La filosofia sulle scale

Il professor Greco sale le scale con due buste della spesa, rimpiangendo ad ogni scalino il momento in cui ha comprato quelle tre stanze in cima alla torre di mattoni. Ma tant’è: affascinato dalla veduta sui tetti grigi e inconsapevole dell’effetto crudele della vecchiaia sulle articolazioni, trent’anni prima non aveva immaginato che quelle scale sarebbero diventate la sua dannazione.

A volte, solo all’idea delle perigliosa discesa e dell’infinita risalita, resta in casa, rinunciando al pane fresco, all’orzo macinato, ma oggi è fuori discussione: Plotina, la gatta nera che occupa con fare da padrona buona parte delle stanze in questione, miagola arrabbiata, e in casa non c’è proprio nulla da mangiare. Né per lei né per se stesso.

Già alla prima rampa si ferma a prender fiato: Maria, la portiera, sta lavando a mano gli scalini di pietra opaca con uno straccio che persino per essere quel che è fa compassione. Il professore sente un moto di solidarietà per quel pezzo di tela di colore indefinibile, strappato e sfilacciato, che combatte una guerra inutile contro centinaia di scarpe nonostante abbia da tempo superato l’età pensionabile. Non è poi così diverso l’essere umano –riflette Greco- sfruttato dalla società fino allo sbrindellamento, usurato e strizzato, nell’attesa che si apra il Grande Cassonetto dell’universale Nulla ad accogliere quel poco che resta di lui.

Uhm…riflessione degna di Schopenhauer –ridacchia il professore. E scansando le chiazze umide attacca la seconda rampa.

Dalla finestrella sulle scale si fa largo il primo spicchio di giardino, campane di pallide dature e ortensie ferrigne, odore di terra bagnata e foglie nel rigagnolo e… qualcuno sta cucinando ceci, sì. Il professor Greco immagina il lento borbottare della pentola e il filo di vapore che appanna i vetri della cucina. La religione ha creato delle meravigliose abitudini in cucina un po’ ovunque – si racconta, ripensando alla squisita cucina del Ghetto, al couscous sugoso che ha assaggiato in un piccolo ristorante, e soprattutto al baccalà. I filetti incappottati nella pastella dorata, il brodetto vermiglio, l’insalata candida punteggiata di capperi cicciotti:  il professore deglutisce a vuoto, una tormenta alla bocca dello stomaco.

Mentre rimugina se tornare indietro e chiedere al pizzicarolo se è rimasto qualche pezzetto di pesce già ammollato, incontra la signora Marchesi del secondo piano; posa le buste per terra per togliersi il cappello, ma la signora parla al telefono e sembra non vederlo. Quando oramai sul pianerottolo è rimasta soltanto la scia persistente del suo profumo, arriva da sotto la sua voce:

– Professore, ma non si vergogna a tener prigioniera quella bestia? La liberi, che non fa che miagolare!

Il professore Greco nel frattempo ha rimesso il cappello e ripreso le buste e poiché ha attaccato un’altra rampa non ha il fiato per rispondere. Cosa che non farebbe comunque, perché gli sembra oltremisura ineducato usare un tono di voce che superi quello di una normale conversazione tra persone civili.

I suoi colleghi del Mamiani, d’altronde, lo avevano sempre preso in giro per quella sua pretesa di non alzare mai la voce, neanche davanti alla classe più indisciplinata. Ma quando l’allora giovane Greco entrava in aula gli studenti si azzittivano man mano che iniziava a parlare –pianissimo, pianissimo- e la lezione di filosofia finiva per svolgersi in un silenzio assorto. Tanto che agli inizi il bidello malfidato si affacciava in aula per controllare che i delinquenti –tutti estremisti e terroristi, professo’, tutti!- non avessero accoppato il pacato insegnante.

Al pianerottolo del terzo piano, il professore si ferma nuovamente, e pensa di sedersi su uno scalino: le ginocchia gli tremano, le dita che reggono la busta sono gonfie e rosse e il cuore (o quell’usurato brandello che ne resta, pensa) pare essersi trasferito tra le tempie sguarnite. Ma appena posate le buste sente provenire dalla porta della coppia che ha appena traslocato un urlo e uno schianto seguiti da una serie di parole irripetibili. Non che io sia un puritano –precisa Greco a se stesso- ma tutto quest’imprecare per un coccio rotto mi pare sproporzionato. Una dose di sana atarassia applicata alla vita di tutti i giorni non farebbe male a nessuno . Ad ogni buon conto, temendo di esser preso per qualcuno che origlia -e non volendo usurpare tale primato alla portiera- raccoglie in fretta le buste e affronta l’ultimo tratto di scale.

Il sole sgomita per entrare dalla stretta finestra del pianerottolo, appena trattenuto dalle foglie della palma sottile che resiste impavida alle intemperie (poche, in verità) e allo smog (tantissimo) regalando al giardino un’illusione d’oriente. Greco le rivolge un cenno della testa e la palma lascia fremere i ventagli in risposta. Il professore è l’unico che salga fin lassù, né la portiera né il ragazzo che consegna la spesa si sono mai arrampicati fino alla torretta: le scale vi diventano strette e alte e seguono curve faticosissime. Il professore è certo che oggi le gambe non reggeranno, questa volta il cuore si schianterà e lui resterà lì, agonizzante, accompagnato dal miagolio straziato della gatta dietro la porta.

Non dovrei, no. Dovrei arrendermi, vendere. Scuote la testa il professore, mentre una lacrima, una sola, gli annega lo sguardo stanco. Una pensioncina, una piccola casa in un residence o forse una casa di riposo sui colli, qualunque cosa, ma senza scale, vi prego. Non ne posso più, non ce la faccio.

Ci sono ancora cinque scalini, altissimi, enormi: ecco un ben misero Gulliver nel reame di Brobdignac –si amareggia, mentre le ginocchia scricchiolano e il sudore gli corre sotto la camicia stropicciata. Si aggrappa alla maniglia della porta come ad una zattera, ondeggia e posa le buste: Plotina dietro il legno ruggisce tutta la sua disapprovazione per quell’inqualificabile lentezza. Le chiavi tremano nella mano, tremano nella serratura.

Mentre la gatta ruba dalle buste il tacchino che Greco ha preso per il suo pranzo, l’anziano professore si inchina alla cupole di S. Agnese in Agone e del Pantheon; saluta le forme massicce di Castel Sant’Angelo, saluta ogni tetto ed antenna, le luci e le ombre della città che si distende ronfando al sole.

L’esistenza è una continua salita – il professor Greco annuisce e lascia che i pensieri si slancino, oltre il parapetto, nel nulla.

Annunci

Tag:, , , , , , ,

Categorie: d'Inediti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

2 commenti su “La filosofia sulle scale”

  1. 27 marzo 2015 a 14:25 #

    Molto bello, complimenti.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: