Una cosa divertente che non farò mai più, David Foster Wallace

Non avevo mai letto niente di David Foster Wallace, perché? Non so perché (e non cederò alla tentazione di scrivere “sono fatti miei”, per quanto altamente condizionata dalla pubblicità), e probabilmente ne avrei fatto a meno per ancora altri anni; ma poi ho conosciuto una persona che legge e, inutile sottolinearlo, l’ho sottoposta al consueto terzo grado. Dove? Cosa? Quanto? Chi? E scodinzolando, poiché trattavasi di lettore vero, ho proposto il famigerato scambio. Già, famigerato perché gli altri amanti della letteratura mi temono come la peste bubbonica, non restituisco mai niente tra le altre cose, ma la goccia cinese mi fa un baffo e quindi la mia proposta è stata, a malincuore, accettata.

È così insomma che “Una cosa divertente che non farò mai più“, edito da Minimum fax, è giunto a me, e ancora si trova al sicuro nella mia libreria (lo scambio si è trasformato in regalo, sempre per quella cosa della goccia). La prima e più calzante definizione che mi viene in mente per questo libro è “da far uscire l’acqua dal naso”. Ce l’avete presente il momento in cui state bevendo e qualcuno decide di fare una battutta assai divertente? Ecco, così. E lo dico a ragion veduta. In metropolitana e nel pullman su cui ho intrapreso la lettura, in uno dei miei consueti viaggi della speranza dalla periferia, ho riso con un tale gusto da sembrare completamente scema. Ad un certo punto, tale era la vergogna per le mie risate trattenute, e quindi ancora più ridicole, che mi sono imposta di chiuderlo; imposizione a cui ho tenuto fede per pochissimi minuti. Pensino quel che vogliono mi son detta, mi sono fatta bionda apposta!

Un diario di viaggio folle, questo potrebbe essere definito il magnifico esilarante libro in questione. Il giovane giornalista viene inviato su di una 7nc, nave da crociera sette giorni nei Caraibi, al fine di poter realizzare un reportage sulla sua esperienza. Lusso fac-simile e divertimento assicurato, o meglio obbligato. E già, perché divertirsi è necessario, doveroso quanto rilassarsi, le attività proposte mirano ad occupare al meglio il soggiorno del passeggero senza lasciargli il tempo della noia, ma solo quello dell’ozio. Viziare il cliente è la parola d’ordine, nessuno dei compiti pratici lasciati alla sua azione, né portarsi le valigie, né doversi occupare della cabina, né servirsi il pranzo. C’è sempre qualcuno pronto a soddisfare ogni esigenza, bevande escluse. Il ritratto del turista americano che ne esce fuori è tanto spontaneo da sembrare quasi il frutto della visione d’un bambino -cosa che per altro diviene reale con l’assaggio del caviale bollato, nella definizione dell’autore, come schifoso, avallando il giudizio di un ragazzino- e così disincantato allo stesso tempo da apparire tenero.

Nota a parte meritano proprio le note: magnifiche! Se l’articolo di per sé genera risate e singulti, le note stroncano proprio il respiro, e vi ritroverete ad assumere un’espressione assai ebete se lo leggerete come me in luogo pubblico, con una tinta blu puffo in volto mentre cercherete di non esplodere in una catartica fragorosa risata. L’ossessione dell’autore per gli squali, la sua curiosità per lo sciacquone, la sua descrizione di Capitan Video e ancora la sua paura di essere confuso con il turista medio americano caprone come il suo desiderio di starsene quasi tutto il tempo in cabina vi stenderanno, vi faranno scompisciare, vi faranno pensare “ma che diavolo stavo aspettando a leggere Wallace?”

Non di secondo rilievo è certo il fatto che lo stile sia particolarissimo e che mescoli toni svagati ad altri da tragedia, che i piani si confondano e che le battute siano così sagaci da assomigliare a delle freccette (di cui l’autore ha una mortale paura) e, soprattutto, che questa lettura leggera poi leggera non sia. Mescola infatti il piacere e il riso a un’indagine sulla influenzabilità delle persone, sul modo di essere degli americani e dei turisti in generale, sulla capacità della pubblicità di influenzare il consumatore e in che modo. Celebre la descrizione della brochure con tanto di inserto blasonato a firma di un altro noto scrittore: una marchetta di Frank Conroy che induce a vedere il cielo con altri occhi.

Se devo essere onesta non ho mai desiderato fare una crociera, e dopo aver letto questo libro lo desidero ancora di meno, desidero invece leggere tutto quello che Wallace ha scritto nella sua vita, liste della spesa comprese. Qualora però impazzissi e decidessi che tutto sommato un mostro acquatico dove tutte le mie attività e il mio divertimento siano programmati fino al minimo dettaglio può ospitarmi non dubito che sarei bravissima nel movimentare la vita degli altri passeggeri. Su di un aereo in preda alla paura ho gridato, non so perché, “il carrello non si apre, moriremo tutti”, certamente sarò in grado di inventarmi qualcosa anche riguardo alle scialuppe.

10481785_10152306939782912_1007686886_n

 

 

Una cosa divertente che non farò mai più David Foster Wallace 1997 trad D'Angelo G.; Piccolo F. Minimum Fax

Una cosa divertente che non farò mai più
David Foster Wallace
1997
trad D’Angelo G.; Piccolo F.
Minimum Fax

Annunci

Tag:, , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Trackback/Pingback

  1. Le parole di un anno: alcuni titoli (tra letti e riletti) del #2014 | diLetti e riLetti - 31 dicembre 2014

    […] David Foster Wallace, Una cosa divertente che non farò mai più  […]

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: