Passo falso

 

Il dottor Fournier era soddisfatto della seduta di gruppo, a parte l’inattesa crisi nervosa di Alphonse. Affidò al suo taccuino nero alcune annotazioni in proposito con la consueta ordinatissima grafia, lo chiuse passandovi intorno un doppio giro di elastico, infilò la matita nell’interstizio tra pagine e copertina e lo ripose, infine, nel cassetto della sua scrivania, con due giri di chiave. Raddrizzò alcuni fogli bianchi sul ripiano, poi prescrisse ad Alphonse una dose massiccia di neurolettico. Uscendo dallo studio porse la nuova prescrizione, all’infermiere di turno.

-Aumentiamo ancora, doc?- Benoît masticava una gomma mentre parlava e questo irritò Fournier.

-Lei esegua, Benoît, è pagato per questo, mi sembra -replicò secco, e gli voltò le spalle impettito come un tacchino.

La risposta dell’infermiere fu ruminata a lungo insieme alla gomma, poi andò a raggiungere le altre appiccicate sotto il ripiano dell’immacolata scrivania del dottore; beato dell’invisibile vendetta, Benoît si defilò ciabattando verso la corsia illuminata di blu, ignaro del fatto che il dottore lo avesse cancellato dai propri pensieri fin dalla scalinata della clinica psichiatrica.

Con la testa eretta e lo sguardo fisso, Fournier contava i passi del tragitto che lo riportava verso casa

ventitréventiquattroventicinque

il resto della giornata dipendeva dal non sfiorare in nessun modo le linee orizzontali dei lastroni di cemento del marciapiede

quarantasettequarantotto

nemmeno con la punta dei mocassini con le nappine che collezionava con passione. Senza perdere il conto, mise la mano

sessantunosessantaduesessanta…

in tasca, lasciando cadere senza un sorriso la moneta, preparata fin dalla sera prima, nella scatola di cartone del falso storpio che chiedeva l’elemosina vicino al fioraio cingalese

-…trésessantaquattrosessantacinque –

Il sole era ancora alto e l’aria era tiepida: Fournier ebbe quasi voglia di fischiettare, non fosse stato così impegnato nel conteggio, lo avrebbe fatto volentieri, aveva già in testa un’arietta di Mahler.

Fu allora, all’ottantasettesimo passo, ormai a pochi metri dal portone del condominio, che accadde.

Il mocassino si fermò al centro esatto del riquadro di cemento, al centro esatto del mondo; e anche all’esattissimo centro di un escremento canino di fresca fattura. Fournier tentò disperatamente, inutilmente di fermarsi per tempo, ma il contatto fu inevitabile. Un urlo soffocato dai denti serrati sfuggì al dottore che iniziò a strofinare con ferocia la scarpa contaminata sul marciapiede, fino a che questa smise di lasciare maleodoranti tracce marroni. Poi se la sfilò con grande cautela e la prese tra le dita per controllare il danno.

Subito la voce di sua madre lo pugnalò alle spalle: Robeeeert! Alla tua età a giocare con le cose spoooorche! Ora facciamo i conti, piccolo schifosoooo… Fournier irrigidito e pallido fece una piroetta su se stesso, per scoprire che la voce rimbombava solo nel suo cervello e nessuno si interessava a lui. Solo un mostriciattolo di un paio d’anni aggrappato alla gonna della tata negra lo fissava ridacchiando: ebbe la tentazione di lanciargli contro la scarpa lurida, ma si limitò a rivolgergli uno sguardo avvelenato, prima di iniziare a correre zoppicando verso casa, sempre tenendo l’oggetto contaminato lontano da sé.

Sfrecciò davanti al portiere, salendo le scale senza nemmeno contare gli scalini: questa mancanza lo portò ad un parossismo di rabbia tale che rischiò di soffocare nella saliva che gli riempiva la bocca.

Anne, la giovanissima moglie, lo vide fiondarsi in casa rosso in viso, con la cravatta sbavata e una scarpa puzzolente in mano. Nonostante il timore, gli andò incontro tendendo una mano.

-Non mi toccare! Non mi toccare, ti ho detto!- ringhiò a voce bassa l’uomo.

-Aspetta, ti aiuto, Rob… – ma non ebbe il tempo di finire che lui la investì urlando, sputacchiando, gli occhi sbarrati a pochi centimetri dai suoi:

-Togliti di mezzo, idiota, cretina! Tu…! Tu! Vali meno di questa scarpa piena di merda! Ora sistemo questo schifo e poi… – la spinse via con la mano libera e parve riacquistare un briciolo di compostezza, ma questo non tranquillizzò affatto Anne:– …poi sistemo te, chiaro?- le sibilò. – Ancora non hai capito: tu-non-devi-toccarmi-MAI senza il mio permesso. Mai, capisci? Non. Devi. Toccarmi.

Indietreggiando, Anne si era lasciata scivolare lungo il muro piangendo, abbandonata come una bambola di pezza: Fournier la, scavalcò senza guardarla. – E preparati.

Quando tornò, con ai piedi un paio di mocassini intonsi, l’uomo non avrebbe sfigurato in un raffinato club di gentiluomini inglesi: si appoggiava persino ad una sottile canna da passeggio. Anne era in piedi, davanti alla finestra del soggiorno. Per il resto del pomeriggio, con il flessibile aiuto della canna, Fournier la persuase di essere una persona inetta e inadeguata, che doveva ancora imparare a comportarsi nella vita.

Il chiarimento fu dettagliato e molto doloroso.

Annunci

Tag:, , ,

Categorie: d'Inediti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

4 commenti su “Passo falso”

  1. sedcetta
    17 marzo 2015 a 14:59 #

    Eh, cosa dovrei pensarne? (rispondo alla domanda posta sopra la casella dei commenti…). Penso che questo racconto sia bello, affilato, graffiante e maledettamente ben scritto.

  2. 19 marzo 2015 a 17:21 #

    brrr…. sempre detto, io, che tra gli strizzacervelli la prevalenza di individui con qualche disturbo della personalità è maggiore che nella popolazione comune. molto azzeccata la minuziosa descrizione della routine e dei rituali ossessivi posti in essere dal medico. centratissimo (in ogni senso) il riquadro esatto del mondo in cui prendono corpo tanto il caso quanto gli eventi. un dubbio: perché i nomi non sono italiani? una sorta di esorcismo? eniuei, gran bel raccontino che urtica e lascia il segno quanto i suddetti colpi di canna scientemente assestati dal “raffinato sociopatico” coi mocassini intonsi.

    • 19 marzo 2015 a 20:15 #

      Nomi non italiani perché uno dei personaggi ricorda una persona che conosco realmente. Non ti dirò se lui o lei, comunque 😉

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: