La via del pepe, di Massimo Carlotto – L’incipit

Uscito da pochi giorni, il libro di Massimo Carlotto, arricchito dalle belle illustrazioni di Alessandro Sanna, è una favola amara che mantiene però in vita un filo di speranza. E “speranza” è anche il significato del nome del protagonista, il giovane Amal che, seduto a prua, dialoga con la Morte.

Qui di seguito l’incipit corredato di un’immagine, per gentile concessione di E/O.

 

A bordo tutti stavano in silenzio, perfino il bimbo nato a poppa qualche ora prima. L’unico rumore era quello affaticato dei pistoni ma nessuno lo ascoltava più. Gli occhi erano puntati verso l’orizzonte, in attesa di scorgere un puntino e di gridare sollevati:

«Lampedusa!!!».

E abbracciarsi come solo i naufraghi sanno fare. Felici e commossi, pronti a dimenticare, per un attimo, le offese della vita.

Anche il mafioso libico che era al timone di quella carretta scrutava il mare, attento a non perdere la rotta e a scorgere in tempo le navi della Marina militare italiana. Non aveva dubbi che i radar avessero già rilevato la loro posizione ma contava sul fatto che le vedette non sempre uscivano dal porto. Quel giorno non si erano visti nemmeno gli elicotteri. Il comandante pensò che forse sarebbe riuscito a scaricare la “merce”senza problemi e non troppo lontano dalla riva, perché i “negri” dell’interno raramente sapevano nuotare.

Il ragazzo seduto a prua aveva la testa piena di sogni e la certezza che quella bellissima giornata fosse un segno della benevolenza di Dio. Aveva diciannove anni e si chiamava Amal, che in arabo vuol dire speranza. Lo avevano sistemato sulla punta proprio per il suo nome e per quei cinque grani di pepe che stringeva nel pugno della mano destra, e che facevano di lui il personaggio più autorevole della spedizione. Gli erano stati donati infatti dal nonno, il grande Boubacar Dembélé, guaritore, saggio, poeta, narratore delle storie della settima via del pepe e custode dei segreti del foggara, l’arte di scavare i pozzi nel deserto.

Annunci

Tag:, , , , , , ,

Categorie: d'Inizi

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: