Dicembre 1895 – Risotto alla folaga (alla Puccini)

Gli spari avevano sventrato il silenzio di quella mattina cupa, sollevando starnazzi e fischi e batter d’ali: due uomini fecero capolino dal cesto, muovendosi a fatica nell’acqua torbida. Recuperato l’animale ancora palpitante, salirono sul barchino per tornare verso la riva; il lungo legno ammuffito tracciava brividi argentei sul lago sfiorato da un sole decembrino appena nato e già stanco.

Sulla riva li aspettava Ferruccio, blocco degli schizzi sulle ginocchia e sguardo perso sull’orizzonte avvolto nella bambagia di nuvole pesanti: nessuno pareva aver voglia di parlare, l’aria era diaccia e i panni intrisi appesantivano le gambe come piombo nel tragitto attraverso i fitti ciuffi di falasco e cannuccia.

Presto la torre del Barsuglia apparve di tra la nebbia, un filo di fumo tossito dal camino: le stanze portavano ancora un calore residuo della notte non ancora terminata, e Ferruccio si adoprò a riattizzar le braci, mentre i due cacciatori sfilavano stivaloni e brache cerate rabbrividendo e strofinavano i piedi raggrinziti col un cencio di cotone. Mentre gli amici si lasciavano cadere sulle sedie davanti al fuoco, Giacomo portò in cucina la bisaccia; lì dentro era freddo e umido e dai vetri appannati di intravvedeva un sole tisico. Il lago era una superficie liscia e calma, i codoni e le marzaiole invisibili lanciavano i primi canti tra i canneti e il mondo sembrava in armonia con se stesso. Poiché le poche case del villaggio e i capanni non erano visibili dalle finestre, Giacomo fu pervaso da un senso di solitudine pacificata: tuttavia quella mattina portava con sé strani echi malinconici, come se il tempo fuggendo lasciasse un vuoto sempre più grande, risucchiando vita e amici e gioia. Sentì la bella voce di Lodovico raccontare dell’appostamento e abbassò lo sguardo a terra: lei giaceva lì, gli occhi scuri semichiusi, già velati dalla morte, il collo reclinato graziosamente. Un brivido lo trafisse mentre si piegava sulle ginocchia: tese le dita accarezzandola piano.

Mimì…Mimì…

Il grido finale gli risuonava tra le tempie, inutile richiamo dell’amante privato per sempre dell’oggetto della passione. Mimì. Ah, era morta, era morta e con lei tutto trascolorava per sempre, gioventù, sogni, amori. Tutto finiva con lei.

Continuava ad accarezzare le nere piume della folaga, iridescenti e setose, ma il suo cuore era lassù, nella soffitta dove le illusioni si erano infrante tra colpi impietosi di tosse: così lo trovò Ferruccio, con gli occhi lucidi e le spalle curve.

-O Giacomino, ma non m’hai detto punto se l’hai finita…- lo scosse affettuoso il pittore, che ben gli conosceva quei momenti e profondamente li rispettava.

-Ma sì, ma sì, madonna bonina, l’ho finita.

E un po’ strattonato dalle manone gentili, si tirò su di malavoglia, tornando verso il camino: Lodovico si stropicciava le mani al fuoco, puntandogli gli occhi addosso, e Ferruccio continuò:

-E allora, se è finita…o che s’aspetta?

Giacomo si sedette e sospirò:

-Allora, iniziamo da qui: Mimì era nel suo lettuccio fingendo di assopirsi per parlare da sola con…

Mentre spiegava lo svolgimento del quarto quadro, i due amici si misero ai lati del pianoforte, sgualciti angeli custodi di tanta poesia, aspettando il primo accordo. Le belle mani spiccarono il volo sul lago di bianco avorio della tastiera, e Mimì sofferse, amò, morì, Musetta e Marcello piansero, Rodolfo si disperò e gridò a lungo il nome dell’amata.

Mimì, Mimì… Mimì!

Su queste ultime note, le mani ricaddero come uccelli feriti, e i tre uomini tennero gli occhi bassi a nascondere le lacrime di emozione purissima, riconoscendo la loro stessa vita, passioni, amori, arte e bohème in quelle note superbamente sofferte.

Poi Ferruccio si scosse ed emise la sentenza:

-Giacomino… te tu sei un gran bischero, ma questa musica qui, non ha di eguali.

Puccini gettò la testa all’indietro e rise di cuore, felice come se non ci fosse al mondo altro giudizio che volesse sentire.

 

diScritti storico

Risotto alla folaga o alla Puccini

 per 4 persone

  • 6 manciate di riso carnaroli
  • una folaga non troppo grossa
  • 50 gr di burro
  • 3 pomodori San Marzano maturi,
  • cognac, vino rosso, aglio, salvia, sedano, carota, cipolla, zenzero, olio extravergine d’oliva, brodo
  • sale e pepe.

La folaga va spellata completamente e poi lasciata marinare in vino rosso e aceto per tre-quattro ore.

Tagliare la folaga in quattro pezzi e farla rosolare bene con aglio, burro e salvia; bagnare con cognac e farlo evaporare. Estrarre i pezzi di folaga dal tegame, disossarli e tritarli grossolanamente con la mezzaluna.

Preparare un battuto di cipolla, sedano, carote e un pezzetto di zenzero e farlo rosolare in un tegame con olio; unite la folaga e i pomodori senza semi e passati al passatutto amalgamando bene.

Aggiungere il riso, unendo via via brodo; aggiustare di sale e pepe; portare a cottura.

Annunci

Tag:, , , , , , ,

Categorie: diScritti in dispensa

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: