora devo esprimere tre desideri: vado, eh?

Allora: vorrei essere uno degli scrittori più conosciuti e tradotti al mondo, vorrei essere pubblicata in ogni lingua in più di cento milioni di edizioni e rappresentata a teatro senza interruzione, e infine vorrei creare personaggi talmente noti da diventare quasi tangibili, e così ben riusciti da essere inimitabili esempi.

Quand’anche la favola fosse vera, e il genio si degnasse di rispondere alle mie sollecitazioni, sono certa che mi direbbe: Sono spiacente, mia signora. Dame Agatha non può resuscitare.

«Raccontatemi…»

«Sono qui per questo. Ma ora che sono qui, diventa piuttosto difficile perché non so da che parte cominciare.»

«Dal principio» suggerì Poirot. «O è troppo convenzionale?»

Dal principio.

Agatha Mary Clarissa Miller, figlia di Fred, un americano emigrato in Devon, e della britannica Clara Boehmer, nasce a Torquay il 15 settembre 1890, ultima di tre figli. Al contrario della sorella Madge, che riceve un’educazione formale, Agatha è educata in casa da precettori e poi, dopo la morte del padre, dalla madre, cui è legatissima. Appassionata di musica e di canto, a sedici anni osa recarsi a Parigi per studiare ma, senza mai esibirsi a causa della sua estrema timidezza, rientra ben presto nel Regno Unito.

La sua prima, appassionata quanto tempestosa, storia d’amore porta al matrimonio con Archie, un pilota dell’aviazione reale: la vigilia di Natale del 1914, grazie ad una licenza militare, Agatha diventa la signora Christie, nome che conserverà per tutta la vita. Il 26 dicembre l’aviatore torna in guerra, ma Agatha non resta con le mani in mano: proprio durante il suo volontariato nel dispensario presso l’ospedale di Torquay come infermiera della Croce Rossa, la giovane signora si interessa di medicinali, droghe e veleni, conoscenze che le saranno, come sappiamo, utilissime nei suoi futuri romanzi.

A proposito di scrittura: Agatha occupa i suoi pensieri inventando storie intriganti e articolate, ma non redige nulla di completo fino a che la sorella Madge non la sfida a creare un romanzo vero e proprio. Raccogliendo la scommessa, e ideando Poirot a Styles Court, probabilmente Agatha non sa che sta per modificare la propria vita. In questo periodo è felice, si occupa di Rosalind, la sua unica figlia, e scrive, scrive. Nel 1920 il suo romanzo è infine pubblicato con successo, ed il finale al veleno è giudicato così ben scritto da ricevere l’onore di una recensione su una rivista farmaceutica! In questi anni prendono forma (e che geniale forma!) Hercules Poirot, Miss Marple, Tommy e Tuppence Beresford: ormai nota e agiata, la scrittrice parte con il marito per un giro del mondo sovvenzionato dal British Museum.

Il suo periodo felice si conclude bruscamente nel 1926, quando dopo aver perso la madre, è lasciata dal marito per un’altra donna: non è facile scoprire bruscamente di dover ricostruire la propria vita, ed infatti alla fine di quell’anno Agatha scompare, abbandonando l’auto sul bordo di una strada di campagna. Dopo affannose ricerche, viene ritrovata sana e salva dopo undici giorni, ma l’enigma sulla sua scomparsa non è mai stato risolto, né la scrittrice ha in qualunque modo accennato all’episodio in pubblico o nella sua autobiografia.

Tuttavia, nel 1930, durante uno dei suoi amati viaggi in Medio Oriente, Agatha incontra Max Mallowan, un archeologo molto più giovane di lei. La vita a questo punto prende le redini e spinge al trotto: una movimentata escursione nel deserto, una distorsione all’anca, un telegramma che annuncia una grave malattia della figlia, un uomo che decide di riaccompagnare in Inghilterra l’affascinante e zoppicante signora. Gli ingredienti per una storia romantica ci sono tutti e, stirred not shaken, si ottiene un matrimonio d’amore: Max resterà al fianco della moglie, insignita del titolo di Dame e scrittrice premiata e osannata, per 46 anni.

E alla fine.

Durante una tempesta invernale, dopo aver ucciso il suo Poirot e risolto l’ultimo enigma di Miss Marple, la signora Christie-Mallowan scompare ancora una volta, questa volta in maniera definitiva, il 12 gennaio 1976. Ma da pagine, schermi e palcoscenici di tutto il mondo un perspicace belga dai baffi ridicoli ed una ciarliera, anziana signora inglese perpetuano senza mai venire a noia le imprese create della timida Agatha, semplicemente la più famosa scrittrice mai esistita.

Inutile genio, inutile lampada…

Annunci

Tag:, , ,

Categorie: diRitratti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

4 commenti su “Il genio e Agatha”

  1. 21 settembre 2015 a 14:03 #

    Quanti dei suoi gialli ho letto in gioventù… e ora mio figlio!

    • 21 settembre 2015 a 14:04 #

      Piccoli lettori…crescono! 😉

      • 21 settembre 2015 a 14:17 #

        E’ vero. E devo ringraziare il giovane supplente della quinta elementare di mio figlio che ha fatto leggere in classe 10 piccoli indiani. Il risultato è stato una classe di appassionati Christiani

      • 21 settembre 2015 a 16:30 #

        Quando si dice “bravi maestri”…una fortuna quando i bambini incontrano chi ha ancora passione per l’insegnamento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: