Escheriana, di Paolo Zardi (racconto breve)

 

 

Stavo bevendo un caffè nel bar della stazione quando una macchina si è schiantata sulla vetrina che dava sul piazzale davanti e ha trascinato per due o tre metri tavolini, sedie e un mucchietto di persone. Dopo, disteso a terra, c’era anche un bambino, quattro o cinque anni, occhiali, berretto di lana rosso in testa, mezzo coperto dal corpo di sua madre. Uno spettacolo che stringeva il cuore. Mi sono alzato prima che arrivassero i soccorsi, e nonostante il tumulto, ho preso il treno per casa. Mi sono addormentato guardando sfilare paesi, pianure e nuvole in lontananza. Quando mi sono svegliato, la mia fermata era passata da un pezzo, e non c’erano treni per tornare. Forse da quelle parti la gente arrivava e non ripartiva più. Ed era tardi, e avevo fame, così sono uscito in cerca di qualcosa da mangiare. Davanti alla stazione ho evitato per un soffio di essere investito da un’automobile, che ha dovuto sterzare all’improvviso per non tirarmi sotto. Alla fine ho preso un pullman. Dal finestrino arrivavano paesi più piccoli, pianure in miniatura, e le stesse nuvole. A metà strada, alla periferia di una città, è esplosa una gomma, con un botto attutito, come di cuscini e battipanni. Siamo scesi tutti: una vecchia piena di sacchetti, una famiglia di indiani, tre studenti, una donna con il fazzoletto della chemio in testa, io. Ho chiesto all’autista per quanto ne avremmo avuto. Mi ha guardato e ha scosso la testa rassegnato. Mi sono incamminato fino a quando ho trovato un rent a car. Ho noleggiato una macchina e ho viaggiato per ore. Ero quasi arrivato in stazione quando il sole si è riflesso su una finestra di un palazzo e per un attimo mi ha accecato: così, poi, per evitare un uomo che stava attraversando la strada, ho dovuto sterzare di colpo, e l’ultima cosa che ho visto prima di sfondare la vetrina del bar della stazione è stato il viso di un bambino con gli occhiali e un berretto rosso in testa che mi guardava stupito.

Annunci

Tag:, , , , ,

Categorie: d'Inediti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: