Tua di Claudia Piñeiro

Quanto dura il grande amore? Per sempre, verrebbe da rispondere, ma ne siete proprio sicuri? A 32 anni non  si riesce ad accasarmi, checché ne voglia dire chiunque, la parola che riecheggia dentro me, ben saldata da una stratificazione secolare, è “zitella”.

Ed è come una zitella che guardo al matrimonio -degli altri- e che ho letto questo libro, ovviamente. Come una che pensa che non esista forma d’amore più grande che tollerare che qualcuno ti invada il letto, la cucina, il bagno, il cuore. Amare qualcuno che ti rivolge la parola appena sveglia -mia madre non lo farebbe mai- che esige delle cose da te, che vuole che moduli il tuo tempo e i tuoi spazi anche in base ai suoi, condividere insomma, dare, anche quando non ne se ne ha voglia. Bello, no? Forse non proprio! Il mio letto a una piazza e mezza, la macchinetta del caffè che mamma mi lascia pronta sul fornello la mattina, il mio tempo, i miei spazi e guardo, gli altri. Amore che soffoca sotto i calzini che lui non riesce a portare in bagno, lei che dimentica per anni di avere delle gambe da radere, figli che fagocitano il tempo e il desiderio.

Tua di Claudia Piñeiro parte da un quesito: cosa accade quando il matrimonio smette di essere ciò che credevamo dovesse essere e diventa ciò che è? Ines è una casalinga, ha una bella vita, un buon marito e una figlia adolescente che la fa dannare, è perciò immersa felicemente in un cliché. Un sospetto ad un certo punto però si fa strada dentro di lei; quindi decide di seguire il marito, una sera, e lo vede commettere un omicidio: Ernesto spintona la sua amante provocandone la morte. Tua, la donna che si verga così col rossetto, sta mandando in pezzi la felicità coniugale altrui morendo. Ines decide in quel preciso momento di salvare a tutti i costi la sua famiglia, di non permettere che “un incidente” la disfi, che l’incidente sia il tradimento o la morte di qualcuno poco importa.

Ma le cose sono molto più complicate di così, i tradimenti sono molteplici e i due coniugi, impegnati nei loro intrighi, non si rendono conto di quello che sta accadendo a quella che una volta era la loro bambina. Il matrimonio, la vita semplice, il cliché sta precipitando verso una fine, la fine.

Non posso dilungarmi oltre poiché quest’opera dell’argentina Claudia Piñeiro è considerato da molti un giallo, e si sa che a svelare troppo la trama di un giallo si rischia il linciaggio degli altri lettori. Io in realtà faccio fatica a considerarlo in questo genere. Certo, la storia, il piccolo colpo di scena finale, e le morti lasciano vita facile a chi voglia definirlo tale, eppure contiene in sé altri elementi che, a mio avviso, soverchiano la definizione. Il disfacimento della famiglia tradizionale, le menzogne che si è disposti a raccontare e raccontarsi pur di continuare a vivere la vita che ci era stata assegnata o che ci eravamo assegnati noi stessi, la difficoltà di capire chi ci sta intorno e che a modo suo vive un problema troppo grande.

Lo stile è incalzante e alterna tre diverse forme, passa dal racconto in prima persona di Ines, al discorso diretto della figlia Lila, all’asciutto e impersonale resoconto del medico legale e degli investigatori. Si legge in una sola notte perché breve e scorrevole, nonostante il tema.

L’unica cosa che ha stentato a convincermi è stata la strana ingenuità di Ines che a tratti sembra, non riesco a definirla altrimenti, scema. Il contrasto tra questo suo strano candore lucido e ciò che le accade in ogni caso regge; e anche se l’avrei forse preferita meno svagata, la contraddizione poi non sarebbe parsa così forte come invece in definitiva risulta.

Che il matrimonio sia il coronamento di un sogno stile film Disney o la tomba dell’amore, di certo questo libro ne  svela le distanze tra reale e immaginato, tra ciò che appunto dovrebbe essere e si desidera che sia- mentre vestiti da meringa e pinguino un uomo e una donna si dicono sì- e ciò che invece gli anni e l’abitudine ne fanno. Chiaramente non in tutte le famiglie si consuma poi un omicidio, o almeno spero.

Per parte mia devo dire che, chiusa l’ultima pagina, la parola “zitella” aveva un suono dolce, tutto sommato.

10481785_10152306939782912_1007686886_n

 

 

 

Tua Claudia Piñeiro 2011 142 pp trad M. Finassi Parolo  Feltrinelli € 10,00

Tua
Claudia Piñeiro
2011
142 pp
trad M. Finassi Parolo
Feltrinelli
€ 10,00

Annunci

Tag:, , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: