Vita da editore: intervista a Stefano Giovinazzo

Quando e come è nata la tua casa editrice: qual era il progetto iniziale, quali i soci e la prima sede, e come si è evoluta nel tempo?

La casa editrice nasce come idea nel novembre del 2009 per poi svilupparsi concretamente, con il primo volume, nel gennaio del 2010. Un sogno, una passione, una sfida: questi le tre eds_reg_alta1-1160x1238micce che hanno messo in moto la spinta all’impresa editoriale. Edizioni della Sera nasce da una mia idea, condivisa dal grafico che attualmente è ancora con noi, Elisa Bonfadini, a cui si sono uniti man mano sia editor tra cui un gradito ritorno di Sara Catacci, addetti stampa, redattori e un altro grafico, Irene Carboni. Lunga la lista dei nomi, condivido con tutti il merito di essere ancora qui. La sede “storica” è in zona La Storta dove ha preso piede il progetto editoriale che nel tempo ci ha visto crescere con un catalogo di 50 titoli e un buon numero di autori inseriti nella nostra realtà.

In Italia solo un terzo delle case editrici dotate di ISBN pubblicano più di dieci titoli l’anno. La concorrenza è spietata e la quota di mercato coperta dalle piccole case editrici non supera il 10-12%: perché hai deciso di puntare su un settore così rischioso?

Si diceva prima, la sfida. Rientro nel mio carattere, da ariete, e nella voglia di competere e riuscire a scardinare alcune dinamiche e invertire alcuni luoghi comuni. Fare editoria era e resta un mestiere e una “missione”: si lavora tanto, i guadagni non sono mai certi, ci sono mille grane, sei sotto la lente di ingrandimento sempre. È un lavoro per persone che non mollano.

Quali sono le maggiori difficoltà – di qualunque genere – che hai incontrato nella tua attività di editore?

Sicuramente la distribuzione. Se non riesci a esporre il tuo catalogo, a promuoverlo, ad arrivare alla gente, rischi di vanificare le idee messe in campo. C’è voluto tempo e tanta abnegazione ma alla fine una buona distribuzione nazionale l’abbiamo ottenuta, cercando di curare il lancio e la vita di ogni libro nella maniera migliore, di supporto con autore-distributore-libraio. Non sempre ci si riesce, è soprattutto attraverso gli errori siamo cresciuti molto.

Quale libro o autore ti ha dato maggiori soddisfazioni? E al contrario, un libro o autore sul quale puntavi molto e che ti ha invece deluso?

Non voglio escludere qualcuno dall’elenco o fare elogi. Tutti, a vario titolo, hanno contribuito a diffondere il marchio “Edizioni della Sera”. Ho solo ravvisato che alcuni autori hanno interpretato nel giusto modo lo spirito di essere autore oggi: incontrare persone, essere il protagonista, seguire il proprio libro, supportare l’editore. Purtroppo non per tutti è così: peccato per loro, per il loro futuro editoriale, hanno fatto male a loro stessi.

A chi hai affidato, se lo hai fatto, il compito di selezionare i manoscritti che ricevi e in base a quali criteri viene effettuata la selezione?

Fortunatamente abbiamo sempre ricevuto tanto materiale grazie anche al buon nome che ci viene riconosciuto e al lavoro quotidiano che svolgiamo per mantenerci sempre “sul pezzo.” I manoscritti che arrivano in redazione vengono “visti” abbastanza velocemente per non perdere l’attualità e non “regalare” buone idee agli altri. In seguito vengono scartati quelli che non rientrano nel catalogo editoriale che, annualmente, rivediamo per calibrarlo alle esigenze del mercato e/o valutare tagli o inserimenti. Dopodiché passiamo alla prima lettura che, se favorevole, viene approfondita in una seconda per poi arrivare a un giudizio. Abbiamo diversi lettori e un editor di riferimento, tutti passano attraverso il confronto con me. Poi ci sono i libri su commissione, l’iter ovviamente è diverso.

Passiamo a due punti dolenti: cosa pensi delle EAP e dei recenti casi di insolvenza da parte di alcuni editori di cui si è molto discusso sui social network?

L’hai detto già, un nota dolente l’EAP. Su questo siamo tutti d’accordo. È una minaccia al lavoro di qualità e selezione che molti editori fanno, va contrastata e limitata per quanto possibile da chi ha il potere di farlo. Non è la sola minaccia che imperversa nel circuito editoriale: lo strapotere dei grandi marchi, i gruppi degli amici degli amici, il recupero crediti nei confronti delle librerie, il sentirsi solo e non tutelati da un mercato che rende “vecchio” un titolo dopo meno di un mese.
Riguardo alle insolvenze: anche qui siamo tutti d’accordo che il lavoro va pagato, in tempi certi e definiti. Se poi la ruota gira bene, tutti ne traggono vantaggio. Troppo facile stare dalla parte del mio collega, dico solo che si deve capire quando è il caso di fermarsi, di prendersi una pausa. Dall’altra parte, invece, ravviso un accanimento violento nei confronto degli editori, spesso in buona fede nel voler continuare a dar vita a un’idea.

E per concludere, guardiamo avanti: parlaci di speranze e timori, dei progetti e delle prossime uscite.

Tanti progetti alle porte: rafforzare il catalogo esistente, inserire nella nostra realtà alcuni autori promettenti (le nuove voci per dirla in maniera semplice), saggistica letteraria, letteratura straniera e storie di calcio. Grande interesse verso la letteratura junior che prima di dicembre vedrà due nuovi titoli.
Una speranza: essere editori di qualità.
Un timore: nella prossima intervista, ora sono abbastanza fiducioso.

 

 

Francesca Schipa

Annunci

Tag:, , , , , , , ,

Categorie: d'Interviste

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

One Comment su “Vita da editore: intervista a Stefano Giovinazzo”

  1. 6 luglio 2015 a 19:52 #

    bravo e coraggioso

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: