Agnes Browne Mamma, di Brendan O’Carroll

 

 

 

 

 

 

Come Mark, uno dei suoi protagonisti, Brendan O’Carroll ha una caterva di fratelli. Come lui, ha smesso di studiare a 12 anni per lavorare. Come lui, è irlandese. E se anche sua madre non si chiamava Agnes, possiamo stare certi che per il carattere, la tempra e l’humour della protagonista lo scrittore abbia attinto alla combattiva mamma Maureen, ex-suora poi diventata parlamentare socialista.

Agnes Brownenata come dicevo dalla penna di O’Carroll (e dallo stesso scrittore impersonata sul palcoscenico e nella famosissima sitcom, insieme ad amici e parenti), è un personaggio unico e per molti aspetti memorabile: forse non una novella Anna Karenina, ma di certo un’eroina sagace quanto sboccata nella livida “verde Irlanda” degli anni 70 (e non -come un’illustre giornalista ha scritto- anni 40).

La sua semplice storia si svolge nel Jarro, un quartiere popolare di Dublino brulicante di vita, tra il banco della frutta al mercato e i venerdì sera con l’amica Marion al Foley’s Select Lounge and Bar, il marito Rosso –manesco e amante del gioco d’azzardo-  e una ciurma di figli di tutte le età da tirar su. La vita degli abitanti del quartiere, soprattutto delle donne, è una continua rincorsa per sfuggire alla miseria con mille espedienti: Agnes non fa eccezione, come tutte conta i centesimi, compra roba usata, sta sulle spese, accorta a tutto tranne che a se stessa, fino a che non accade l’imprevisto. Il Rosso muore. Tragedia? Per niente.

Come accade a molte donne, una volta vedova, Agnes non solo non si perde d’animo, ma scopre una vita diversa e si riscopre. Il libro inizia proprio subito dopo la morte del Rosso, con l’esilarante incontro di Agnes e Marion con l’impiegata della Previdenza Sociale.

La narrazione scivola via spedita, piacevole, tra strafalcioni, lacrime, litigi e risate, saltando da un personaggio all’altro come in brevi siparietti teatrali, tenuta insieme dalle braccia, dalla forza di una giovane donna indomabile.

Piccola notazione: in tutte le recensioni che ho letto, Agnes e il libro sono presentati come comici. Non nego che vi siano dei momenti di ilarità, di quella farsa involontaria che il quotidiano offre a guardarlo con occhi scanzonati. Tuttavia trovo la definizione appena riduttiva: Agnes è soprattutto un bel ritratto di donna del popolo, sveglia e combattiva, per certi versi ingenua come una quattordicenne e per altri con l’esperienza di una donna matura, un personaggio rude com’è giusto, ma capace di grandi affetti e incontrollabili slanci.

E ora, permettetemi un paio di asterischi, di quelli che a “lei di cui qui sotto” piacciono tanto.

*Il libro è stato tradotto da Gaja Cenciarelli, e se leggeste quello che scrive -cosa che vi consiglio- capireste perché, fosse dipeso da me, non avrei affidato ad altra persona un materiale così vivace e scoppiettante.

**E questa, come direbbe appunto Gaja, è una grande metàfa daa vita.

firma FS3

Agnes Browne mamma, Brendan O'Carroll - Neri Pozza, 2008- Pag. 176 Euro 14,50

Agnes Browne mamma, Brendan O’Carroll – Neri Pozza, 2008- trad. Gaja Cenciarelli- pag. 176
euro 14,50

Annunci

Tag:, , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Trackback/Pingback

  1. Le parole di un anno: alcuni titoli (tra letti e riletti) del #2014 | diLetti e riLetti - 31 dicembre 2014

    […] Brendan O’Carroll, Agnes Browne Mamma  […]

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: