Destini verticali, di Alessandro Toso

Dopo alcuni anni, pochi giorni fa son tornata sulle Dolomiti e per me, cresciuta col mare nei polmoni, è un viaggio che equivale ad un passaggio attraverso una “buca del coniglio” (avete letto 22/11/’63, vero?). Catapultata in una dimensione che mi è estranea, mi beo respirando l’aria setosa e verde, lasciandomi impregnare della luce e della bellezza selvaggia delle vette. Che però sono e mi restano estranee, mentre una vocina neanche troppo discreta mi ripete “Non vivrei mai qui, mai”.

Per questa ragione, temevo non mi sarebbe stato semplice parlare di Destini verticali, il romanzo d’esordio di Alessandro Toso; l’imbarazzo era aggravato dal fatto che conosco Alessandro da qualche anno (seppure in via del tutto virtuale e -preciso- virtuosa). Mi sono proposta quindi di essere quanto più equilibrata possibile tra i contrastanti sentimenti dell’estraneità ai luoghi e dell’amicizia con lo scrittore. E invece la lettura mi ha fregata, coinvolgendomi molto più di quanto avessi previsto.

Perché oltre ai luoghi, oltre l’amicizia, la storia c’è e prende, benché riassumibile in breve: una sfida fra uomini che si muovono tra vette rocciose e un paese di poche anime. Il personaggio-perno della narrazione è anche il grande assente, il celebrato e amato scalatore inspiegabilmente battuto dalla montagna dieci anni prima; gli sfidanti, Corin, l’amico che era con lui in cordata al momento della terribile caduta e Paco, il figlio che si sente in dovere di vendicare la morte del padre, imputata al sopravvissuto.

Il contrasto tra i due uomini –l’uno giovane, spaccone e sconsiderato quanto l’altro, silenzioso ed esperto, è invece posato- è un regolamento di conti che ha un sapore western, come fa notare lo stesso editore sulla copertina, e porterà i rocciatori a rivedere molto su di sé e sulle proprie convinzioni.

Nella narrazione i dialoghi scorrono rapidi, spontanei, punteggiati di parole dialettali, bevute, poche descrizioni dell’ambiente naturale, molte dell’ambiente “umano”, delle facili chiacchiere e delle altrettanto facili nomee che si creano in un paesino.

È un mondo di uomini, quello descritto nel romanzo, un mondo dove le donne sono facili mutandine o teneri cuori, mentre i maschi si contendono fama e territorio; è un mondo, come dicevo, che a me sarebbe del tutto estraneo, se non fosse che ho avuto l’impressione di conoscerli, quegli uomini. Sotto altre latitudini ed altri climi, su una liquida piana azzurra corrono le stesse sfide, rivalità e competizioni di poche parole e molti rischi: l’uomo sfida il suo simile, ma prima ancora sfida la natura, che sia mare o montagna; la rispetta e la teme, ma vuol anche sottometterla. Marinai di rocce infide, gli uomini di Toso cercano le loro vite su sentieri a picco, camminando in verticale verso il loro destino.

p.s. Aggiungo una breve notazione sulla collana che ospita l’esordio: nata dalla collaborazione tra Ediciclo Editore e La Bottega Errante, Gli Erranti accoglie testi brevi che narrano di viaggi reali o narrati e di vite in viaggio. Vi segnalo il bel formato che si ispira ai taccuini resi famosi da Chatwin, i Moleskine –angoli stondati, elastico nero sulla lunghezza-  mentre le copertine dalle immagini suggestive danno ai volumetti un aspetto originale e molto appetibile.

 

Destini verticali, Alessandro Toso, Editore Ediciclo  (collana Gli erranti), 2014 - 208 pagg. - euro 13, 50

Destini verticali, Alessandro Toso, Editore Ediciclo  (collana Gli erranti), 2014 – 208 pagg. – euro 13, 50

firma FS3

 

 

Annunci

Tag:, , , , , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Trackback/Pingback

  1. A galla, di Alessandro Toso | diLetti e riLetti - 21 aprile 2016

    […] titolo del nuovo romanzo di Alessandro Toso (segue infatti Destini verticali di cui ho già parlato) è racchiuso il senso profondo non solo del romanzo stesso, ma della […]

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: