Adobe ci spia: da lettori a cavie

È stata la curiosità di un utente a far emergere in questi giorni la notizia che Digital Editions 4, l’app per ebook di Adobe, spia i suoi utenti. Attraverso un software gratuito di monitoraggio, Nate Hoffelder si è accorto che i dati personali del suo e-reader venivano trasmessi ad un IP appartenente ad Adobe. Titoli dei libri letti, autori, percentuali di lettura e così via, dati inviati in chiaro e quindi intercettabili poi da chiunque altro avesse voglia di accedervi. E la privacy? Beh, la privacy cede il passo -così si è giustificata la Adobe- alla lotta alla pirateria. Piuttosto che combattere dunque contro le piattaforme da cui scaricare illegalmente le opere si interviene sull’utente, spiandolo.

Chi di voi possegga un Kobo, come me, saprà che spesso l’apparecchio assegna dei premi in base alle ore in cui si legge, quanto, con quale frequenza. Quando mi capita di vedermene assegnare uno la mia reazione è sempre di un certo sbigottimento: che l’apparecchio mi monitori mi mette a disagio, soprattutto perché non esiste alcuna funzione da attivare o disattivare, così è se vi pare. Pensare dunque che una app, senza richiedere da parte mia alcun consenso, acceda ai miei dati e li divulghi in un certo senso, visto che non è stata presa alcuna precauzione nella fase di trasmissione dei dati, è aberrante a dir poco.

Combattere la pirateria digitale piratando i dati personali è un vero e proprio paradosso. Tra i motivi addotti per un comportamento così scorretto vi è anche il monitoraggio dei prezzi dei libri dei vari paesi. Non dunque lettori con il sacrosanto diritto di leggere con un apparecchio pagato di tasca propria per quello scopo, ma campioni di riferimento senza diritto di scelta.

Il passo successivo, la creazione di un database utente per utente non pare poi così azzardato, come pure non pare campata in aria l’idea che oltre alla privacy lo scopo sia quello di accedere gratuitamente ai dati di consumo per realizzare una vera e propria indagine di mercato coatta. Che i nostri dati siano oramai alla mercé di chiunque è cosa risaputa, al di là di qualsiasi ipotesi di complotto, come quando utilizzando facebook ci si rende conto che le inserzioni laterali sono cucite appositamente su di noi e sulle nostre ricerche in rete, o sarà un caso che, mentre scrivevo un racconto su dei pensionati, e avendo fatto alcune ricerche mirate in rete, il social mi abbia più volte consigliato inserzioni pubblicitarie sui cateteri?

Il passo verso la segnalazione come utente pericoloso, perché magari voglio scrivere un giallo e faccio delle ricerche sugli esplosivi e su come fabbricare una bomba in casa, pare niente affatto lontano. La regola è chiaramente sempre la stessa, ricordarsi che ogni volta che un computer viene connesso alla rete diventiamo vulnerabili: fu a causa di un social non più in uso che mi ritrovai alle prese con uno stalker, quando la parola stalker non esisteva nemmeno (ma il tizio sì, e come!).

Difendersi non è semplice, eppure bisogna tentare in ogni caso, senza rinunciare alle proprie abitudini di internauti, l’oculatezza è l’unica possibilità. E sebbene il mio e-reader contenga nient’altro che libri di ogni genere e sorta, e non manuali su come diffondere l’ebola o fabbricare antrace, io non voglio essere spiata, esigo che mi si chieda un consenso e che l’attenzioni si sposti da me a chi immette in rete i file pirata. Siamo lettori, non cavie da marketing.

 

10481785_10152306939782912_1007686886_n

Annunci

Tag:, , , , ,

Categorie: diLetti, diNotizie tascabili

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: