Consigli ad uno scrittore (The Faith of a Writer- Joyce Carol Oates)

 

 

 

 

Scrivi col cuore in mano.

Non vergognarti mai dell’argomento che hai scelto, né della tua passione per quell’argomento. Le tue passioni “proibite” probabilmente saranno il carburante della tua scrittura. Com’è accaduto al nostro grande drammaturgo americano Eugene O’Neill, furente per tutta la vita contro il padre da tempo defunto; come per Sylvia Plath e Anne Sexton, che hanno combattuto tutta la vita contro il seducente Angelo della Morte che le tentava con l’estasi del suicidio. Il violento istinto autolesionistico di Dostoevskij e quello di Flannery O’Connor per le sadiche punizioni ai “miscredenti”. La paura di Edgar Allan Poe di impazzire e commettere un’irrevocabile, indicibile azione –uccidere il figlio o la moglie, strappare gli occhi a uno degli “amatissimi” gatti.

La lotta con la tua –o le tue- identità sepolte produce la tua arte; quelle emozioni sono il carburante che muove la tua scrittura e rende possibili ore, giorni, settimane, mesi e anni di quello che ad altri –e da lontano- sembra “lavoro”. Senza queste marce misconosciute, potrai essere una persona superficialmente felice ed un cittadino più inserito nella tua comunità, ma è difficile che tu possa creare qualcosa di valido.

Quale consiglio potrebbe offrire uno scrittore più anziano ad uno più giovane? Soltanto quello che avrebbe voluto che qualcuno gli o le avesse suggerito anni prima. Non scoraggiarti! Non guardarti attorno di traverso paragonandoti ai tuoi pari! (Scrivere non è una gara. Nessuno “vince” davvero. La soddisfazione viene dallo sforzo, e raramente dai riconoscimenti che ne seguono, ove mai vi siano). E ancora, scrivi col cuore in mano.

Leggi di tutto, e senza scuse. Leggi ciò che vuoi leggere, e non quello che qualcuno pensa che dovresti leggere. (Come sottolinea Amleto “Non conosco dovrei”). Immergiti in un autore o un’autrice che ami, e leggi tutto quello che ha scritto, anche le primissime opere; prima che il grande scrittore o la grande scrittrice divenisse “grande”, o anche soltanto “valido”, procedeva a tentoni, armeggiava per acquisire una voce propria, proprio come te.

Scrivi per il tuo tempo, quando non soltanto per la tua generazione: non puoi scrivere per i “posteri”, non esiste. Né puoi scrivere per un mondo scomparso. Ti rivolgeresti – inconsciamente- ad un pubblico che non esiste; cercheresti di essere apprezzato da qualcuno che non ti apprezzerà e da cui non val la pena essere apprezzato.

Ma se non ti senti pronto a scrivere col cuore in mano – se ti senti inibito, imbarazzato, timoroso di ferire o offendere i sentimenti altrui – puoi provare una soluzione pratica scrivendo sotto pseudonimo. C’è qualcosa di meravigliosamente liberatorio, persino di infantile, nell’usare un “nome di penna”: un’identità fittizia data allo strumento con cui scrivi e non legata a te. Qualora le circostanze poi cambiassero, potrai sempre proclamare la tua identità di scrittore. Potrai sempre abbandonare il tuo io scrivente e crearne un altro.

I primi scritti sono di rado una benedizione: tutti conosciamo scrittori che darebbero qualunque cosa per non aver pubblicato il loro primo libro, e tentano in ogni modo di acquistarne tutte le copie esistenti. Ma troppo tardi!

Ovviamente, se vuoi che la tua vita professionale comprenda lezioni, conferenze, reading,  dovrai  avere un’identità di scrittore pubblica. Ma solo una.

faith of a writer-Oates

The faith of a writer, Joyce Carol Oates – 2003 Harper Collins

(segue…)                                       

 

traduzione di Francesca Schipa

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Categorie: d'Inediti, diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: