La vigna di uve nere – Livia De Stefani

Là dov’è la vigna di uve nere, non ci sono strade. È per questo che non si odono voci né cigolii di carri, né picchiettii di zoccoli di bestie. Il mare è troppo lontano perché il rumore che la tempesta fa quando sbatte contro la costa arricciandola di bianco possa salire fin lassù. Se il vento è favorevole, ne arriva un ansimare fioco e tramortito come di persona soffocata da un bavaglio; un ansimare che, per non essere percorso da altre varianti di suono, diventa un’aggiunta di silenzio.

Ho assorbito l’amore per la lettura da mia madre, e uno dei gesti che ci è più consueto è lo scambio di libri, che ora per la maggior parte avviene da me a lei. Infatti, appena finito di leggere il romanzo di Infante Sento la neve cadere ho aspettato trepidante di conoscere le sue impressioni, abbastanza certa di averle fatto piacere passandoglielo. Ma poiché la mamma non può smettere di sorprendermi, sottolineando la bravura di Infante nel descrivere un mondo contadino duro ma pervaso di poesia scomparsa, mi ha chiesto: “Non ti ha ricordato La vigna di uve nere”? La similitudine mi è parsa ovvia e lampante solo dopo la sua domanda, non solo per l’ambientazione nella Sicilia contadina del secolo scorso, ma a quel punto dovevo rileggerlo, e senza perder tempo.

Ho scoperto La vigna di uve nere quando ero appena adolescente, nell’edizione Jolly Rizzoli del 1967 con la copertina telata che appartiene a mia madre, e sulla stessa appena ingiallita  l’ho riletto (per l’ennesima volta) in questi giorni. In realtà il romanzo uscì nel 1953, riscuotendo un successo notevole in termini di critica e di pubblico, anche all’estero; ne fu persino ricavato negli anni Ottanta uno sceneggiato per la Rai con la regia di Sandro Bolchi.

Nonostante questo, non ho mai incontrato qualcuno che abbia letto La vigna di uve nere, né in molti hanno sentito parlare di Livia De Stefani, scrittrice nata a Palermo nel 1913, e sprofondata in un silenzio immeritato. Perché il romanzo, ispirato ad un fatto di cronaca nera, traccia una storia lontanissima nel tempo, ma tuttora crudelmente viva: Casimiro Badalamenti è un uomo che ha alle spalle delle amicizie- con tutto il carico di significati che nella Sicilia degli anni Trenta- eppure è costretto dal misterioso omicidio di suo padre e suo fratello a trasferirsi da Giardinello a Cinisi, nella casa di Concetta, una prostituta. Da lei, trasformata con la reclusione in donna per bene, avrà quattro figli che affiderà poi ad estranei per non lasciar traccia di una relazione di cui si vergogna. Quando l’età e la necessità di una posizione di potere lo porteranno a sposare Concetta, Casimiro riprenderà in casa di forza i figli cresciuti altrove, rompendo legami affettivi profondi e creandone, in una torbida alchimia di alleanze contro il padre-uomo nero, di nuovi e incestuosi.

Un giunco non può trattenere un fiume in piena, e quando Nicola, travolto dall’odio per il padre di sangue, si aggrappa alla sorella Rosaria, l’amore si trasforma in catastrofe. Pagheranno tutti, e tutti nella loro carne, nella maniera più feroce possibile, come in una vera tragedia greca: l’orgoglio che crede di controllare tutto sarà piegato, l’amore proibito castigato dalle consuetudini e dal fato, la madre ridotta al ruolo di coro piangente.

La storia in sé è intensamente dolorosa, e il romanzo è uno dei primi a descrivere –seppure in maniera velata- il giogo mafioso che pesa e schiaccia le terre siciliane; l’autrice stessa ha ammesso che il suo libro è stato non solo ignorato dai suoi conterranei, ma anche di non aver potuto far ritorno al suo paese per molti anni.

Ma quello che colpisce in La vigna di uve nere è la bellezza, nuda e semplice, del linguaggio, attraversato nelle descrizioni dei paesaggi come dei corpi da una sensibilità artistica che sembra quasi formare a pennellate grasse volumi, consistenze, odori di una Sicilia per nulla stereotipata. E non pensate a Verga: non è realismo né verismo, quello del romanzo. Piuttosto un espressionismo venato della magia cupa del fato, la trasformazione della realtà in elemento tragico, predestinato, immutabile.

Come accade con i veri amici, spesso i libri ritornano al lettore, anche dopo molti anni, conservando intatti significato e forza; è allora che si vede la differenza fra un libro di successo, ma dimenticabile, e uno ben scritto, benché dimenticato. La vigna di uve nere è per me un libro da conservare nella memoria e nel cuore ancor più caramente che sullo scaffale.

 

firma FS5bis

 

Annunci

Tag:, , , , , ,

Categorie: diLetti

Autore:diLetti e Riletti

Blog di libri, letture, divagazioni. www.dilettieriletti.wordpress.com

Iscriviti

Iscriviti al nostro feed RSS e ai nostri profili sociali per ricevere aggiornamenti.

Trackback/Pingback

  1. Le parole di un anno: alcuni titoli (tra letti e riletti) del #2014 | diLetti e riLetti - 31 dicembre 2014

    […] Livia De Stefani, La vigna di uve nere  […]

  2. Letture precoci, riletture tardive: dilemmi di un’ex-ragazzina | diLetti e riLetti - 9 gennaio 2015

    […] oscuro di Giuseppe Berto, Il campiello sommerso di Salvalaggio, Cowboy di mezzanotte di Herlihy o La vigna di uve nere di cui ho parlato poco tempo fa. Cosa mi è rimasto di quelle fameliche letture? Di sicuro […]

E tu cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

you can call me outsider

io. tu. panna montata. manette. altre domande stupide?

orlando furioso

il blog di Deborah Donato

Se lo scrivi resta

diario di una ragazza comune, ottimista a modo suo

marisa salabelle

Fu così che Efisia Caddozzu venne al mondo. Mischinedda , pensò la levatrice mentre la presentava ai parenti riuniti. Ellusu, pensò la nonna, una parola che nel suo vocabolario alquanto limitato stava a significare molte cose diverse a seconda delle circostanze.

Luca Bottura

Satira gratuita, ma anche a pagamento

Parla della Russia

I took a speed-reading course and read War and Peace in twenty minutes. It involves Russia.

trecugggine

le cugine parlano di libri

Il pulpito del libraio

Accade in una libreria di provincia. Voi umani non potreste nemmeno immaginarlo!

aliceinwriting - vita da biblioteca e suggestioni sparse

Bibliotecaria, copywriter, scrittrice con un passato da redattore editoriale. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà. Postilla doverosa per caratterizzarmi ulteriormente: oltre ai libri, l'enorme, smodata, incontenibile passione per il cinema (sono cresciuta nella videoteca di famiglia, l'ormai serrata Video Days) e per la musica (colonne sonore di film e tanto, tanto, tanto, metal e rock in tutte le sfumature).

VITA DA EDITOR

Interviste, recensioni e retroscena dell’editoria – a cura di Giovanni Turi

Scrivere creativo

Esercizi di scrittura creativa.

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Muninn

libri da ricordare

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: