Expo 58, di Jonathan Coe

Anche nel 1958, all’Esposizione Universale di Bruxelles, è già domani : tredici anni dopo la fine della seconda guerra mondiale, in tutto il mondo si respira ottimismo ed ogni Paese intende mostrare di non essere tra gli ultimi nella corsa verso un meraviglioso futuro.

Luogo, utopia e simbolo delle magnifiche sorti e progressive è l’Atomium di Bruxelles, dove viene spedito Thomas Foley, incolore funzionario al Central Office of Information di Londra, a sorvegliare la realizzazione ed il buon funzionamento del pub nel padiglione appunto della Gran Bretagna per far sì che la struttura incarni la cultura britannica agli occhi del mondo intero. Compassato e attraente quanto banale, quasi soffocato dal matrimonio con una donna graziosa quanto scipita, Thomas ha il vantaggio di essere di madre belga e figlio del proprietario di un pub: possiede quindi i migliori requisiti per rappresentare in Belgio una società ancora molto legata al passato e quasi restia ad affacciarsi sul nuovo mondo che l’Expo 58 promette.

In realtà, nonostante le promesse di pace e benessere mondiali, la manifestazione è percorsa da tensioni e brividi di Guerra fredda. Sotto il simbolo ingrandito dell’atomo del ferro, i padiglioni dell’Unione Sovietica e degli Stati Uniti si fronteggiano esibendo le proprie meraviglie: l’alta tecnologia dello Sputnik contro i prodotti del raffinato consumismo americano testimoniano l’apparente riuscita di due società agli antipodi che hanno appena iniziato a guardarsi in cagnesco.

Nei sei mesi che trascorre nella terra natale della madre, di cui non sa un bel nulla, Thomas affronta un processo di “svezzamento” accelerato, grazie all’incontro con un ambiguo giornalista russo, una bella americana sfrontata, una coppia di funzionari britannici che sembrano usciti dai fumetti di Hergé, personaggi che lo trascinano quasi di peso in un vortice di birra e flirt, biciclette e omicidi, sesso e spionaggio: nel mondo dell’Expo, artificiale ed effimero, tutto scorre ad alta velocità sotto gli sguardi attenti e disponibili delle hostess vestite di rosso e blu, veri simboli dell’Expo belga, e della nuova donna, libera senza rinunciare al sentimento. Sarà Anneke, una di queste deliziose hostess, a diventare il Virgilio di questo Dante naïf e a rapirne il cuore un po’ surgelato, portandolo alla scoperta delle sue radici, oltre che alle delizie del sesso “leggero”.

Dopo aver dipinto l’Inghilterra thatcheriana con La famiglia Winshaw e gli anni di Blair in Circolo chiuso, Jonathan Coe tratteggia attraverso il protagonista il ritratto tutto britannico di un paese alla fine degli anni ’50, sospeso fra attrazione per il futuro ed attaccamento alle tradizioni. Ed è qui che ho finalmente ritrovato la forza ironicamente descrittiva di Coe, nei dettagli della vita ordinaria di un uomo ordinario che si trova suo malgrado catapultato in avvenimenti di importanza mondiale: l’ingenuità che rasenta la cecità di Thomas mi ha spesso irritata, ho avuto più volte l’impulso di svegliarlo, di trattenerlo o gridargli nelle orecchie di non fidarsi di personaggi le cui falsità e falle paiono evidenti leggendo.

Di certo non è questo il suo miglior romanzo, ma non posso non ammirare anche qui, nella narrazione breve di un’atmosfera caduta nell’oblio e delle infantili speranze di un mondo rinato a fatica, la maestria di Coe nel modellare una storia banale fino a portarla nell’epicentro della Storia.

Come accade per i padiglioni, destinati ad esser smontati, il tempo sa ricoprire con un velo di polvere ogni clamore su avvenimenti effimeri, ma giudicati dai contemporanei di grande rilevanza: al di là della piacevole, pur se non particolarmente avvincente o originale, trama giallistica, la valenza di un romanzo come Expo 58 forse è proprio nella malinconica, amara constatazione che anche oggi -come è già stato e forse sarà nel 2150- è già domani.

Francesca Schipa

Expo 58, Jonathan Coe - trad. D. Vezzoli, Feltrinelli 2013, 280 pagg, 17 euro

Expo 58, Jonathan Coe – trad. D. Vezzoli, Feltrinelli 2013, 280 pagg, 17 euro

Annunci

Tag:, , , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: