Giorni di pioggia

Non dico che a noi non succeda. Succede, succede. Ma non con la regolare cadenza del rubinetto allentato, con la costanza di un orologio carico, con la precisione e la prevedibilità dei giorni della settimana. Noi siamo la tubatura che esplode, la molla che inceppa.

Non dico che a noi non succeda, non posso dirlo. Anche a me è capitato di.

Piangere. Pensarci. Immaginare. Fermarmi, poi.

Quanti si fermano prima di alzare la mano, la voce, un’arma, quanti si fermano a?

Piangere. Pensarci. Immaginare. Girare le spalle, poi. Accettare. O non accettare mai. Mai, ma altrove.

Parlarne –dopo tanto discutere, proteste, commissioni, leggi- è diventato a questo punto superfluo, quasi ridicolo, come fermarsi a contare le gocce mentre cadono, mentre gli orologi ticchettano numeri infiniti, i giorni si ammucchiano negli angoli. Quello che è accaduto ieri è stato già superato da un oggi altrettanto funesto. Qui vicino o molto lontano. Ti odio oggi più di ieri e meno di domani: non era così la frase nei cioccolatini?

Ogni giorno una goccia, dieci, pioggia.

Si parla, si dibatte, si cercano soluzioni: è la volpe a cercare un rimedio alla rabbia del cacciatore. Disarmata. Comunque si discute.

Basta con le violenze, io sono mia, mai più. Serve rispetto. Serve autocoscienza. Serve educazione. Slogan senza effetto.

Lo scroscio continua senza tregua, senza flettere. Senza pudore o freno.

E nessuno insegna agli uomini a soffrire.

A soffrire assumendosi il peso del dolore, del distacco, accettando la lacerazione e la lontananza. La vergogna, la macchia del fallimento, l’umiliazione del non essere scelti.

A soffrire più per la possibile felicità di chi va via che per la propria infelicità.

A soffrire da soli, in silenzio o gridando, a soffrire strappando lettere e foto, e a piangere, perché anche un uomo può piangere, e piangere serve.

A soffrire senza trovare riposo la notte, sapore di ferro e fiele sulla lingua, i ricordi sparsi per la stanza insieme ai calzini sporchi. E di giorno, quando i gesti normali pesano come piombo, soffrire guidando, lavorando, parlando. Mangiando poco, che viene da vomitare.

A soffrire stringendo i denti, i pugni, gli occhi. Stringendo una sigaretta di troppo. Stringendo un bicchiere, un cuscino, un amico.

A soffrire in pigiama, nascosti in una stanza dall’aria consumata, dicendo per sempre, senza accorgersi che qualcosa di diverso è già a pochi passi da lì. Accumulando tazzine di caffè e mal di testa.

Non dico che a noi non succeda. Succede, succede.

Ma nessuno insegna agli uomini a soffrire, nemmeno noi che siamo la pioggia.

 

firma FS3

Annunci

Tag:,

Categorie: diGressioni

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: