Di rose e viole – Brasato al Barolo

L’uomo contemplava la sera ingoiare voracemente le colline: lontano, un carro di ritorno dalle vigne affondò nella bruma senza rumore, come un rospo nel fango grigio.

Si voltò a cercare il bicchiere colmo del barolo di Fontanafredda e lo sollevò verso la luce morente; pure, un’ultima stilla di giorno attraversò il cristallo, sprigionando richiami di granato limpido. La barba e i baffi ricurvi dell’uomo portavano più fili grigi che neri, ma la mano era ancora ferma, senza tremiti: presa vigorosa, mano da militare. Restò più di un istante col bicchiere levato, fissando il paesaggio attraverso il velo puro e vivido del vino. La vita dovrebbe essere così, si disse, trasparente e luminosa. Potrebbe esserlo, se non ci affannassimo a sporcarla di falsità ed inganni.

Affondando il naso nel calice, inspirò profondamente e nei pensieri si formò l’immagine del luogo che era il suo asilo, dove quiete e passione e verità erano braci sempre accese: sentore di salmastro, fragranza di rose appassite e di viola mammola.

“Rosa” mormorò: quel nome che era la sorgente del calore e della gioia. Viole e rose per te, mia piccola quaglia, e alzò il bicchiere in un brindisi silenzioso a lei, prima di bere.

L’aveva conosciuta che era una bambina, e lui un uomo, un padre, un marito. E anche molto di più. Era troppo tardi persino per un’illusione, eppure… Rosa, giovane e caparbia, e così bella che non aveva saputo darle altro nome, Rosa, incurante delle differenze, dello scandalo, persino delle altre donne, l’aveva aspettato sempre. Come nell’arsura estiva il contadino pazienta attendendo le piogge, sapeva che sarebbe rivenuto a lei, dopo la caccia, le guerre, dopo le amanti.

Rose e viole schiacciate, tabacco, e ciliegia rossa, sì…e mare lontano. Il mare invisibile di Serralunga. Un altro sorso, breve: trattenne il liquido, schiacciandolo contro il palato. I profumi rotolarono sulla lingua, poi salirono a riempirgli le narici di ricordi.

Terra umida, nebbia. E mani che strappano frutti maturi ai grovigli di viticci e foglie, che afferrano e schiacciano, spremendo succo. Mani che accarezzano labbra di ciliegia non ancora matura strappando un sorriso. E sopra ogni altro, il momento di stupore infinito dell’uomo che crede la propria vita ormai racchiusa fra argini immutabili, scoprendo invece il grande scarto, la deviazione ultima nascosta tra i filari.

Lei non sapeva leggere e l’uomo non amava scrivere; lo colse inatteso un piccolo moto di rimpianto: peccato, Rosa…mia bela Rosìn, tanti anni e neanche una lettera d’amore. E ora è tardi davvero.

La caccia, la guerra, il suo ruolo gli avevano reso la morte familiare e consueta, non immaginava di temerla. Ora invece il tempo gli pareva un disertore che lo abbandonava in trincea, il codardo. Bevve troppo in fretta, e vuotando il calice ebbe un movimento scomposto. Alcune gocce caddero sull’uniforme dai bottoni d’argento; le scosse via, indispettito: ecco i primi sintomi della debolezza, della fine. Era arrivata, allora, la grande nemica.

Tuttavia, il vermiglione soffuso in cui annegava quella sera ottobrina smussava la rabbia, e il soldato si arrese all’assedio di tanta dolcezza. Si voltò per riempire nuovamente il bicchiere ma fu preceduto: il suo attendente era rimasto nella stanza, così immobile da farsi dimenticare.

“Maestà, non dovreste bere.” sussurrò. “I medici…” Si fermò, sconcertato dalla sua stessa audacia.

“È un momento singolare, Fruscianti, e va festeggiato” la voce dell’uomo era ferma. Levò nuovamente il bicchiere al cielo. Il vino aveva imprigionato il tramonto nel cristallo. “Questa notte il re d’Italia si sposerà per amore”.

 

diScritti storico

Brasato al Barolo

per 6 persone

  • 1 Kg di vitellone o bovino adulto di razza piemontese (fassone)
  • 75 cl di Barolo
  • 50 g di lardo stagionato o pancetta
  • 25 g di burro
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 costa di sedano, 1 cipolla, 1 carota, cannella, 4 chiodi di garofano, noce moscata, alloro, rosmarino, sale, pepe, cognac (facoltativo)

Mettere carne, spezie e verdure a marinare nel vino almeno 4 ore prima di procedere alla cottura. Rosolare a fiamma alta il pezzo di carne in un battuto di lardo con burro. A rosolatura avvenuta aggiungere l’aglio, le spezie e le erbe aromatiche.

Aggiungere sedano, cipolla e carota tagliati a pezzi, unire una parte del Barolo senza versarlo direttamente sulla carne. Quando il vino è evaporato, aggiungere il resto del Barolo ed eventualmente aggiungere brodo di carne. Lasciar cuocere, coprendo la pentola, per circa 2 ore facendo attenzione che resti un po’ di liquido sul fondo.

Eliminare le spezie e le erbe aromatiche e passare al setaccio le verdure togliendo i chiodi di garofano. Mettere nuovamente in pentola le verdure finché il sugo non si sia addensato.
Affettare il brasato e ricoprirlo con il suo sugo. Prima di servirlo, è possibile (ma non indispensabile) irrorare con un bicchiere di cognac e fiammeggiare.

Consigli 

Per addensare la salsa è bene unire al sugo dopo la prima ora di cottura una piccola patata tritata, il cui amido servirà perfettamente allo scopo. Per ottenere una maggior quantità di salsa è sufficiente aumentare la quantità di verdure, in particolare cipolla e carota. Per un risultato ottimale è consigliato l’uso di una pentola di coccio. Se si utilizza un vino diverso dal Barolo può essere necessario modificare leggermente la ricetta. In caso di vini molto strutturati e passati in barrique la ricetta non cambia, mentre nel caso di vini meno tannici o non barricati è consigliabile una preventiva marinatura della carne con il vino, le spezie e le verdure.

Ultima cosa: se avete un Fontanafredda, bevetevelo, non usatelo per cucinare.

 

 

Annunci

Tag:, , , , , , ,

Categorie: diScritti in dispensa

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: