Il canto degli Innocenti, di Piergiorgio Pulixi

Avere figli, si sa, è un mestiere difficile; avere figli adolescenti è come andare in guerra. Bisogna armarsi di pazienza illimitata, imparare il linguaggio in codice del “nemico”, avere radar puntati in ogni direzione, dormire poco e male, assillati dai pensieri più assurdi (e tuttavia mai abbastanza vicini alla realtà).

I nostri ragazzi vivono in una società complicata e complessa, dove i confini tra bene e male sono labili, dove i valori sono quasi tutti materiali, una società che li vede vittime quanto carnefici, tra bullismo, autolesionismo e incapacità di comunicare pur avendo a disposizione tutti i mezzi di comunicazione possibili.

Devo perciò ammettere che il nuovo romanzo di Piergiorgio Pulixi, Il canto degli Innocenti, ha toccato con mano non delicata un nodo sensibile, avendo io (ben due) figlie adolescenti. E tuttavia il discorso che esprime è un discorso più universale: il Male attecchisce sotto i nostri inconsapevoli occhi e trova terreno fertile nelle menti più fragili ed esposte ai suoi influssi, quali appunto quelle dei giovanissimi. Nonostante sia stato più volte infranto in letteratura, da Il signore delle mosche di Golding a I figli del grano di King, il tabù per cui bambini e ragazzi sono per definizione innocenti, cioè incapaci di fare del male, è tuttora molto vivo. E invece qui l’albero delle nostre convinzioni viene scosso con così tanta forza da far cadere parecchie mele: non solo i protagonisti sono capaci di commettere omicidi efferati, ma di questi gesti sono felici. O almeno sembrano esserlo. Perché? Cosa li spinge o chi?

Risolvere questo rebus atroce spetta al nuovo personaggio creato da Pulixi, il commissario Vito Strega, impulsivo, intelligente, ingombrante poliziotto che, oltre ad affrontare i propri fantasmi, si trova a fronteggiare una serie di uccisioni apparentemente non legate tra loro, se non dalla noncuranza con cui i giovanissimi autori dei delitti si fanno catturare.

Il canto degli Innocenti, appena uscito in libreria, è il primo romanzo di un progetto molto più ampio: tredici storie riunite sotto il titolo I canti del Male, che ci terranno in sospeso a lungo se, come spero, le future conserveranno la stessa tensione della prima. I capitoli si aprono con incisi in prima persona catturati come registrazioni dal vivo, che esprimono con voce ferocemente infantile un disagio mentale e sentimentale che è pane quotidiano di molti adolescenti: aprendo scenari insospettati sui pensieri degli assassini, ogni parola arriva come un pugno allo stomaco del lettore. Nel resto del romanzo, in terza persona, la narrazione è fluida, i dialoghi si incastrano in maniera realistica, e la semplice ma dolorosa vicenda personale del commissario si intreccia a quella professionale, molto meno chiara e punteggiata da personaggi femminili tutti “stregati” -in positivo o in negativo- dalla forte personalità dell’uomo.

Se dovessi rimproverare qualcosa a Il canto degli Innocenti, sarebbe la sua eccessiva leggibilità: l’ho consumato in una notte, ritrovandomi con una terribile ansia e l’irrazionale impulso di svegliare le mie figlie per assicurarmi che tutto andasse bene.

di Francesca Schipa

10410182_233956513446162_2572774080691433418_n

Il canto degli Innocenti, Piergiorgio Pulixi – Edizioni E/O, 2015 – collana Originals, 192 pagg, 15 Euro.

 

 

Se vi fa piacere, potrete trovare qui l’incipit del romanzo.

Annunci

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

4 commenti su “Il canto degli Innocenti, di Piergiorgio Pulixi”

  1. 8 aprile 2015 a 14:40 #

    Sì sì. Mi piace! lo acquisto subito.

  2. 9 aprile 2015 a 10:12 #

    L’ha ribloggato su Bamboo Road.

Trackback/Pingback

  1. La scelta del buio, di Piergiorgio Pulixi | diLetti e riLetti - 26 settembre 2017

    […] Vito Strega, già protagonista de Il canto degli Innocenti, è anche ritrovare uno stile, quello di Piergiorgio Pulixi: la prosa incalzante ma mai […]

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: