Il racconto del pane perduto e ritrovato

Volendo immaginare una storia partendo dal nome, pane perduto, sembrerebbe che sia passato nei paraggi un bambino delle favole molto, molto sfortunato: ma come, mi lasciano solo, in giro per il bosco, con un tozzo di pane da mangiare e lo perdo anche?

Ora, piccola parentesi: prima di dire, guardando i vostri figli, nipoti, bisnipoti e figli di amici davanti alla televisione, la solita frase “i cartoni di oggi sono pieni di violenza”, pensate bene alle favole che ci propinavano da piccoli. Si parte dall’incesto in Pelle d’Asino e, attraverso un tortuoso percorso di abbandono minorile (Hansel e Gretel, ma lì c’è anche il cannibalismo) e omicidi seriali (in Pollicino, per esempio, l’orco decapita le sue stesse figlie con l’aiuto del caro protagonista) si giunge bel belli alle frattaglie di Biancaneve in un cofanetto delle caramelle Sperlari richiesto dalla bella Grimilde e alle rosse scarpette di Andersen che conducono a morte a passo di danza la protagonista. Pensateci, prima di parlar male dei Gormiti e delle Winx.

Fine della parentesi: torniamo al nostro pane perduto. Di solito il pane non è un problema di per sé: si trova ovunque, ed arriva sulle nostre tavole –ove tavola vi sia, nel senso di mensa familiare- in consistenza già simile alla gomma da masticare, o sostituito da baguettes congelate, precotte e dorate dal macchinario elettrico di un supermercato per offrirci la consolatoria quanto improbabile idea che il pane appena sfornato non solo esista ancora, ma riesca bensì a riscaldare la nostra triste vita quotidiana. Lo troviamo anche nelle orride forme dei panini da hamburger insesamati e trattati con etanolo e dei crackers con e senza sale e olio di oliva (anche se non mi dispiacerebbe sapere quanta oliva c’è in quell’olio). In questi penosi casi, possiamo ben dire che il pane è perduto, sostituito dalla fretta e dall’incuria verso un alimento pregiato e prezioso.

Tuttavia, se per un purissimo caso siete venuti in possesso di un pane fresco, fragrante, che sia umbro o toscano, sardo o materano, o ancora pugliese o campano, un pane dalla crosta bruna e croccante da graffiare il palato e la mollica dorata o nocciola con grandi occhi sospiranti, allora quel pane che porta dentro il ricordo dei cereali che hanno respirato sole e lavoro, quel pane lì… trattatelo con ogni riguardo. Spogliate le forme scure da ogni materiale che non sia il lino di un canovaccio pulito, mangiatele con gli occhi, dapprima. Riempite le narici di quel profumo raro. Apprezzate le consistenze diverse, le ossa e le carni di quel corpo tondo. E quando le mascelle viziate penseranno che non è più il caso di metterlo in tavola perché troppo duro, allora… non lasciatelo andar perduto.

La ricetta vuole che il pain perdu sia fatto con delle fette di pain brioche: ecco, proprio quello che spero non facciate. Tagliate le fette di pane raffermo dalla nostra amata pagnotta (la parte che ha resistito a molteplici attacchi sferrati con indicibile ferocia a colpi di piattoni di salumi e formaggi) e togliete la crosta. Mettete a bagno il pane in latte fresco leggermente zuccherato e lasciatelo fino a quando non torni a respirare morbidamente. Nel frattempo, sbucciate delle pere mature ma sode, tagliatele in quarti e privatele della parte centrale. Fatele caramellare in una padella larga (le pere sono schizzinose, vogliono spazio) con un po’ di burro e qualche cucchiaio di zucchero. Aromatizzatele secondo l’umore e le vostre preferenze: cannella o vaniglia, liquore all’arancia, pistacchi o anche zenzero …in questo caso, benché schizzinose, le pere si dimostrano accomodanti ma per il momento che restino lì, tranquille e al caldo.

Tornate dal pane, eliminate il latte in eccesso e datelo al gatto che sicuramente è lì che vi gira intorno da quando siete entrati in cucina. Invece le fette vanno passate molto rapidamente nello zucchero e quindi nell’uovo sbattuto. Ed ora, armatevi di una notevole quantità di coraggio e friggetele in padella col burro (chiarificato, se ne avete), stessa quantità del coraggio. Come accade per le virtù e per il vizio, il burro non conosce moderazione.  Mi sembra già di sentire le geremiadi dei colesterolici, dei sempre-a-dieta, di quelli che per-carità-io-solo-evo. Niente da fare: burro tout court o cambiate ricetta.

Ora, prima di far accomodare le pere impazienti, posate le fette di pane ormai caramellate su un piatto caldo (mai far raffreddare la passione), sorvolate con un sospiro, un’ipotesi di sale e quindi le impazienti ancorché tiepide pere troveranno posto al centro della splendente delizia brunita.

Il pane sarà recuperato, e noi perduti.

 

 

Annunci

Tag:, , , , , ,

Categorie: diLetti, diScritti in dispensa

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: