Soli eravamo, di Fabrizio Coscia

Come scegli i libri da leggere? È una domanda che mi fanno spesso, almeno quelli che conoscono la mia passione e il mio principale interesse. Di solito resto sul vago, perché sul comodino (chiamiamo così il luogo virtuale dove si accumulano decine di volumi in attesa) ho davvero di tutto: dai fumetti ai saggi, passando per un’ampia fascia di narrativa di tutti i generi, e libri già “consumati” che mi fa piacere avere sottomano, per compagnia e conforto.

Ma la parte più bella del mio non-mestiere di lettrice e blogger è quando, su consiglio di qualcuno, mi arriva un libro che altrimenti non avrei mai letto,  e non per demerito, ma per i motivi più disparati: per via di una continua produzione editoriale impossibile da seguire (ah, avere cento occhi, che sogno…), perché siamo inevitabilmente guidati dalla pubblicità, perché semplicemente non incontriamo sulla nostra strada alcuni autori. A volte è una fortuna (ammettiamolo!), a volte un vero peccato.

Per questo motivo sono grata a Stefania, l’amica che mi ha consigliato di leggere “Soli eravamo” di Fabrizio Coscia, edito da Ad est dell’Equatore. Non è un libro facile da definire: non è un romanzo, nonostante la voce narrante in prima persona racconti storie altrui e proprie; ma non è un saggio, perché la voce, pur attingendo alla storia della letteratura e della musica, ha un tono emozionato ed emozionante, quasi romanzesco.

Soli eravamo, dal titolo soavemente dantesco, è uno zibaldone di episodi –più o meno noti- tratti dalle vite di scrittori, musicisti, artisti, e cuciti con eleganza dai ricordi e dalle riflessioni del narratore: la passione e il desiderio di conoscenza dei grandi di un tempo filtrano attraverso le esperienze personali di un narratore –che è l’autore ma anche un personaggio, e proseguendo nella lettura diventa ogni lettore- che considera la cultura ornamento necessario e strumento per  una migliore convivenza civile. E l’atteggiamento deferente e riconoscente dello scrittore di fronte a tanta grande umanità è dichiarato fin dall’epigrafe che cita il critico letterario Roberto Bazlen:

Credo che non si possa più scrivere libri. Quasi tutti i libri sono note a piè di pagina. Io scrivo solo note a piè di pagina.

Fabrizio Coscia con un paziente lavoro di ricamo scrive delle note a piè di pagina ai colloqui tra Čechov e Tolstoj, all’amore “tigresco” tra Verlaine e Rimbaud e alla fuga in Africa –da sé, dall’amore, dalla poesia- di quest’ultimo; riporta dell’incontro mondano dall’esito grottesco quanto deludente tra James Joyce e Marcel Proust, accosta l’uccisione dei fedifraghi Paolo e Francesca all’omicidio di Fabrizio Carafa e Maria d’Avalos da parte del marito, nel capitolo che dà il titolo al libro.

Toccante il racconto degli ultimi momenti di Virginia Woolf e di Cesare Pavese, suicidi entrambi, entrambi attaccati alla vita –ci suggerisce l’autore- da un ultimo filo che può essere costituito da un paio di stivali o dell’acquisto di cialde.

Ma l’episodio che più mi ha emozionata (al punto che raccontandolo a mia volta mi sono venuti i lucciconi) è quello che vede Kafka prestare la propria splendente penna ad una bambola smarrita, dandole voce al solo scopo di consolare una bambina disperata. L’episodio poco noto –riportato dalla fidanzata dello scrittore, Dora Diamant– è di grande bellezza, ma serve all’autore anche ad affrontare un tema doloroso come quello del distacco e dell’accettazione del dolore.

Perché le “note a piè di pagina” scritte da Coscia non sono solo appunti e riflessione su vite altrui, ma diventano occasione di analisi della sua/nostra esistenza: qui torna l’immagine dell’abilissimo ago che cuce la cultura al quotidiano, fino a rendere l’insieme -grandi personaggi e uomini comuni- una sola trama.

L’arte, la musica, la letteratura non formano una stoffa preziosa da conservare in un cassetto, ma un tessuto multiforme da cucirci addosso e indossare ogni giorno per affrontare la vita: Fabrizio Coscia con questa sua opera sembra lanciare un grido di speranza per la cultura ormai negletta, drappeggiando attorno al lettore un abito fatto di mille colori e sfumature, che riflette la ricchezza della produzione umana con le infinite possibilità che offre a colui che ad essa si apre.

 

N.B. Per amor di precisione, il titolo completo è Soli eravamo e altre storie su: Rimbaud, Kafka, Joyce, Leopardi, Proust, Dante, Woolf, Hopper, Tolstoj, Caravaggio, Keats, Evans, Vermeer, Radiohead, Mozart.

                   

                         Francesca Schipa

Soli eravamo, Fabrizio Coscia - Ad Est dell'Equatore 2015 - 217 pagg. 12 euro

Soli eravamo, Fabrizio Coscia – Ad Est dell’Equatore 2015 – 217 pagg. 12 euro

 

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: