Sul lato oscuro della luna di Francesca Masante

Quando sento qualcuno parlare con tenerezza dell’adolescenza mi pongo sempre la stessa domanda: ma questo tizio se la ricorda davvero? Crudele, ecco il termine che utilizzerei per descrivere quel periodo e se una qualche fata turchina si prendesse la briga di riportamici, con qualche incantesimo, non esiterei a prenderla a schiaffi. Mi sentivo sempre fuori posto, in ritardo, sbagliata e inadeguata, il futuro pieno di possibilità che si stagliava all’orizzonte mi interessava ben poco, impegnata com’ero a sopravvivere. Gli adulti intorno a me minimizzavano qualsiasi cosa che ai miei occhi invece appariva pantagruelica, e mi ricordo gli amici (me li ricordo perché sono una di quelle che ha la stessa compagnia da sempre, e quindi li ho visti ieri sera) che come me si barcamenavano tra mille dubbi, incertezze, dubbi e paure. Un inferno i quindici anni, altro che Il fiore dell’età. Questo il mio punto di partenza per leggere “Sul lato oscuro della luna” di Francesca Masante

Giulio è un ragazzino cui all’improvviso manca l’unico punto fermo, sua nonna. Il padre è una sbiadita figura altissima, che darà una chiara idea di sé solo rivelandosi nel peggiore dei modi possibili; sua madre è una donna che ha bisogno di appoggiarsi e non fa appoggiare lui che, anzi, sacrifica pur amandolo. La famiglia d’origine non esiste più, la seconda si è costruita senza la presenza di Giulio. La vita scorre anche senza di lui che quindi muto non urla il dolore del rifiuto, ma lo mastica digrignando i denti fino all’incontro con il cane bianco. Cane che si fa agnello e si immola, in un certo senso. Comincia così la storia di un nuovo Giulio, quella in cui lui ha un posto dove andare, il canile, delle persone cui rendere necessariamente conto e un amore per altri che passa attraverso l’amore per sé. Chiaramente non mancano i dubbi, che più dei brufoli identificano gli individui in fase puberale, che in Giulio investono sia la sfera personale che quella sessuale, e un incontro che cambierà tutto, quello con Tai, un cane destinato dai suoi vecchi padroni alle lotte clandestine.

Senza dubbio questo libro ha tutti i crismi del classico romanzo di formazione, ma possiede in sé altri interessani spunti. La religione vissuta non come dogma nel quale rinchiudersi ma come creatrice di una comunione universale; il disfacimento della famiglia classica; le dipendenze sia dalle sostanze che affettive; l’amore nelle sue diverse e, talvolta strampalate, forme; la discriminazione cui gli altri sottopongono chi è diverso, ma ancora di più il senso di inadeguatezza di chi teme di esserlo.

La narrazione, tutta in prima persona, rivela una penna delicata che non indugia ma racconta, l’effetto è quello di una massima credibilità in particolare per la scelta dell’autrice di non caricare mai eccessivamente le descrizioni dei tormenti, delle sofferenze o delle difficoltà ma di lasciare che siano i nostri ricordi di quel tempo che fu a integrarsi con le parole e i pensieri di Giulio. La trama, pur portando a compimento il suo ciclo, non svela troppo sul futuro, sul dopo, perché si è adulti per un tempo lunghissimo e ragazzi lo si è solo stati mentre nemmeno ne eravamo abbastanza coscienti, mentre eravamo così occupati a sentirci sbagliati da non sapere che quella è una sensazione che infondo non ti abbandona mai. Il fanciullino di Pascoliana memoria muore al primo pelo spuntato.

Questo libro mi è stato consigliato da un amico, uno di quelli che 10 anni fa non mi sarebbe stato possibile avere visto che si tratta di un contatto avvenuto attraverso un social (in un gruppo sui libri su facebook, chiaramente), e questo è uno dei motivi per cui checché ne dicano gli altri, e qualche volta pure io, a me questa realtà virtuale ha portato molte cose positive e anche se i video strappalacrime dicono di no, io una birra con gli amici la prendo sempre volentieri. E ieri davanti a quella birra, con gli amici di sempre, quelli che si sono sentiti fuori luogo mentre eravamo nello stesso luogo, ho ripensato a questo libro, e a Giulio e all’amore. Questo libro l’ho consigliato a loro e  lo consiglio a chi legge, lo consiglio a tutti quelli che sono sopravvissuti all’adolescenza, l’unico periodo che “era” anche mentre ci si era dentro e che, come si dice banalmente, non torna più. Per fortuna, con buona pace della fata turchina.

 

 

10481785_10152306939782912_1007686886_n

 

Annunci

Tag:, , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

2 commenti su “Sul lato oscuro della luna di Francesca Masante”

  1. 1 settembre 2014 a 17:45 #

    Wow, che dire… senza dubbio l’adolescenza è un periodo molto difficile. Tutto viene amplificato dalla nostra inesperienza di vita, dalla quale paure e infiniti dubbi hanno tormentato molti di noi.
    Mi trovo pienamente d’accordo con te nel NON voler tornare indietro. Oggigiorno guardo le nuove generazioni e ne percepisco lo smarrimento, mascherato da quella finta spavalderia che gli viene insegnata dai media.
    Penso che se essere adolescente negli anni 70/80 era difficile, beh, ora lo è molto di più. Troppi stimoli e troppi esempi sbagliati stanno portando una generazione impreparata verso un destino troppo incerto, troppa inconsapevolezza.
    Il libro è già stato inserito nella mia lista dei desideri e grazie per averne parlato. Magari lascerò un commento quando lo avrò terminato.

    • 1 settembre 2014 a 17:53 #

      Grazie mille per l’attenzione, e concordo pienamente sul fatto che essere adolescenti è oggi ancora più difficile di quanto lo sia stato per noi… in ogni caso qualche volta sogno ancora di essere al liceo, e si tratta sempre di un incubo! Aspetto le tue impressioni sul libro.

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emma

Politique, trucs pour réfléchir et intermèdes ludiques

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

TRECUGINE

le cugine parlano di libri

diLetti e riLetti

La sola nazione che conti: la letteratura

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: