Un bagaglio da non dimenticare – Valigie Rosse

Cosa sono adesso non lo so,

sono solo,

solo il suono del mio passo.

P.F.M.

 

Quando si viaggia accade spesso di dimenticare qualcosa, un ombrello, una maglia, un fazzoletto colorato. Forse una lettera d’amore. Si dimenticano piccole parti di sé sulla cappelliera di un treno, sotto un sedile o lasciandole scivolare chissà dove. E questo non per volontà specifica o per incuria. Piuttosto per una stupida, cieca disattenzione. Per esser stati assorbiti da una telefonata o dall’annuncio della coincidenza da non perdere.

Ché se nel momento in cui stiamo per andar via qualcuno ci fermasse, dicendoci Ehi, stai lasciando qui questo pezzetto di te, sgraneremmo gli occhi, stupiti, sorridendo di sollievo e anche di gratitudine.

E accade allo stesso modo nella vita di esser talmente disattenti e presi dalle nostre piccole storie da non prestare attenzione alle storie altrui, storie differenti dalla nostra, ma ugualmente importanti. E forse anche di più: perché queste storie estranee hanno avuto bisogno di una grande forza, e di coraggio per esser raccontate. Qualcuno si è dovuto fermare ad ascoltarle, qualcuno a trascriverle. Altri hanno profuso il loro lavoro per diffonderle, e senza ricavarne guadagni.

Ho rimuginato a lungo prima di parlare de Gli Asteroidi di  Valigie Rosse, nonostante abbia letto Ci metto la faccia prima dell’estate e Il bambino mammitico qualche settimana fa. Ci ho pensato e ripensato, perché –in qualche modo diversa io stessa- non intendo in nessun modo fare un discorso pietistico sulla necessità di fermarsi e prestare attenzione a queste voci.

Valigie Rosse è un progetto editoriale indipendente e no profit, la cui attività per quel che riguarda la poesia è collegata al Premio musicale Piero Ciampi di Livorno. Gli Asteroidi –di cui fanno parte Ci metto la faccia di Costanzo Ferraro e Il bambino mammitico di Giacinto Conte – sono invece una collana di prosa che raccoglie voci spesso inascoltate, lasciate indietro. Voci da cappelliera, voci da sotto il sedile, scritte in prima persona, più che autobiografiche, proprio dirette. Contengono, come contiene la vita, gioia e amarezza, momenti di debolezza e reazioni coraggiose.

Non cercate qui alta letteratura, se non vi cercate dentro –come primo elemento- la vita: l’inchiostro è cavato dalle cadute e dalle faticose rimonte, le parole sono calde di saliva, rabbia e politica e religione. Non parlerò dei “problemi” di Giacinto, della “disabilità” di Costanzo. Non farò appelli e non chiederò l’aiuto di nessuno: loro non lo chiedono.

Ma vi sto chiamando. Avete dimenticato un pezzo di voi, dove correte?

 

Questo è il sito di Valigie Rosse e ne approfitto per ringraziare l’appassionata Silvia Bellucci per avermi regalato queste voci.

 

firma FS3

Annunci

Tag:, , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Non c'è ancora nessun commento.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: