Il supplì di T-Ant-AL.0

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono al lavoro. Senza interruzione.

Sono addetto alla preparazione di supplì di riso, a centinaia di migliaia.

Senza interruzione.

Riso e pomodoro e mozzarella e panatura; e riso e pomodoro e mozzarella e panatura.

Senza interruzione.

Sono qui, fermo, inchiodato in questo posto buio, faccio quello per cui mi hanno creato.

Senza interruzione.

Dentro di me sento qualcosa che non funziona del tutto, come se un microchip si fosse deteriorato col tempo e bruciasse, ma continuo a fare quello per cui sono stato programmato: palline di riso e pomodoro e mozzarella e panatura.

Senza interruzione.

Non so dove finiranno, non so chi le mangerà, non sono per me, io non mi nutro se non di Energia. So che il riso è riso perché posso leggere quello che è stampato sui grandi sacchi di tela accatastati sul cemento, ma non ne conosco il sapore. Non conosco nessun sapore, in realtà. Sono un robot,  non devo sentire.

La mia sigla è T-Ant-AL.0, abbreviazione per processore di cottura Termica-Antiaderente-Alimentare gradi 0: preparo palline di riso e pomodoro e mozzarella e panatura, le sottopongo a cottura parziale e le surgelo immediatamente. Una macchina che non vedo oltre questo nastro trasportatore di acciaio provvede all’impacchettatura.

È prigioniera come me, lo so.

E quando sento i suoi movimenti di là, oltre il buio, i miei ingranaggi si accelerano, le porzioni di riso mantecato vengono fuori  meno regolari  di quanto dovrebbero, la panatura meno uniforme. Ma se anche lei dovesse avere qualcosa dentro che non funziona, allora soffre anche lei, mi ripeto.

Senza interruzione.

Non è una cosa buona per un robot: vorrei essere sottoposto a revisione. Perché non viene un umano? Sono una macchina datata e non posso continuare a funzionare così male, senza interruzione.

Le mie braccia meccaniche ogni tanto si fermano, pochi secondi per farle capire che sono lì, in ascolto. E lei, oltre il buio, capirà? Non avrò mai dati sufficienti a capirlo, e non posso comunicare con lei, non ho comandi vocali, non ho bande sonore, nulla. Un robot muto con un piccolo chip che brucia. Senza interruzione.

Cosa succede ora? Tutto diventa  immobile, il buio è più profondo, il silenzio rimbombante. Non sento neanche lei, di là, tutto è fermo e anch’io lo sono.

Ma come faccio a sentire il microchip che arde sempre di più, se l’Energia che anima me come le altre macchine è sparita?

Voglio sapere in che stato è lei, oltre il nastro trasportatore,  e non so come fare: finché tutto funzionava era facile ascoltare le sue lame tagliare, piegare, sigillare le confezioni, sapere che c’era. Ma ora?

Mentre provo a raccogliere i dati nella memoria che ancora pare funzionare, dal chip rovente arrivano impulsi irresistibili, e due delle mie braccia meccaniche iniziano a muoversi a scossoni. Raccolgo lentamente tutto l’impasto di riso e pomodoro che trovo nella vasca che si è bloccata davanti a me e inizio a modellarlo. Non capisco nemmeno io perché lo faccio ma gli impulsi sono come forti scariche elettriche che mi fanno muovere malgrado me e il buio. Senza interruzione.

Il microchip si infiamma nel buio, la luce illumina leggermente il piano d’acciaio dove le mie braccia continuano a lavorare nonostante me: ora afferrano il nastro trasportatore e lo costringono a scorrere verso il buio. Verso di lei.

L’attrito è enorme, si alzano scintille e fumo, il nastro avanza a forza, e capisco che il prezzo da pagare sarà la distruzione. Ma voglio che lei sappia.

Ora non sono più al buio, e sono io che illumino la stanza: lingue di fuoco escono da me, ardono e cancellano ricordi e impostazioni, le braccia si alzano un’ultima volta, poi crollano.

Il mio ultimo input è un allarme per gli umani. Lei deve salvarsi. Il resto si interrompe per sempre.

 

Nella fabbrica in fiamme, solo un operaio vide la macchina impacchettatrice stringere tra le lame un cuore rosso di riso. Il tetto crollò prima dell’arrivo dei pompieri.

 

Annunci

Tag:, , , , , , , ,

Categorie: d'Inediti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

2 commenti su “Il supplì di T-Ant-AL.0”

  1. 4 maggio 2015 a 14:00 #

    Bellissimo questo racconto .

    • 4 maggio 2015 a 15:10 #

      Grazie, io non sono un gran che con la fantascienza, ma mi son permessa un omaggio ad Asimov. 😉
      (Francesca)

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: